Forum - Quando l'amore somiglia a un'altalena

principale

Partecipante
OosexyladyoO 05/10/2019 ore 11:33 Quota

(nessuno) Il carciofo

Forse non tutti sanno che il carciofo non è una verdura ma è un fiore, un bellissimo fiore che se lasciato sbocciare è capace di lasciare a bocca aperta chiunque ami il colore viola.




L’origine di questa pianta è antichissima.

Il suo nome, Cynara scolymus, che significa spina di terra o pianta che punge, lo si deve ad una leggenda greca che vede una ninfa trasformata in questo fiore dal dio Zeus.





La leggenda di Cynara

Cynara era un splendida ninfa dai capelli color cenere e dagli occhi verdi con delicate sfumature di viola, le ninfe erano divinità minori legate alla natura che vivevano solitamente in stagni o laghi, sui monti o nei boschi.

L’estrema bellezza di Cynara, le sue forme sinuose e il suo portamento elegante fecero si che di lei si innamorò il dio Zeus; ma lei era orgogliosa e volubile e non volle mai cedere alle lusinghe e alla lunga corte che il dio le fece.

Questo fece sentite Zeus oltraggiato, nessuna ninfa poteva resistere al re degli dei, al punto che un giorno, in un moto d’ira, la trasformò in una pianta che le assomigliava: verde, spinosa ad indicare le tante pene che il dio patì per la gelosia, e coriacea all’esterno… ma in cui si nascondeva un cuore tenero e dolce proprio come quello della ninfa di cui si era follemente innamorato. Inoltre il centro della pianta doveva ricordare i suoi occhi per questo diede alla pianta il colore viola che si rivela solo dopo la sua fioritura completa.




Oggi esistono diverse ibridazioni ottenute nell’arco di decenni come ad esempio il carciofo romano che ha una forma più rotonda e non ha quasi barba al suo interno, oppure il carciofo sardo o ligure molto affusolato e spinoso.




Dal punto di vista gastronomico e nutrizionale, il carciofo è privo di grassi e ricco di calcio, potassio e fibre inoltre contiene la cinarina, uno stimolante della secrezione biliare che aiuta a proteggere e a disintossicare il fegato; le sue proprietà si ritrovano soprattutto nelle foglie le quali aiutano a stimolare la diuresi e ad abbassare il colesterolo nel sangue, oltre a mantenere la pelle sana e luminosa, invece le radici sono utili come digestivo e diuretico. I suoi fiori viola vengono usati per il loro contenuto di lab-fermento (chimosina), usato come caglio del latte.

Se volete usare i carciofi come cura per i calcoli biliari potete versare in acqua calda una manciata di foglie e lasciarle in infusione per una decina di minuti, questo infuso andrà bevuto a digiuno e alla sera prima di coricarsi.






Se invece si vuole curare l’anemia si può far bollire due cucchiai di foglie in mezzo litro di acqua per 5 minuti e berne una tazza dopo i pasti.

Le radici invece vanno bollite a fuoco basso per 10 minuti in mezzo litro di acqua, una volta filtrata, questa bevanda bevuta nell’arco della giornata è un ottimo diuretico.

Infine col cuore del carciofo si può preparare una maschera per il viso, basta frullarlo con un po’ di limone e spalmare la crema ottenuta sul viso, lasciandola agire per una ventina di minuti si avrà una pelle più colorita, luminosa ed elastica.





Curiosità sul carciofo

Lo sapevate che sognare il carciofo significa esporsi a grandi fatiche per conquistare la persona amata?

E scommetto che non sapevate neppure che Pablo Neruda compose un’Ode al carciofo:

“Il carciofo dal tenero cuore si vestì da guerriero,
ispida edificò una piccola cupola,
si mantenne all’asciutto sotto le sue squame“
2635554
Forse non tutti sanno che il carciofo non è una verdura ma è un fiore, un bellissimo fiore che se lasciato sbocciare è capace di...
Discussione
05/10/2019 11:33:29
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione