Forum - Salute Benessere

Salute benessere consigli

gufo59
Partecipante
gufo59 23/06/2016 ore 07:42

(nessuno) Il potere dell’affetto che cura anche un cervello malato.

@serena.10 : stupendo :ok :clap :bye :fiore
serena.10
Partecipante
serena.10 23/06/2016 ore 09:19

(nessuno) Il potere dell’affetto che cura anche un cervello malato.









@ti67 scrive:
avevo letto su un giornale che un ospedale italiano stavano provando la pet teraphy in un reparto bimbi




Con il termine pet therapy s'intende, generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale.





Si tratta di una terapia che integra, rafforza e coadiuva le tradizionali terapie e può essere impiegata su pazienti affetti da differenti patologie con obiettivi di miglioramento comportamentale, fisico, cognitivo, psicosociale e psicologico-emotivo.

La pet therapy non è quindi una terapia a sé stante, ma una co-terapia che affianca una terapia tradizionale in corso. Lo scopo di queste co-terapie è quello di facilitare l'approccio medico e terapeutico delle varie figure mediche e riabilitative soprattutto nei casi in cui il paziente non dimostra collaborazione spontanea. La presenza di un animale permette in molti casi di consolidare un rapporto emotivo con il paziente e, tramite questo rapporto, stabilire sia un canale di comunicazione paziente-animale-medico sia stimolare la partecipazione attiva del paziente.









sono ancora poche le strutture che offrono la pet therapy, auguriamoci che vada avanti questa iniziativa!!




Fu lo psichiatra infantile, Boris Levinson, a enunciare per la prima volta, intorno al 1960, le sue teorie sui benefici della compagnia degli animali, che egli stesso applicò nella cura dei suoi pazienti.

Nel 1997, viene fondata in Australia la Delta Society, che si occupa di studiare gli effetti terapeutici legati alla compagnia degli animali.

Oggi la pet therapy, che solo recentemente ha ottenuto il giusto riconoscimento, trova ampia applicazione in svariati settori socio-assistenziali, tra i quali: case di riposo, ospedali, comunità di recupero.







Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione