Forum - Salute Benessere

Salute benessere consigli

Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 14/03/2015 ore 09:55 Quota

(nessuno) Paura di volare, aviofobia

Ben due italiani su tre hanno paura di prendere l'aereo, una vera e propria fobia conosciuta come aviofobia (paura di volare in aereo). Il dato emerge da uno studio condotto dall'EURODAP, Associazione Europea Disturbi Attacchi di Panico, che attraverso un questionario ha esaminato un campione di 600 persone. In base alla ricerca, la paura di volare condiziona la scelta delle vacanze limitando pesantemente il numero delle destinazioni.
La dottoressa Paola Vinciguerra, psicoterapeuta presso l'UIAP (Unità Italiana Attacchi di Panico) e Presidente dell'EURODAP, spiega che delle 600 persone che hanno risposto al questionario ben 200 hanno ammesso direttamente la loro fobia per l'aereo. Dall'analisi delle risposte è però emerso che altre persone (150), quando possibile, preferivano evitare l'aereo come mezzo di trasporto. Del totale, solo 250 hanno risposto che adoperano l'aereo senza problemi per raggiungere la propria meta turistica.
La psicoterapeuta spiega che dall'analisi dei dati si può notare una cosa, la paura di volare non è un comportamento isolato. Del fenomeno dell'aviofobia se ne sono accorte anche diverse compagnie aeree che per andare in contro ai clienti hanno messo a punto degli stage specifici. Paola Vinciguerra spiega che la motivazione di un comportamento così diffuso è da ricercarsi sicuramente nel fatto che l'essere umano sta attraversando un periodo di grande insicurezza sociale, economica, territoriale ed esistenziale. L'istinto porta ad aumentare gli atteggiamenti di controllo, in pratica si cerca di compiere azioni direttamente controllabili dall'individuo, una situazione che però limita fortemente le persone. Andare in aereo è la massima rappresentazione del lasciarsi andare in un ambiente che non appartiene all'uomo, se si prende il treno si può sempre continuare a piedi, con la nave si può nuotare, ma in aereo è diverso. Razionalmente uno sa che se deve accadere qualcosa accade lo stesso, ma c'è una parte inconscia che a volte è difficile da controllare.
Che reazioni innesca la paura di volare? Si ha la sensazione che la gola si chiuda, la respirazione diventa più faticosa, le mani iniziano a sudare e si ha un senso di paralisi alle gambe, la testa inizia a girare e il cuore inizia a battere sempre più forte come se ci trovassimo veramente in una situazione di pericolo. Tutte queste reazioni sono immotivate, nascono da un "errore" di valutazione del cervello innescato dalla convinzione di essere in pericolo.
Paola Vinciguerra spiega che se ci osservassimo meglio, anziché razionalizzare tanti piccoli comportamenti di controllo rendendoli normali, ci potremo rendere conto che ci troviamo in uno stato ansioso e, prima di arrivare ad una vera e propria esperienza traumatica di panico, potremo imparare a controllare questi impulsi seguendo dei corsi di gestione dell'ansia.
Per fronteggiare la paura di volare, la soluzione migliore non è di certo quella di pensare che tanto si può fare a meno di prendere l'aereo. Ogni cosa che noi evitiamo per paura, indebolisce il rapporto di fiducia con noi stessi portando alla conseguenza che nel tempo le cose che ci fanno paura possono aumentare ed il disagio psichico propagarsi a varie situazioni. Prima ancora di scegliere la terapia più idonea, è importante fare una diagnosi appropriata, capire se ci troviamo di fronte a una fobia sviluppata a causa di un trauma o se la problematica è rappresentazione di un'ansia generalizzata spostata su un oggetto, come potrebbe essere l'aereo.
Nel caso in cui una fobia, come ad esempio la paura di volare, sia stata causata da un trauma, si potrebbe ricorrere ad una tecnica conosciuta come EMDR, un nuovo metodo di psicoterapia usato fondamentalmente per accedere, neutralizzare e portare a una risoluzione adattiva i ricordi di esperienze traumatiche che stanno alla base di disturbi psicologici.
Nel secondo caso, un'ansia generalizzata relativa ad un oggetto, si può affrontare il problema facendo ricorso a varie tecniche psicoterapeutiche, come la bioenergetica e la psicologia positiva, volte a migliorare il rapporto di fiducia con se stessi e la gestione degli stati d'ansia.
C.uccioloInnamorato
Partecipante
C.uccioloInnamorato 14/03/2015 ore 10:22

(nessuno) Paura di volare, aviofobia




e una cosa strana su un aereo ho paura di salire e ho fatto parapendio fino un anno fa
s.ergiothebest
Partecipante
s.ergiothebest 14/03/2015 ore 10:23 Quota

(nessuno) Paura di volare, aviofobia

@IOXSONGXLEGGEND scrive:
La dottoressa Paola Vinciguerra, psicoterapeuta presso l'UIAP (Unità Italiana Attacchi di Panico) e

BELLO
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 14/03/2015 ore 10:24 Quota

(nessuno) Paura di volare, aviofobia

@C.uccioloInnamorato scrive:
e una cosa strana su un aereo ho paura di salire e ho fatto parapendio fino un anno fa

vero è strano
serena.10
Partecipante
serena.10 14/03/2015 ore 14:24

(nessuno) Paura di volare, aviofobia

@C.uccioloInnamorato scrive:
e una cosa strana su un aereo ho paura di salire e ho fatto parapendio fino un anno fa

:clap :clap SI IL PARAPENDIO
C.onigliettasolare
Partecipante
C.onigliettasolare 14/03/2015 ore 14:43

(nessuno) Paura di volare, aviofobia

combattere o quantomeno controllare la fobia di volare.


informarsi
Informarsi prima di tutto - Secondo gli esperti molte delle situazioni che scatenano il panico nei casi di aerofobia sono interpretazioni erronee di normali condizioni legate al volo. Un esempio su tutti. Mentre in fase di decollo la salita è legata a una forte accelerazione che il passeggero percepisce chiaramente, in seguito l'aereo continua a salire a velocità costante. Questa mancanza di accelerazione viene percepita come una difficoltà dell'aereo. Stessa cosa nel caso delle turbolenze. Gli scossoni legati ai vuoti d'aria non sono altro che normale amministrazione. L'aereo è progettato per subire turbolenze ben più gravi. Un consiglio utile ci arriva dal forum dal nostro Norwegian. Approfondire un po' l'aspetto tecnico (cosa permette ad un aereo di volare, quali sono i dispositivi di sicurezza sui liner moderni, quali sono le procedure di sicurezza, come viene organizzata la manutenzione degli aeromobili, quale tipo di addestramento viene imposto ai piloti) potrebbe essere un aiuto per superare la paura di volare.
Assodato che è nell’interesse di tutti che il livello di sicurezza sia il più elevato possibile, l'obiezione è facile. Errare è umano e quando succede nei casi legati al volo non c'è scampo. Il livello di sicurezza dei velivoli e del sistema aviazione è garantito attraverso processi e verifiche ridondanti e continue. A proposito della ridondanza, un aereo è progettato sempre con sistemi alternativi che alla messa fuori uso di un componente lo sostituiscono senza pregiudicare il volo. Primi step per alleggerire la paura dunque, conoscere e fidarsi.

Fidarsi delle proprie sensazioni è essenziale. Bisogna però trovare il modo per interpretarle positivamente. Solitamente la paura genera ansia. Quando non si tratta di un vero e proprio attacco di panico l'ansia finisce per assomigliare a quella sensazione spiacevole che interpretiamo spesso come il presagio di una sventura. Non lasciatevi fuorviare da questi meccanismi a bordo di un aereo. Mantenere la lucidità è essenziale a non alimentare la paura.
Non siete i soli ad avere paura - Il forum di Zingarate ne è la prova. Non consideratevi pecore nere o mosche bianche. Secondo i sondaggi il 50% degli italiani soffre di aerofobia. Allora come mai una volta saliti a bordo sembriamo sempre gli unici in preda al panico? Non pensateci minamente, non sono solo quelli che non hanno paura a volare ripetutamente. Mentre è difficile vincere la paura, è facile dominarla. Focalizzarsi sul pensiero che i passeggeri intorno a voi lo stanno facendo potrebbe aiutarvi.



sedileScegliere il sedile giusto - E ora passiamo alle dritte pratiche. Volare su un MD-83 seduti all'ultimo posto, proprio sopra il frastuono dei motori non calmerà di certo la vostra fobia. Volando su un Airbus A320 le file in cui le manovre del pilota si sentono meno vanno dalla 6 alla 11. Date dunque importanza alla scelta del sedile. Su www.seatguru.com potrete controllare compagnia per compagnia quali sono i sedili dedicati alle uscite di emergenza, centrali e più larghi, dove si trovano i motori e altre info per prenotare il posto in aereo più adatto alle vostre esigenze e soprattutto a tenere sotto controllo la paura di volare.



meteoPrima di salire a bordo - Qualche piccolo accorgimento prima di prendere l'aereo non è da sottovalutare. Buona norma si sa è quella di evitare bevande eccitanti, come il caffè, prima di affrontare situazioni di stress e ansia. Cercare di riposarsi a dovere prima di partire per evitare che la stanchezza amplifichi il malessere. Altrettanto scontato, ma di estrema importanza, quindi sempre meglio ribadirlo, è non alimentare le paure e fantasie nei modi più vari. Evitate di guardare il meteo prima di partire in cerca di turbolenze e resistete alla tentazione di una ricerca in rete dei disastri aerei più recenti, magari leggendo mille dettagli sulle tragedie in questione.

trainingTecniche di rilassamento - Ci sono svariate tecniche, mutuate dalle pratiche e filosofie orientali o sviluppati da psicologi e terapeuti. Le tecniche di rilassamento, come il training autogeno o il rilassamento progressivo di Jacobson, possono aiutare a controllare la paura o qualntomeno a evitare condizioni di panico. La maggior parte di queste tecniche è basata sulla respirazione diaframmatica, un abuona pratica utile in realtà nella cita di tutti i giorni. Informarsi su forum dedicati, a patto se siamo seri e moderati da dottori e psicoterapeuti, potrebbe essere utile per conoscere altre pratiche e tecniche utili. www.ilvolo.it è moderato dal dott. Luca Evangelisti, psicoterapeuta esperto in aerofobie.

ansioliticiCosa mettere nel bagaglio a mano - Normalmente il bagaglio a mano va riposto negli appositi scmparti e specialmente durante la fase di decollo eventuali borse e oggetti non possono essere lasciati vagare sui sedili dei passeggeri. Portate con voi un libro, lettore mp3, il pc e qualsiaisi cosa sia di vostro gradimento pro relax. Se la vostra fobia è abbastanza grave portate con voi ansiolitici in gocce o in pastiglie. Dal sito dell'Enac, suggerisce il nostro palaz, si evince che si può: "trasportare, all’interno del bagaglio a mano, possibilmente limitandoli a quanto necessario per il viaggio aereo, medicinali e prodotti dietetici, come gli alimenti per bambini. Potrebbe essere necessario fornire prova dell’effettiva necessità ed autenticità di tali articoli. Per questo motivo, e a scanso di rogne varie, è bene farsi fare una prescrizione medica "d' accompagno". Prendete gli ansiolitici prima della partenza, ci mettono un po' a fare effetto o ricordatevi di metterveli in tasca prima del decollo, in modo da usufruirne, nel caso, anche in questa fase. E quando si spengono le luci è il momento di distrarsi.

letturaDistrarsi - Tirate fuori il vostro libro, speriamo non un thriller cruento o un noir, il pc o il lettore mp3. Della buona musica, la lettura o che ne so, le cruciverba o un bel fascicolo di schemi di sudoku, vi aiuteranno a dirottare la mente verso altri lidi e a distrarvi. Nel caso sia troppo faticoso concentrarsi su numeri o parole è allora il caso di sfruttare a pieno la socialità del passeggero seduto accanto a voi. Parlate, ma soprattutto fatelo parlare, evitando magari di enfatizzare la vostra fobia che finirebbe per monopolizzare la conversazione.

E se il panico prende il sopravvento? - Non temete di fare domande al personale di bordo della serie "cos'era quel rumore? E' normale che l'ala si muova così?". Vi spiegheranno che si tratta di normale amministrazione e ad esempio che le ali devono per necessità assecondare il vento. Parlare vi aiuterà a distrarvi e, avere delle risposte pronte, logiche e razionali, vi aiuterà a calmarvi senza rimanere soli con paranoie che potrebbero continuare a crescere. Il personale di bordo è addestrato a interagire con queste fobie e con altri disturbi legati al volo e saprà come aiutarvi.

Il sito web sulla paura di volare - Per provare a superare la paura di volare, Delta Airlines ha promosso paura-di-volare.it il sito web che ha l’obiettivo di analizzare le cause che determinano l’origine di questa paura con un vero e proprio manuale. Potrete misurare il vostro livello di disagio in volo grazie ad un barometro della paura. Evitare tè e caffè, non isolarsi, passeggiare lungo l’aeroplano, tenere gli occhi aperti, sono solo alcuni dei pratici consigli da tenere a mente. Il sito offre programmi personalizzati e seminari di gruppo per ridurre ed eliminare la paura di volare.
ombra.1961
Amministratore
ombra.1961 14/03/2015 ore 15:52 Quota

(nessuno) Paura di volare, aviofobia

@C.uccioloInnamorato scrive:
su un aereo ho paura di salire e ho fatto parapendio


probabile perchè usi un mezzo da volo libero e sei tu il protagonista, mentre nell'aereo sei portato e quindi la tua vita nelle mani di terze persone. Prova a pilotare un aereo e vedi cosa succede.
C.uccioloInnamorato
Partecipante
C.uccioloInnamorato 14/03/2015 ore 16:02

(nessuno) Paura di volare, aviofobia

@ombra.1961 : si e vero ti do ragione e cosi sono io a comandare e a dirigere il volo ho rischiato tre volte di precipitare ma dopo questi spaventi non è che ho avuto paura di risalire e non e facile gettarsi nel vuoto mi lanciavo da 2000 metri ma senza nessuna paura poi ho smesso dopo la morte di un mio carissimo amico o detto basta.
C.uccioloInnamorato
Partecipante
C.uccioloInnamorato 14/03/2015 ore 20:19

(nessuno) Paura di volare, aviofobia

@serena.10 :



credevo di non averlo più questo e uno dei video che ho girato in volo con la telecamera istallata sul parapendio e stato stupendo

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione