Forum - The dream in the dark

Amministratore
romana1.RM 30/04/2021 ore 18:28 Quota

(nessuno) # SEXTO CANEGALLO #

@sgrinfia.8

Inizia a studiare sotto la guida del pittore ligure Lazzaro Luxardo e successivamente frequenta i corsi di Tullio Salvatore Quinzio all’Accademia Linguistica di Genova. Inizia a dipingere utilizzando la tecnica tradizionale, ma pian piano si trasformerà in qualcosa di più evoluto.
Questa trasformazione dalla pittura accademica per la poetica divisionista di Plinio Nomellini inizia a Genova dove rimane affascinato da Angelo Morbelli, Gaetano Previati e soprattutto Rubaldo Merello.




Sexto Canegallo già da bambino realizza dipinti divisionisti trovando lo spunto nel linguaggio di Nomellini e Merello. Un forte carattere simbolico appare nelle sue opere sempre con più intensità, anche se molto probabilmente per lui è anche la dimensione ottica del colore diviso.

Già dalle sue prime tele, Sexto Canegallo non sembra tralasciare la tecnica naturalista appresa nella scuola genovese, ma al contempo è in grado di fondere i temi divisionisti e simbolisti.

Nel 1914 Sexto Canegallo va a vivere a Milano, dove viene in contatto con Romolo Romani, rimanendo affascinato dalle sue opere simboliste, con toni secessionisti. Ma guarda con ammirazione anche le linee futuriste, a l’astratto delle forme prismatiche che sono realizzate nel “Ciclo delle sensazioni“.




Quindi Sexto Canegallo inizia la sperimentazione personale con il Simbolismo, fatto di una ricca connivenza tra divisionismo, futurismo e misticismo. Utilizza le forme iridescenti e le composizioni lineari, le linee geometriche dai colori intensi, oppure come pura luce che si irradia sul supporto.

Le sue opere diventano sempre più ermetiche, mistiche, e spirituali. Le forme usate in passato vengono sostituite con composizioni astratte che poco hanno a che fare con il realismo e con il divisionismo. Inziano a comparire onde e linee direttrici dinamiche che si diffondono da volti, figure e soggetti nudi.

Utilizza simboli esoterici e alchemici nei suoi dipinti e nelle opere grafiche, confermando una decisa vicinanza al movimento ermetico dei Rosa-Croce. Da questo momento in poi realizza dipinti dedicati alle sensazioni, alla mente e alla spiritualità, alla teoria teosofica.

Riceve dalla critica un ottimo riscontro grazie alle sue opere uniche e singolari e non prende parte alle mostre ufficiali, ma negli anni ’20 gli viene proposto di esporre 50 opere nel “foyer” del Teatro Argentina a Roma dimostrandosi poi un vero trionfo e mettendolo in condizone di conoscere personaggi famosi tra cui lo scrittore Sem Benelli con il quale condivide l’interesse per il misticismo di Merello.

Nel 1925, Sexto Canegallo realizza una mostra personale “Galerie La Boetie” in Francia, che consacra il suo successo sia nei confronti del pubblico che della critica. Lo stesso anno, il pittore torna a Sestri per ultimare la ricerca ermetica e spirituale che lo contraddistingueva nel passato.

Muore a Sestri Ponente nel 1966.

2725797
@sgrinfia.8 Inizia a studiare sotto la guida del pittore ligure Lazzaro Luxardo e successivamente frequenta i corsi di Tullio...
Discussione
30/04/2021 18:28:33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
romana1.RM
Amministratore
romana1.RM 30/04/2021 ore 18:30 Quota

(nessuno) # SEXTO CANEGALLO #

@seaMYLOVE



Sexto Canegallo La folla 1920- Appartiene alla serie “Moments passionels et émotifs d’exasperations”, il dipinto venne esposto a Parigi alla Galerie La Boetie nel 1925. Esprime le vibrazioni degli “stati d’animo della collettività” tramite una sistematica organizzazione spaziale determinata dall’andamento verticale del tracciato pittorico. Così facendo il quadro, anche se conserva le tracce evidenti dell’eredità della poetica simbolista, comunica un senso di dinamismo visibile dal movimento “a onda”, fluttuante e ritmico, che tipizza la folla nella parte bassa e che consente di avvicinare il pittore genovese alle tematiche del movimento futurista.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione