Forum - ORTI e GIARDINI

Moderatore
AbbaZuzzu09 03/02/2021 ore 16:25 Quota

(nessuno) Cos'è l'aglio orsino?


L'aglio orsino è un'erbacea perenne simile per sapore e odore all'aglio, facile da coltivare e da sfruttare in cucina come insaporitore.
Arch. Valentina Caiazzo

L’aglio orsino è una pianta bulbosa, erbacea, perenne, eretta non molto alta, con fiori bianchi e foglie larghe, delicate e setose, dall'odore pungente di aglio. Appartiene alla famiglia delle Liliaceae come il tulipano, il giglio, il mughetto ed altre.
Nome scientifico: Allium ursinum
Classificazione superiore: Aglio
Categoria tassonomica: Specie
Specie: A. ursinum
Genere: Allium

L'Aglio orsino, spesso conosciuto con il nome di Allium ursinum è un'erbacea, bulbosa, di tipo perenne, dal portamento eretto.

Generalmente non raggiunge altezze ragguardevoli, ma si caratterizza per fiorellini piccoli e abbondanti, bianchi, corredati da fogliame largo e scuro. Appartiene alla famiglia delle Liliaceae ed è una pianta spontanea che facilmente può essere reperita nel sottobosco o in zone di campagna non troppo assolate.

Chi conosce un po' la flora locale, sa che l'aglio orsino è caratterizzato anche da un profumo piuttosto intenso e molto simile, appunto, al classico aglio, che utilizziamo solitamente in cucina.



L'aglio orsino ha un bulbo rivestito dalla forma piuttosto allungata e delle foglie lunghe e larghe, che man mano che salgono verso l'alto si ristringono fino a diventare filamentose in certi casi.

I fiori invece, come già detto sono piccoli e bianchi, riuniti in grappoli che col peso man mano ricadono verso il basso.

Sia fiori che foglie, vengono sfruttati in campo erboristico e in cucina. Le foglie vengono raccolte con l'arrivo della primavera. Un po' come accade con l'erba cipollina, vengono subito consumate fresche oppure conservate nel congelatore, già lavate e sminuzzate, un po' come accade anche con il prezzemolo.

I fiori vengono perlopiù usati in erboristeria, anche se sono anch'essi commestibili, crudi o previa cottura.



L'uso è strettamente legato al caratteristico sapore di aglio, in grado di insaporire piatti di ogni specie ; anche se pare che l'aglio orsino abbia anche proprietà benefiche sia depurative che stimolanti e antisettiche.

Questa pianta deve il suo nome proprio al fatto che dopo il letargo, gli orsi si cibavano di aglio orsino, una delle prime piante in grado di crescere all'inizio della primavera tra i boschi.

Per il suo aroma, oltre ad essere utilizzato in cucina, è perfetto anche come antiparassitario naturale per altre piante, visto che tende a tenere lontano funghi e parassiti.



Coltivazione dell'aglio orsino

Cresce spontanea anche lungo corsi d'acqua e in zone dove il terreno è particolarmente calcareo. Per chi volesse coltivarlo, l'aglio orsino può essere moltiplicato per divisione dei bulbi e dei cespi, oppure tramite semina, però da effettuarsi in contenitori di dimensioni adeguate e non troppo grandi.

Una volta nate, le piantine andranno trapiantate via via in vasetti più grandi, fino alla messa a dimora. Questa dovrà essere effettuata con cura, controllando che le piante di agli orsino non si trovino in zone troppo esposte al sole e al caldo afoso estivo, che potrebbe seccare le foglie.

Le innaffiature devono essere regolari e senza ristagni, qualora la pianta sia stata sistemata in vaso. Mentre, per quanto riguarda la piena terra, a parte periodi afosi e siccitosi, bastano le piogge.



Per chi volesse cimentarsi oltre che nella raccolta, anche nell'uso in cucina dell'aglio orsino, sappiate che le foglie spesso vengono utilizzate come alternativa al basilico in una sorta di pesto alla genovese.

Basta aggiungere formaggio, pinoli o noci e olio extravergine di oliva, pestando il tutto in un mortaio o in un più moderno frullatore.

Attenti alla foglie. Dopo averle lavate, vanno asciugate bene bene con della carta da cucina, in modo da non farle diventare nere.

www.lavorincasa.it/coltivazione-aglio-orsino
2713593
« immagine » L'aglio orsino è un'erbacea perenne simile per sapore e odore all'aglio, facile da coltivare e da sfruttare in cucin...
Discussione
03/02/2021 16:25:31
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione