Forum - Napoli, la città 'd'o sole e d'o mare'

Amministratore
serena1O 27/03/2021 ore 22:39 Quota

(nessuno) Ricunuscenza: quanto è attuale la celebre poesia di Totò



Chiunque, anche non avendo visto alcun film di Totò, sa che «il principe della risata», è considerato uno dei maggiori interpreti nella storia del teatro e del cinema italiano.

Totò, pseudonimo di Antonio de Curtis, rappresenta tutt’oggi il simbolo della cultura napoletana. Genio del cinema italiano, faceva trasparire la sua napoletanità attraverso la sua mimica e il suo linguaggio. La sua ironia, pungente al punto giusto, toccava diversi ambiti del reale, con un’analisi critica attenta e arguta.

Ciò che potremmo costatare, leggendo le poesie di Totò, è l’incredibile attualità che queste contengono. Perché Totò non era solo il principe della risata: lui era un uomo con le proprie debolezze, come tutti noi. Era una artista non pienamente apprezzato durante la sua vita e poi rivalutato dopo la sua morte. Nei suoi versi non traspare solo ironia, ma tanta attualità e attraverso la sua arte, egli ci fa riflettere sulle contraddizioni e sulle negatività del reale.

Totò e la poesia “Ricunuscenza”
Stanòtte ‘a dint’o liétto cu nu strillo

aggio miso arrevuóto tutt’a casa,

me so’ mmiso a zzumpà cómme a n’arillo…

E nun me faccio ancòra persuaso.



Ma cómme, dico io po’, cu’ tanta suónne

i’ me so’ ghiuto a ffà ‘o cchiù malamènte;

sti suónne sóngo suónne ca te pònno

fà rummanné stecchito cómme a nniénte.



I’ stévo allérta ‘ncòppa a na muntagna.

Tutt’a nu tratto sènto ‘nu lamiénto…

‘O pizzo addò stév’i’ èra sulagno…

Dicètte ‘ncapo a mme: E’ chisto è ‘o viénto!



Piglio e mme méngo pe nu canalóne

e véco sott’a n’àlbero piangènte

nu fuósso chino ‘e prète a cuppolóne…

e sótto a ttutto stéva nu serpènte.



“Aiuto! Aiuto!” ‘O pòvero animale

se mettétte ‘alluccà cu tutt’o ciato!

Appena me vedètte: “Ménu male!…

Salvàtemi! I’ mo mòro asfessiato!”.



E chi t’ha cumbinato ‘e sta manèra?-

ll’addimannaje mèntr’o libberavo.

-E’ stato ‘nu signóre aieresséra-

me rispunnètte, e già se repigliava.



-Si nun èra pe vvuje i’ ccà murévo.

Facìteve abbraccià, mio salvatóre!-

Me s’arravòglia attuórno e s’astrignéva

ca n’atu ppòco me schiattava ‘o còre.



Làssame! – lle dicètte – ‘O vvi’ ca i’ mòro?-

E chianu chiano me mancava ‘a fòrza,

‘o còre me sbattéva…ll’uócchie ‘a fòra,

mèntre ‘o serpènte cchiù strignéva ‘a mòrza!



-Chisto è ‘o ringraziamènto ca me faje?

Chésta è ‘a ricunuscènza ca tu puórte?

A chi t’ha fatto bbène chésto faje?

..Ca si’ cuntènto quanno ‘o vide muórto!-



-Amico mio, serpènte i’ sóngo nato!…

…Chi nasce sèrpe è ‘nfamo e sènza còre!…

…Perciò t’aggia mangià! Ma t’hê scurdato

…ca ll’òmmo, spisso, fa’ chiù pèggio ancòra?!-

Totò racconta un incubo fatto durante la notte, in cui salva un serpente che implora aiuto, ma questo, privo di riconoscenza, vuole poi mangiarlo.

Dunque, il serpente rappresenta l’infamia e la cattiveria di quelle persone che ti pugnalano alle spalle quando meno te lo aspetti, nonostante il bene ricevuto. Leggendo questa bella poesia, certamente possiamo renderci conto di quanto sia attuale. Infatti, a ognuno è capitato, almeno una volta, di ricevere del male ingiustamente nella propria vita. Capita spesso di aiutare persone che credevamo amiche, ma che poi si rivelano delle serpi velenose.

L’irriconoscenza risiede proprio nella mancanza di gratitudine verso chi ti ha fatto del bene ed è certamente un problema attuale, riscontrabile tutt’oggi nei rapporti sociali. Spesso mettiamo anima e cuore in alcune relazioni, ricevendo in cambio nulla o addirittura, pugnalate alle spalle. Sopraggiunge poi la disillusione, poiché, ci chiediamo il motivo di certi comportamenti, proprio come Totò con il serpente:

“Chisto è ‘o ringraziamènto ca me faje?

Chésta è ‘a ricunuscènza ca tu puórte?

A chi t’ha fatto bbène chésto faje?

Ca si’ cuntènto quanno ‘o vide muórto!”

Il serpente risponde di essere nato come tale, dunque di essere infame e senza cuore. Totò, dunque, con un’abilità incredibile, mescolando satira e ironia a riflessioni certamente attuali, ci fa comprendere l’impossibilità di alcune persone di usare il proprio cuore. Infatti, il serpente afferma:

“Ma t’hê scurdato

…ca ll’òmmo, spisso, fa’ chiù pèggio ancòra?!”

Il serpente, argutamente, risponde che spesso l’uomo si comporta anche peggio. Certamente, non possiamo dargli torto. Spesso facciamo del bene e riceviamo del male da conoscenti, amici o addirittura parenti. Forse, Totò ha voluto proprio farci riflettere su come, tra gli umani, si annidino delle serpi velenose che piangono commiserazione ma che, alla prima occasione, possono avvelenarti nel peggiore dei modi.

Il celebre principe della risata coglie il pessimismo radicato nel reale e lo trasforma in arte, incantando, grazie al suo genio artistico. La sua comicità, dunque, trova riscontro proprio nella cattiveria umana, perché, in fondo, l’ironia è l’arma migliore per sconfiggerla.

L’umorismo è l’arma migliore per sdrammatizzare, far riflettere, ridere, e questo, Antonio de Curtis, lo fa egregiamente, grazie alla sua geniale vena artistica.
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 28/03/2021 ore 21:48 Quota

(nessuno) Ricunuscenza: quanto è attuale la celebre poesia di Totò

@serena1O scrive:
Il celebre principe della risata coglie il pessimismo radicato nel reale e lo trasforma in arte, incantando, grazie al suo genio artistico. La sua comicità, dunque, trova riscontro proprio nella cattiveria umana, perché, in fondo, l’ironia è l’arma migliore per sconfiggerla.

L’umorismo è l’arma migliore per sdrammatizzare, far riflettere, ridere, e questo, Antonio de Curtis, lo fa egregiamente, grazie alla sua geniale vena artistica.

:cuore

grande totò,unico e inimitabile

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione