Forum - vari e video

di tutto

Anekdoten
Partecipante
Anekdoten 05/09/2015 ore 16:53

(nessuno) Intel investe 50 milioni di $ nella quantistica

Intel ha dimostrato di credere nell’informatica quantistica non solo a parole, ma con il capitale. L’azienda ha annunciato una collaborazione decennale con l’Università tecnologica di Delft, nei Paesi Bassi e con il Tno, organizzazione olandese per la ricerca applicata, corroborata da cinquanta milioni di dollari e da risorse interne di ingegneria. L’obiettivo è accelerare le innovazioni nel calcolo quantistico, che promette di risolvere problemi complessi oggi ancora quasi insormontabili. Rientrano in questo campo, ad esempio, simulazioni come l’analisi finanziaria su larga scala e lo sviluppo di farmaci più efficaci. Per arrivare a un computer quantistico perfettamente funzionante, però, servirà ancora almeno “una decina d’anni”, dichiara Mike Mayberry, vicepresidente del colosso dei chip e managing director degli Intel Labs. L’idea alla base della collaborazione è che nessun ente impegnato nella ricerca potrà farcela lavorando in solitaria.

“La competenza nell'elettronica specializzata combinata con la fisica avanzata è indispensabile per avvicinare il calcolo quantistico alla realtà”, sottolinea Mayberry. Fino ad oggi, la maggior parte degli sforzi è stata profusa per sviluppare i cosiddetti quantum bit, ossia i qubit, il “cuore” di queste macchine del futuro. A differenza dei computer digitali, basati su transistor e con dati codificati in cifre binarie (bit), i dispositivi quantistici per funzionare devono utilizzare i qubit.

Questi possono esistere in più stati contemporaneamente (la cosiddetta sovrapposizione di stati quantistici), offrendo il potenziale per eseguire un gran numero di calcoli in parallelo e accelerando così il tempo richiesto per la risoluzione di un problema complesso. Questa branca scientifica ha aperto, negli ultimi trent’anni, scenari di sviluppo potenzialmente enormi, ma che finora hanno dovuto fare i conti con le dure e inflessibili leggi della fisica.

“Si tratta di uno scenario subatomico in cui vanno sospese le conoscenze attuali che abbiamo sulla fisica di base”, commenta Brian Krzanich, Ceo di Intel. “In questo caso un elettrone deve trovarsi in due posti nello stesso momento, ruotando sia in senso orario che antiorario Come si possono collegare migliaia di qubit insieme? Come possiamo controllarli? Come faremo a ‘costruirli’ in modo affidabile?”.
Domande a cui dovrà e potrà rispondere soltanto la ricerca, l’unica potenzialmente in grado di spalancare le porte di questo nuovo mondo, dal sapore ancora fantascientifico. “Per la realizzazione di circuiti complessi contenenti un grande numero di qubit sono necessarie le competenze dell’industria dei semiconduttori”, aggiunge Lieven Vandersypen, scienziato presso il QuTech, istituto di ricerca quantistica dell’Università di Delft. Intel sembra proprio avere preso la palla al balzo.
(fonte: ICT Business)
scrib
Partecipante
scrib 05/09/2015 ore 18:31

(nessuno) Intel investe 50 milioni di $ nella quantistica

L’obiettivo è accelerare le innovazioni nel calcolo quantistico, che promette di risolvere problemi complessi oggi ancora quasi insormontabili. Rientrano in questo campo, ad esempio, simulazioni come l’analisi finanziaria su larga scala e lo sviluppo di farmaci più efficaci.
Direi un investimento eccellente certamente con buoni e lodevoli propositi, come ad esempio lo sviluppo di nuovi e più efficaci farmaci, nella speranza poi aggiungo io possanno eventualmente essere accessibili a tutti
Anekdoten
Partecipante
Anekdoten 05/09/2015 ore 18:54

(nessuno) Intel investe 50 milioni di $ nella quantistica

@scrib Direi un investimento eccellente certamente con buoni e lodevoli propositi, :

Non so se uscirà mai fuori, ma sono in molti a credere che un super computer quantistico spalancherebbe le porte al teletrasporto, a cui gruppi di scienziati in segreto stanno studiando.
GinevraNa
Partecipante
GinevraNa 05/09/2015 ore 19:07 Quota

(nessuno) Intel investe 50 milioni di $ nella quantistica

@Anekdoten :
L'informatica quantistica può quindi essere definita come l'insieme di tecniche di calcolo e del loro studio che utilizzano i quanti per memorizzare ed elaborare informazioni. Molti i punti che la differenziano dall'informatica classica, soprattutto nei suo principi fondanti.
L'informatica quantistica, innanzitutto, si fonda sul principio del no-cloning: l'informazione non può essere copiata con fedeltà assoluta né, quindi, letta con fedeltà assoluta. Può essere, però, trasferita con fedeltà assoluta, a patto che l'originale venga distrutto nel corso del processo: è il caso del teletrasporto quantistico, ottenuto per la prima volta da Nielsen, Klinn e LaFlamme nel 1988. Ogni misura compiuta sullo stato quantistico distrugge gran parte dell'informazione in esso contenuta, lasciandolo in uno “stato base”. L'informazione, infine, può essere codificata e verrà codificata con correlazioni non locali tra diverse parti del sistema fisico basate sull'entanglement quantistico.
Pur potendo apparire meno definita e meno “precisa” rispetto all'informatica così come oggi noi la conosciamo, è dimostrabile che le Macchine di Turing quantistiche non solo possono raggiungere lo stesso grado di precisione delle Macchine di Turing classiche, ma possono compiere calcoli e operazioni impossibili per quest'ultima.
Che cos'è il qubit
Se la base dell'informatica classica è il bit inteso come unità minima di informazione, alla base dell'informatica quantistica troviamo il qubit o bit quantistico. Rispetto al “bit classico”, il bit quantistico offre una maggiore versatilità e potenzialità di calcolo. Mentre il primo può assumere solamente un valore ben definito (“0” o “1”, “aperto” o “chiuso”, “acceso” o “spento”), il qubit può assumere anche valori sovrapposti. In base al Principio di indeterminazione di Heisenberg, un elemento quantistico – quale il qubit – non avrà mai uno “stato valoriale” ben definito, ma avrà valori sovrapposti e indeterminabili. Nel celebre paradosso proposto da Schrödinger per spiegare la sua teoria, il gatto può essere contemporaneamente vivo o morto; nel caso degli elettroni questo principio impone che è impossibile determinare con certezza, nell'istante di tempo t, l'energia associata ad essi e contemporaneamente la loro posizione. Pertanto, in base ai parametri del sistema, saranno possibili molte combinazioni di energie e posizioni, ma non tutte. Per lo stesso principio nell'informatica quantistica il qubit potrà assumere contemporaneamente il valore di “0” e di “1”.
Ciò ha una ricaduta molto importante dal punto di vista del calcolo informatico: potendo assumere contemporaneamente più valori, il qubit permette di processare una quantità maggiore di informazioni, garantendo quindi un maggior scambio informativo rispetto all'informatica classica, limitata dalla sua scala binaria (“0” oppure “1”).
GinevraNa
Partecipante
GinevraNa 05/09/2015 ore 19:10 Quota

(nessuno) Intel investe 50 milioni di $ nella quantistica

@Anekdoten :
Che cos'è il computer quantistico
Un computer quantistico (conosciuto anche come supercomputer quantistico) è un dispositivo di calcolo che fa uso diretto dei fenomeni quanto-meccanici – come l'entanglement e la sovrapposizione – per compiere operazioni su dati di varia natura. La differenza fondamentale con i computer “classici” - o quanto meno quella più “visibile” - sta nell'unità di informazione utilizzata per lo svolgimento delle operazioni: il bit nell'informatica classica – e nei calcolatori classici -, il qubit nell'informatica quantistica – e nei calcolatori quantistici. Il campo del calcolo quantistico venne “inaugurato” da Yuri Manin nel 1980 e Richard Feyman nel 1982.
L'utilizzo di computer quantistici su larga scala permetterebbe di risolvere alcune tipologie di problemi molto più velocemente di quanto fatto con i metodi dell'informatica classica. L'utilizzo di particolari algoritmi – come l'algoritmo di Shor per la fattorizzazione degli interi o la simulazione quantistica o ancora l'algoritmo di Simon – permettono di venire a capo di problemi di natura probabilistica in maniera più veloce di quanto possibile utilizzando algoritmi classici.
Anekdoten
Partecipante
Anekdoten 05/09/2015 ore 20:06

(nessuno) Intel investe 50 milioni di $ nella quantistica

@GinevraNa :
BRAVA HAI STUDIATO! :D
scrib
Partecipante
scrib 06/09/2015 ore 17:00

(nessuno) Intel investe 50 milioni di $ nella quantistica

@Anekdoten scrive:
che un super computer quantistico spalancherebbe le porte al teletrasporto, a cui gruppi di scienziati in segreto stanno studiando.

Non so se e quando uscirà, però sarebbe senz'altro assai interessante :ok

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione