Forum - La CaSerMa Di ChaTTa

Proprietario
ConigliettaOmicida 14/03/2018 ore 18:38 Quota

(nessuno) Legione straniera

Cosa sapete dirmi per quanto riguarda la
Legione Straniera?

ConigliaSuperVisore
Partecipante
ConigliaSuperVisore 16/03/2018 ore 16:46

(nessuno) Legione straniera

@ConigliettaOmicida : Come entrare nella legione straniera
Tutta la verita’ sulla legione straniera: cosi’ i legionari si arruolano e cambiano la propria vita, identita’ compresa. Il Kèpì Blanc, il mitico cappello bianco del legionario è uno dei simboli più suggestivi in circolazione. Rappresenta il fascino della vita militare all’estero, si rifà ad un codice d’onore, è motivo d’orgoglio nella lenta camminata dei plotoni della legion etrangere che chiude il corteo del 14 luglio sugli Champs Elisee a Parigi. Ma il Kèpì Blanc è anche un simbolo di libertà, cosa davvero straordinaria per un corpo militare. Su di esso si posano le storie di migliaia di uomini che hanno avuto la possibilità di un riscatto sociale, si riscopre il sapore bohemienne di una vita senza radici e senza passato, si ascolta incessantemente il rumore della sabbia del deserto.

Non è facile raccontare la legione straniera, proprio perchè è da sempre avvolta nel mito. Un mito consolidato da romanzi, film, racconti del secolo scorso. Sono pochi i libri in circolazione che raccontano la vera vita del legionario senza romanzarci troppo sopra. Sono pochissimi gli ex legionari che decidono di raccontarsi. Quasi impossibile trovare un legionario in servizio che abbia voglia di parlare. Per capirne i motivi, basta pensare a quale enorme privilegio viene concesso ai nuovi arruolati fin dal 1831, data di nascita della legione straniera: la legione garantisce l’anonimato. Al momento di partire il volontario può dichiarare un’identità fittizia che non potrà mai essere collegata al suo vero nome.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione