Forum - la dolce pazzia

Amministratore
46.Federica 11/02/2021 ore 21:32 Quota

(nessuno) CARPE DIEM - Ecco la poesia da cui è nata quesa mitica espressione




Spesso usiamo parole o frasi antichissime che per qualche motivo… brevità, concisione del concetto, facilità di comprensione etc. sono diventate notissime e di uso comune.

Tuttavia molto spesso cui ignoriamo dove, quando e come siano nate ed il loro esatto significato.

Una di queste espressioni è certamente la sintetica “Carpe diem” sulla quale però sono stati scritti tanti libri, saggi e versi.



E’ anche diventata indicativa di un modo di vivere in cui si privilegia in modo assoluto il presente… anzi quasi il… momento… senza se e senza ma.

Personalmente ne condivido il significato generale ma ho sempre ritenuto che fosse necessario aggiungere la parola… “ragionato”.



Sì perché vivendo e godendo in modo totale il presente si rischia di sprecare tutte le risorse e tutte le energie e quindi di non poter vivere bene il “presente” del giorno dopo.



Dunque penso che sia meglio vivere bene e liberamente il presente ma conservando in qualche angolo risorse ed energie utili a farci vivere bene nuove belle avventure di vita ed emozioni anche nei giorni successivi.

Ma torniamo all’origine di questa mitica espressione usata in tutto il mondo.

Eccola.. è nata in questa poesia di Orazio, noto poeta latino, tenendo presente che la sua traduzione letterale può essere questa: “afferra il giorno (o l’oggi)”


2714816
« immagine » Spesso usiamo parole o frasi antichissime che per qualche motivo… brevità, concisione del concetto, facilità di comp...
Discussione
11/02/2021 21:32:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
46.Federica
Amministratore
46.Federica 11/02/2021 ore 21:33 Quota

(nessuno) CARPE DIEM - Ecco la poesia da cui è nata quesa mitica espressione

@fior.edicampo




CARPE DIEM (COGLI L’OGGI)
– Orazio –

Tu non cercare, non è lecito saperlo,
quale fine gli dei abbiano
assegnato a me,
né quale abbiano assegnato a te, o Leuconoe,
e non consultare i numeri babilonesi*.
Quanto è meglio accettare qualsiasi cosa accadrà!
Sia che Giove abbia ordinato più inverni,
sia che abbia predisposto come ultimo inverno questo
che ora sfianca il mar Tirreno con le rocce di pomice,
saggia, filtra il vino
e ritaglia la speranza che si proietta nel prossimo futuro.
Mentre parliam, già è fuggito il tempo invidioso,
cogli l’oggi, e del doman non ti fidar.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione