Forum - Istruttivi educativi

IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 07/11/2015 ore 19:54 Quota

(nessuno) Perché il gioco del lotto viene chiamato “delle Zitelle”?

@serena.10 scrive:
Il “Lotto delle zitelle” ottenne presto il benestare del re Carlo Emanuele II, il quale iniziò ad occuparsi personalmente di stilare la lista delle 100 poverelle.

La prima apparizione del Lotto a Napoli e' datata 1682, ed era prevista una sola estrazione l'anno.Successivamente le estrazioni vennero portate a 2-3 l'anno. Nel 1689 il gioco del Lotto venne addirittura abolito e i Napoletani dovettero attendere ben 24 anni prima di tornare a giocare . Solo nel 1713 , infatti venne decretata la sua definitiva reintroduzione.Furono previste 3 estrazioni annuali, portate a 9 nel 1737. Il gioco era legato , come in molte zone italiane all'estrazione di 5 nomi tra quelli di 90 zitelle.Per dare impulso al gioco, nel 1774 vennero affiancate alle 9 estrazioni di Napoli, altre 9 che avevano luogo aRoma,fin quando nel 1798, fu deciso che tutte le 18 estrazioni fossero effettuate a Napoli.Nel1804 il numero delle estrazioni salì a 24. Il gioco continuo' a svolgersi con regolarita' anche sotto la dominazione francese. Nel 1843 i "botteghini" erano circa 1000, ben distribuiti nel territorio del Regno, con l'eccezione della Sicilia, che gestiva un Lotto proprio.Le estrazioni avevano luogo il sabato nel palazzo della Vicaria, dove aveva sede il Tribunale. Alla presenza di due Magistrati in toga della Grande Corte dei Conti, venivano estratti i cinque numeri, per mano di un bambino bendato, scelto nelle parrocchie della cittàPrima dell'estrazione, il bimbo veniva benedetto dal parroco di Santa Caterina a Tornello. Oltre ai magistrati, erano presenti due cittadini del "popolino", che venivano appositamente chiamati sul palco per certificare la regolarita' delle procedure. Per ogni estrazione venivano assegnate 5 doti ad altrettante zitelle, i cui nomi erano abinati a 5 numeri estratti, tra i 90 imbussolati.Il Lotto di Napoli conobbe subito grande diffusione e popolarità, ma Garibaldi, con un decreto a propria firma, ne decise l'abolizione a partire dal 1° gennaio 1861. L'ordine non fu mai eseguito perchè a seguito del plebiscito che sancì l'unione all'Italia del Regno delle due Sicilie, il gioco rientrò nella legalità, nelle forme non dissimili della versione Nazionale. Anche a Napoli il Lotto non mancò di avere finalità sociali.Nel 1764 , infatti, re Ferdinando ordinò che dai proventi del Lotto, fosse tratta un'elemosina di 7 ducati destinati alle monache Cappuccinelle, dette le "trentatrè", perchè pregassero per la felicità del Regno.
GinevraNa
Partecipante
GinevraNa 07/11/2015 ore 22:12 Quota

(nessuno) Perché il gioco del lotto viene chiamato “delle Zitelle”?

@serena.10 :
Mi sono ricordata quando coprivamo i numeri con le bucce di mandarino, sembra di sentire gli odori e l'atmosfera di quand'ero bambina, e giocare a tombola era un momento di gran divertimento con tutta la famiglia, nonni, cugini, zii,.....
scrib
Partecipante
scrib 08/11/2015 ore 10:08

(nessuno) Perché il gioco del lotto viene chiamato “delle Zitelle”?

@serena.10 scrive:

mah vaaaaaaa

:many mi stupisce pure e non poco che anche te comunque tra i tanti non ti escano quelli vincenti :many :many :many
serena.10
Partecipante
serena.10 08/11/2015 ore 17:23

(nessuno) Perché il gioco del lotto viene chiamato “delle Zitelle”?

@scrib scrive:
casse del governo



VERISSIMO



serena.10
Partecipante
serena.10 08/11/2015 ore 17:25

(nessuno) Perché il gioco del lotto viene chiamato “delle Zitelle”?

@GinevraNa scrive:
Vedo che diamo tutti i numeri!!!!!

:mmm :mmm :mmm :hoho :hoho :hoho


Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione