Forum - Napoli, la città 'd'o sole e d'o mare'

Amministratore
serena1O 14/10/2020 ore 18:46 Quota

(nessuno) E mmeglio parole








E mmeglio parole
Comme so' strane 'e pparole,
cagnane quanno e comme 'e ddice,
tanno te ponno dà tanto dolure
tanno te ponno fà tanto felice.
Si dice "Io t'amo" a quaccheduno
tu vire po ca nun è sempe 'o stesso,
a vvote regne 'e gioia 'o core 'e uno,
a vvote 'nvece te pigliene pe fesso …
'O stisso si tu dice "Io te lasso",
ce sta chi se dispera e chiagnarria
e chi, chinanno ll’uocchie e 'a faccia abbascio,
te murmurea: "uhé … lassa fà a DDio!"
'Sta vita è 'na cummedia senza trame
cagne ogne vota 'a scena e 'e persunagge:
ce sta chi parla bbuono e po' fa 'o 'nfame,
chi se fotte 'e paura e prereca curaggio …
'A cosa meglio 'a fà, p'ognuno 'e nuje,
è chella 'e stà a posto cu 'a cuscienza,
perciò, ognuno sceglie a modo sujo
chello ca fa e dice 'e cunseguenza.
Po, chi vò capì, capisce comme vole,
e comme vò, risponne 'e compiacenza.
Si tu nun vuò sbaglià, pe nun fà 'mpacchio,
'o ssaje qua' so' 'e mmeglio parole?
So’ chelle ca se diceno cu ll’uocchie:
fanno sempe capì che pienza 'o core!
2698218
« immagine » E mmeglio parole Comme so' strane 'e pparole, cagnane quanno e comme 'e ddice, tanno te ponno dà tanto dolure tanno ...
Discussione
14/10/2020 18:46:43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 15/10/2020 ore 00:07 Quota

(nessuno) E mmeglio parole

@serena1O scrive:
E mmeglio parole
Comme so' strane 'e pparole,
cagnane quanno e comme 'e ddice,
tanno te ponno dà tanto dolure
tanno te ponno fà tanto felice.
Si dice "Io t'amo" a quaccheduno
tu vire po ca nun è sempe 'o stesso,
a vvote regne 'e gioia 'o core 'e uno,
a vvote 'nvece te pigliene pe fesso …
'O stisso si tu dice "Io te lasso",
ce sta chi se dispera e chiagnarria
e chi, chinanno ll’uocchie e 'a faccia abbascio,
te murmurea: "uhé … lassa fà a DDio!"
'Sta vita è 'na cummedia senza trame
cagne ogne vota 'a scena e 'e persunagge:
ce sta chi parla bbuono e po' fa 'o 'nfame,
chi se fotte 'e paura e prereca curaggio …
'A cosa meglio 'a fà, p'ognuno 'e nuje,
è chella 'e stà a posto cu 'a cuscienza,
perciò, ognuno sceglie a modo sujo
chello ca fa e dice 'e cunseguenza.
Po, chi vò capì, capisce comme vole,
e comme vò, risponne 'e compiacenza.
Si tu nun vuò sbaglià, pe nun fà 'mpacchio,
'o ssaje qua' so' 'e mmeglio parole?
So’ chelle ca se diceno cu ll’uocchie:
fanno sempe capì che pienza 'o core!

:cuore :cuore

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione