Forum - località-paesi-città campania

serena1O
Amministratore
serena1O 14/10/2017 ore 20:49 Quota

(nessuno) Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo

@ombra.1961 scrive:
Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo

bellissimo il video,vedo che è fatto di recente, Grazie ombra!
serena1O
Amministratore
serena1O 14/10/2017 ore 20:51 Quota

(nessuno) Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo



Comune di Bacoli, golfo di Baia: area del Parco sommerso di Baia.






Il parco sommerso di Baia è un'area marina protetta localizzata sulle coste della città metropolitana di Napoli a nord del Golfo di Napoli.
Istituita nel 2002 con decreto congiunto del ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e di quello per i beni e le attività culturali, l'area rappresenta, assieme al parco sommerso di Gaiola, un esempio unico in ambito Mediterraneo di protezione archeologica e naturalistica subacquea.
Le due aree protette, inserite a terra nel più vasto contesto del parco dei Campi Flegrei di competenza della Regione Campania, si propongono appunto la tutela e lo studio dei reperti archeologici sommersi in tali aree congiuntamente alla salvaguardia degli ecosistemi marini e costieri.
La particolarità di tali zone è legata al fenomeno vulcanico del bradisismo che ha interessato da sempre l'intera costa nord dell'area napoletana. Tale fenomeno ha causato movimenti verticali dell'area con escursioni in positivo ed in negativo di molti metri provocando negli ultimi 2000 anni l'inabissamento della linea di costa romana di circa 6/8 metri. Intorno al primo secolo a.C. infatti l'intera zona costiera a nord di Napoli era una fiorentissima stazione climatica, resa alla moda anche dalla presenza di una villa imperiale, il Pausilypon appunto che dette il nome al Promontorio di Posillipo, costruita dal ricco liberto Publio Vedio Pollione. Costui alla sua morte, nel 15 a.C., nominò Augusto erede di tutti i suoi beni, Pausilypon compreso. In seguito ingrandita ed abbellita come proprietà imperiale, tale luogo pare abbia visto il tragico concludersi della congiura contro l'imperatore Nerone.
Fra gli ambienti di maggiore pregio, che oggi si trovano inabissati, vi è il ninfeo di Punta Epitaffio, triclinium con funzione di sala per banchetti risalente all'epoca dell'imperatore Claudio, le cui statue sono state trasferite all'interno del Museo archeologico dei Campi Flegrei dove l'ambiente è stato ricostruito.
Inoltre si trovano sommersi su tale costa i resti dei porti commerciali di Baia (Lacus Baianus) ed il Portus Julius. Più a nord aveva sede il porto di Capo Miseno sede storica della flotta imperiale romana.
Lo straordinario valore di tali siti è dato sia dal notevole stato di conservazione dei reperti archeologici, oltre che dal loro valore storico archeologico oggettivo. Mosaici, tracce di affreschi, sculture, tracciati stradali e colonne, sono sommersi a circa 5 metri sotto il livello del mare tra anemoni stelle marine e branchi di castagnole. Inoltre la presenza di ecosistemi sommersi di pregio come il fondale a precoralligeno e comunità di fanerogame marine (essenzialmente Posidonia oceanica e Cymodocea nodosa) fanno di tali luoghi ambienti di valore naturalistico rilevante, riconosciuti come tali sia dalla legislazione nazionale italiana, sia da quella Comunitaria. Il luogo è straordinariamente suggestivo, e fa di questo tratto dei fondali una piccola Atlantide romana
serena1O
Amministratore
serena1O 14/10/2017 ore 20:55 Quota

(nessuno) Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo

In quell’aera così ricca di storia, molto spesso ammantata di leggenda che sono i Campi Flegrei a Napoli, c’è un piccolo gioiello sommerso che non è riservato solo ad esperti subacquei, ma può essere ammirato anche facendo una gita in barca.


serena1O
Amministratore
serena1O 14/10/2017 ore 20:58 Quota

(nessuno) Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo




Quel mare di Baia, oggi che pare il bianco/celeste di una seta consunta, è lo scrigno di una città che, se aguzzi l’orecchio, ti parla con la melodica voce dei poeti e suscita fantasmi di ebbre feste, visi di delicate fanciulle, tutta la letteratura latina a fargli da coro, in una giostra poetica che non ha eguale nella storia antica.”



ombra.1961
Amministratore
ombra.1961 14/10/2017 ore 21:20 Quota

(nessuno) Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo

@serena1O scrive:
è fatto di recente

si è recente, ci siamo immersi il 4 Ottobre io e mia moglie, la giornata era da favola, il mare una tavola ed ho mantenuto una promessa fatta tempo addietro, precisamente ad Agosto quando portai sulle mura della città alcuni amici di Milano.



Nota sul quotidiano Il Mattino
serena1O
Amministratore
serena1O 15/10/2017 ore 19:23 Quota

(nessuno) Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo

@ombra.1961 scrive:
si è recente, ci siamo immersi il 4 Ottobre io e mia moglie, la giornata era da favola, il mare una tavola ed ho mantenuto una promessa fatta tempo addietro, precisamente ad Agosto quando portai sulle mura della città alcuni amici di Milano.

:clap :clap sn anni che n mi faccio un bagno a baia, ricordo sempre quelle alghe Poseidone, e mi facevano u po impressione,tiemp bell e na vot :many
serena1O
Amministratore
serena1O 15/10/2017 ore 19:25 Quota

(nessuno) Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo

@ombra.1961 scrive:
Il Parco Sommerso di Baia conquista il mondo
@serena1O scrive:
è fatto di recente

si è recente, ci siamo immersi il 4 Ottobre io e mia moglie, la giornata era da favola, il mare una tavola ed ho mantenuto una promessa fatta tempo addietro, precisamente ad Agosto quando portai sulle mura della città alcuni amici di Milano.

Durante le vacanze di Agosto 2017 Renato e Simona, del Comitato ex Convitto Monachelle di Arco Felice, nei Campi Flegrei, hanno provato l’ebrezza di passeggiare sulle mura riaffioranti della città sommersa dell’antica Puteoli, sita nel golfo di Pozzuoli, scattando foto ricordo pubblicate poi sul blog. Entusiasmati da quest’esperienza, il giorno 1 Ottobre 2017 Salvatore e Dario, anche loro membri del Comitato ex Convitto Monachelle, si sono immersi per valutare un eventuale percorso da mostrare, a titolo gratuito, a chi ne facesse richiesta. Nel frattempo hanno realizzando un video esplorativo della città sommersa pubblicato poi su youtube https://youtu.be/dC92vrHUqmU



alla scoperta della
città sommersa dell’antica Puteoli






«E’ possibile vedere il sito archeologico sommerso dell’antica Puteoli partendo dalla costa di Arco Felice» fanno sapere dal blog «A circa 50 metri dalla spiaggia delle Monachelle si intravedono avanzi di mura della città, resti di abitazioni, strade. Con una modesta attrezzatura, senza spendere grosse cifre si può ammirare un tesero sommerso che abbiamo sotto casa».

L’area archeologica sommersa prospicente l’ex convitto Monachelle nella frazione di Arco Felice nel comune di Pozzuoli, conserva i resti di due interessanti vicus (sobborghi cittadini) d’epoca romana: il vicus Lartidianus e il vicus Annianus, entrambi inabissati intorno al IV secolo d.C. a causa del fenomeno del bradisismo.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione