Forum - Napoli, la città 'd'o sole e d'o mare'

Amministratore
serena1O 05/01/2021 ore 19:48 Quota

(nessuno) NA BEFANA







NA BEFANA
A Napoli si da l'ppellativo di befana alle donne vecchie, brutte e trascurate, forse perche, nonostante la sua funzione di portatrice di doni a bambini, la befana viene raffigurata come una vecchina dall'aspetto trasandato di una fattucchiera: non a caso usa la scopa volante simbolo di poteri stregoneschi. Una leggenda narra che i Re Magi (purificatori e sacerdoti del fuoco, di origine persiana), guidati dalla stella cometa, attraversarono numerosi paesi con i doni da portare al Bambino Divino. In ogni luogo in cui passavano, gli abitanti offrivano doni. Solo una vecchietta non diede nulla. Ma poi, pentitasi di non essere partita, prepar² un cesto di dolci, usc di casa in cerca del corteo magico. Cos' comincia a fermarsi presso ogni casa che incontrava lungo il suo cammino, donando dolciumi ai bambini, nella speranza che uno di essi fosse il piccolo Ges¹. Da allora, la leggenda vuole che la vecchietta giri ancora per il mondo, facendo regali a tutti i bambini, per farsi perdonare. Nella nostra tradizione popolare, la Befana ha assunto un significato legato alla sua origine rurale. Come Babbo Natale, scende nelle case attraverso i camini, un simbolico punto di contatto tra la terra e il cielo, e distribuisce due tipi di doni: i doni buoni (presagio di buone novita della stagione), come ad esempio dei dolci o dei frutti, e il carbone (residuo del passato) a simboleggiare che non si stati poi cos' buoni durante l'anno. Al pari delle streghe, la Befana (etimologicamente storpiatura del termine Epifania, dal greco neia, apparizioni, manifestazioni divine) fu in un primo tempo condannata dalla Chiesa, poi riportata in auge: infatti la dodicesima notte dopo il Natale, ossia dopo il solstizio invernale, si celebrava la morte e la rinascita della natura, attraverso la figura pagana di Madre Natura, che, essendo stanca per aver sopportato le crudezze invernali, appariva sotto forma di una vecchia e benevola strega, che volava per i cieli con una scopa, pronta ad essere bruciata come un ramo, ma anche a rinascere dalle ceneri giovane e bella. Prima di perire per, la vecchina passava a distribuire doni e dolci a tutti, in modo da piantare i semi che sarebbero nati durante l'anno successivo. A Napoli sono da obbligo (quando non ci sono le limitazioni del Covid) le bancarelle con dolciumi e piccoli giocattoli aperte anche nella notte tra il 5 e il 6 gennaio, a Piazza Mercato e nei principali mercatini rionali. Non manchera , poi, il tradizionale Concerto dellaEpifania stasera dalle ore 23:15 trasmesso questa™anno da Napoli dal Complesso Monumentale di Santa Maria La Nova: visibile su Rai1, ha come tema Abbracciami, Sul palco saliranno tanti grandi artisti. Ci sara infatti Mario Biondi, con il brano Notte che se ne va, un omaggio a Pino Daniele, e poi Peppino di Capri con la sua Canzona mia. Non mancheranno Enzo Gragnaniello che proporra Senza Voce, Sal Da Vinci con il brano Viento e Andrea Sannino con la sua Abbracciame che ha dato speranza in tutto il mondo; Massimiliano Gallo, con il suo testo L'amore e Peppe Barra con il celebre Cammina cammina e tanti altri ancora
2709360
« immagine » NA BEFANA A Napoli si da l'ppellativo di befana alle donne vecchie, brutte e trascurate, forse perche, nonostante la...
Discussione
05/01/2021 19:48:53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 05/01/2021 ore 22:25 Quota

(nessuno) NA BEFANA

Originariamente la Befana era simbolo dell’anno appena passato, un anno ormai vecchio proprio come lo è la Befana stessa. I doni che la vecchietta portava, erano dei simboli di buon auspicio per l’anno che sarebbe iniziato.

Nella tradizione cristiana, la storia della befana è strettamente legata a quella dei Re Magi. La leggenda narra che in una freddissima notte d’inverno Baldassare, Gasparre e Melchiorre, nel lungo viaggio per arrivare a Betlemme da Gesù Bambino, non riuscendo a trovare la strada, chiesero informazioni ad una vecchietta che indicò loro il cammino. I Re Magi, allora, invitarono la donna ad unirsi a loro, ma, nonostante le insistenze la vecchina rifiutò. Una volta che i Re Magi se ne furono andati, essa si pentì di non averli seguiti e allora preparò un sacco pieno di dolci e si mise a cercarli, ma senza successo. La vecchietta, quindi, iniziò a bussare ad ogni porta, regalando ad ogni bambino che incontrava dei dolcetti, nella speranza che uno di loro fosse proprio Gesù Bambino.

serena1O
Amministratore
serena1O 06/01/2021 ore 19:18 Quota

(nessuno) NA BEFANA








@IOXSONGXLEGGEND :


N’ATA BEFANA
È sempe ‘a stessa! ‘A stessa vicchiazzola
cu ‘a sguessa, senza diente e cu ‘o scartiello,
ca va giranno ancora sola sola
ncopp’a ‘na scopa e cu ‘nu sacchetiello
nzeppato ‘e pazzielle, ‘e ciucculata,
aglie, cepolle, ciociole e gravune,
‘na notte sana sana, affaccennata
a fà felice ‘o munno d”e guagliune.
pe’ fà ‘nu rialuccio a tutte quante,
invece ‘e ‘na nuttata, ‘na semmana
girasse pe purtà pure ê rignante
pistole ‘e mele, cannuncine ‘e chiummo,
bombe ‘e cartone e missile ‘e lignammo,
comme pe’ dì: - Ma nun facimmo fummo!
Scurdammoce d’‘o mmale e perdunammo! -
‘O meglio cumprimento sarria chisto,
purtato dâ Befana cchiù verace
pecché se mettarria â servizio ‘e Cristo
pe’ scatenà ‘nu sentimento ‘e pace!
(Giovanni Novi)

scartiello: , càrtellos, cesto, preceduto da una “s” deprivativa: tolto il cesto, la schiena che ha sopportato il peso, rimane curva. Quindi la gobba è dovuta alla posizione del corpo di uomo e donna diventati curvi sotto il peso i un cesto; nel caso della Befana, il cesto è pieno di doni. L’idea che toccare la gobba porti fortuna deriva dalle credenze medievali, quando la religione si accompagnava a riti magici e Dio e a Satana erano l'interfaccia del Bene e del Male. Quando un uomo aveva la gobba voleva dire che Dio lo aveva toccato e di questo tocco era rimasto il segno nella gobba: toccarla quindi era per i credenti toccare la mano del Signore. Diverso discorso si faceva per la donna: fortemente maschilista, la società medievale guardava con sospetto le donne, ancor di più se queste erano affette da deformità, sicuramente causate da rapporti poco chiari con il Demonio.
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 06/01/2021 ore 21:33 Quota

(nessuno) NA BEFANA

@serena1O scrive:
N’ATA BEFANA
È sempe ‘a stessa! ‘A stessa vicchiazzola
cu ‘a sguessa, senza diente e cu ‘o scartiello,
ca va giranno ancora sola sola
ncopp’a ‘na scopa e cu ‘nu sacchetiello
nzeppato ‘e pazzielle, ‘e ciucculata,
aglie, cepolle, ciociole e gravune,
‘na notte sana sana, affaccennata
a fà felice ‘o munno d”e guagliune.
pe’ fà ‘nu rialuccio a tutte quante,
invece ‘e ‘na nuttata, ‘na semmana
girasse pe purtà pure ê rignante
pistole ‘e mele, cannuncine ‘e chiummo,
bombe ‘e cartone e missile ‘e lignammo,
comme pe’ dì: - Ma nun facimmo fummo!
Scurdammoce d’‘o mmale e perdunammo! -
‘O meglio cumprimento sarria chisto,
purtato dâ Befana cchiù verace
pecché se mettarria â servizio ‘e Cristo
pe’ scatenà ‘nu sentimento ‘e pace!

:cuore

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione