Forum - Cronaca, gossip e spettacolo

Qui potete commentare notizie o fatti del giorno, anche notizie di sport, spettacolo, o quello che vi va di discutere, anche i fatti di gossip se volete...

Amministratore
NOEL1948 27/05/2020 ore 11:24 Quota

(nessuno) Chi era Frank_Sinatra



Attore e cantante statunitense
DATA DI NASCITA
Domenica 12 dicembre 1915
LUOGO DI NASCITA
Hoboken, Stati Uniti
DATA DI MORTE
Giovedì 14 maggio 1998 (a 82 anni)
LUOGO DI MORTE
Los Angeles, Stati Uniti
CAUSA
Infarto



Biografia • The Voice

Frank Sinatra nasce a Hoboken, nello stato del New Jersey, il 12 dicembre 1915.

Vive un'infanzia dura e umile: la madre Dolly, di origini liguri (Tasso nel comune di Lumarzo), fa la levatrice e il padre Martin, pugile dilettante di origini siciliane(Palermo), è vigile del fuoco.

Da ragazzino Frank è costretto da esigenze economiche a fare i lavori più umili. Cresciuto per la strada e non sui banchi di scuola, prima fa lo scaricatore di porto e poi l'imbianchino e strillone. A sedici anni, ha una sua band, i Turk.
Durante la sua carriera incide più di duemiladuecento canzoni per un totale di 166 album, dedicandosi anche, con fortuna, al grande schermo.

Aspetti della sua vita privata si riscontrano proprio nei suoi tanti film di successo.

Famoso latin lover, si sposa quattro volte: la prima a ventiquattro anni, con Nancy Barbato, dal 1939 al 1950,

dalla quale ha tre figli: Nancy, Frank Jr. e Christina che, all'epoca della separazione, hanno rispettivamente undici, sette e tre anni.

Da sempre vicino alle cause per i diritti umani, già nei primi anni '50 si schiera a favore dei neri, vicino al suo inseparabile amico Sammy Davies Jr.

Fino all'ultimo non si sottrae dal compiere nobili gesti di beneficenza a favore dei bambini e delle classi disagiate.

La sua stella non conosce ombre.


2677455
« immagine » Attore e cantante statunitense DATA DI NASCITA Domenica 12 dicembre 1915 LUOGO DI NASCITA Hoboken, Stati Uniti DATA ...
Discussione
27/05/2020 11:24:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
gatta.snob
Partecipante
gatta.snob 27/05/2020 ore 15:13 Quota

(nessuno) Chi era Frank_Sinatra

@NOEL1948



COSE CHE (FORSE) NON SAI SU FRANK SINATRA



Frank Sinatra è considerato da molti il principe dei Crooner per il calore della sua voce confidenziale e l’innata capacità interpretativa. Radio Capital vuole ricordare il grande artista italoamericano attraverso 10 curiosità sulla sua vita, controversa e affascinante come poche altre.

Fans famosi
Nel 1984, durante la registrazione di ‘L.A. Is My Lady’, album arrangiato da Quincy Jones, entrò a sorpresa in studio un emozionatissimo Michael Jackson, chiedendo a Sinatra di lasciarlo assistere alle prove e di autografargli una copia di ‘My Way’. In seguito Jackson dichiarò: ‘Era un momento speciale che non volevo perdere, un’occasione unica, ne ho approfittato ed è come un sogno divenuto realtà’

Rapimento
Quando nel 1963 il suo unico figlio maschio Frank Jr. venne rapito, i sequestratori pretesero di essere chiamati solo da telefoni a pagamento non rintracciabili, così lui iniziò a portare sempre con sé un rotolo di monete da 10 cent (costo dello scatto telefonico a quel tempo). Ecco perché le figlie Tina e Nancy – oltre a whisky, accendino e sigarette – hanno voluto deporre nella tomba del padre anche un rotolino di “Dimes”

Preferenze alcoliche
Ecco la ricetta del cocktail preferito di “The Voice”, con cui usava brindare al pubblico durante i suoi concerti: tre cubetti di ghiaccio, due dita di Jack Daniel’s e uno spruzzo d’acqua. “This is a gentlemen’s drink” – dichiarò una volta

Spasso
Amava ospitare nei locali di sua proprietà i festini notturni del “Rat Pack” (nome con cui, a cavallo fra gli anni ’50 e i ’60, veniva chiamato il gruppo formato da Frank con amici e colleghi, tra cui Dean Martin e Sammy Davis Jr.), invitando bellissime soubrette o prostitute per placare gli appetiti sessuali dei suoi compari dopo i live show di Las Vegas

Ava Gardner
Arrivò ad autodefinirsi “un maniaco-depressivo a 18 carati”. Tentò infatti per ben quattro volte il suicidio: la prima volta negli anni ’50 infilando la testa nel forno, scoraggiato da un brutto stop della sua carriera e poi, a più riprese, a causa della tumultuosa storia d’amore con Ava Gardner, la donna della sua vita

Mia Farrow
Quando confessò a Dean Martin il proposito di sposare l’appena diciannovenne Mia Farrow (divenuta poi effettivamente la sua terza moglie), il vecchio amico gli rispose schietto: “Cavolo, Frank! Non sai in che guaio ti stai cacciando! Ho bottiglie di whiskey più vecchie di quella ragazzina!”

Latin Lover
Oltre ai grandi amori conclamati si attribuiscono al cantante-attore tantissimi flirt e persino delusioni. Per noi italiani due episodi particolarmente curiosi: si vocifera di una breve liaison con la ventiduenne Raffaella Carrà sul set de ‘Il colonnello Von Ryan’ e di un rifiuto da parte di Virna Lisi, già sposa fedele di Franco Pesci, più o meno nello stesso periodo

Manie
Era maniaco della pulizia personale: faceva la doccia diverse volte al giorno, si radeva la barba e si lavava i denti in maniera compulsiva. Inoltre ogni mattina si cospargeva di acqua di lavanda per camuffare il lezzo costante di whisky e Camel

Successo
Ogni anno per cinquant’anni, dal 1945 al 1995, Frank Sinatra piazzò in classifica almeno una delle sue canzoni. Ce n’era però una che, nonostante l’enorme successo, proprio non riusciva a tollerare. Si tratta di ‘Strangers in The Night’, da lui stesso definita “la peggior fottuta canzone che avesse mai sentito”!

Icona
A 10 anni dalla scomparsa, nella primavera del 2008, le Poste degli Stati Uniti hanno emesso un francobollo da 42 centesimi raffigurante Frank Sinatra. Nell’immagine l’artista è ancora giovane e indossa il tipico cappello Fedora, ammiccando sicuro coi suoi magnetici “Ol’ Blue Eyes” (da cui il nome del francobollo)
carla.1962
Partecipante
carla.1962 27/05/2020 ore 15:40

(nessuno) Chi era Frank_Sinatra

Figlio di un pompiere di origine siciliana, è famoso per la sua voce ma anche per i suoi meriti come attore. Dopo aver vinto un concorso canoro bandito dalla radio della sua città natale, lavora in ambito radiofonico e in diversi night club di provincia. Incide il suo primo disco 1939, a 24 anni. La celebrità arriva poco dopo, quando entra a far parte della 'Big Band' di Tommy Dorsey. Con Dorsey incide alcuni brani storici come 'I'll Never Smile Again'. Il soprannome 'The Voice' nasce in questi anni ed è opera delle adolescenti che affollano i concerti della band. Contemporaneamente approda anche al cinema. Nel 1941 si esibisce con tutta la band nel film 'Notti di Las Vegas'. Due anni dopo esordisce anche come attore in 'Sempre più in alto', di Tim Whelan. In quel periodo, grande successo hanno le commedie recitate in coppia con Gene Kelly ('Due marinai e una ragazza' e 'Facciamo il tifo insieme'). Curiosamente è il calo di popolarità causato da un abbassamento di voce ad aprirgli le porte di Hollywood, all'inizio degli anni Cinquanta. Nel 1952, infatti, dopo un'emorragia alle corde vocali, la sua agenzia lo licenzia: Sinatra prega la Columbia Pictures di scritturarlo per la parte del soldato Angelo Maggio in 'Da qui all'eternità', di Fred Zinneman e viene accontentato. Commuove il pubblico con un'interpretazione passionale che gli frutta un premio Oscar come miglior attore non protagonista. Non è la prima 'Statuetta' che vince: nel 1945, infatti, viene premiato per il documentario antirazzista 'The House I Live In'. E' a questo punto che 'The Voice' mette da parte il ruolo di attore - cantante di musical (nelle pellicole degli anni '40) per dedicarsi esclusivamente alla recitazione drammatica. Nel 1958 ottiene una nomination all'Oscar per l'interpretazione in 'L'uomo dal braccio d'oro' di Otto Preminger. Seguono 'Alta società' (1956), 'Il jolly impazzito' (1957) e 'Va e uccidi' (1962). Intanto il progressivo miglioramento delle sue condizioni di salute lo mette in condizione di riprendere a incidere dischi e a tenere concerti con partecipazioni di pubblico altissime. Vince un terzo Oscar (l'Hersholt Award) nel 1971, come personaggio dello spettacolo distintosi per l'impegno umanitario. Nel 1992 la tv gli dedica la miniserie 'Sinatra'. Muore al 'Cedar Sinai Hospital' di Los Angeles dove era da tempo ricoverato.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione