Forum - La CaSerMa Di ChaTTa

francesco91970
Partecipante
francesco91970 12/12/2017 ore 17:55

(nessuno) La cuccia per Santa Lucia: la colazione dei palermitani

C'è la favola di Biancaneve, quella di Cenerentola, quella del gatto con gli stivali e tante altre ma a Palermo i bimbi sanno da sempre che c'è un'altra storia, quasi una fiaba che sa di leggenda, che viene loro raccontata ogni 13 dicembre: la leggenda del giorno di Santa Lucia



Si narra che al tempo della dominazione spagnola in sicilia ci fu un periodo di grande carestia. In città e nelle campagne dintorno si pativa enormemente la fame. E come è solito a Palermo, nei momenti di difficoltà, ci si rivolge ai Santi. I palermitani quindi indirizzarono tutte le loro preghiere a Santa Lucia, martire siracusana. E come per miracolo, il 13 dicembre arrivò al porto un bastimento carico di grano. Per la grande fame la gente non ebbe tempo di macinarlo e farne pane e quindi lo bollì e lo condì "soltanto" con olio. In segno di riconoscimento promisero quindi alla Santa che ogni 13 dicembre si sarebbero sfamati soltanto con alimenti "grezzi" e non lavorati quali pasta e pane. Si diceva in giro che chi non avesse fatto questo fioretto sarebbe diventato cieco essendo Santa Lucia la protettrice della vista. E tutt'oggi, quasi a non spezzare le promesse dei nostri progenitori, (e forse scaramanticamente per non perdere la vista), a Palermo il giorno di Santa Lucia ci si nutre esclusivamente di grano (cuccia condita con ricotta, cioccolato o crema di latte), riso (arancine) e patate (gateau di patate). E così l'antico fioretto si è trasformato in una vera e propria cultura gastronomica...altro che cuccia con l'olio.



Ingredienti per la cuccia con crema di ricotta: 280 grammi di grano tenero, 400 grammi di ricotta, 150 grammi di zucchero a velo, goccine di cioccolata, cannella e granella di pistacchi.
Procedimento: la sera sera del 10 dicembre mettere ammollo il grano in acqua fredda. La sera dell'11 dicembre cambiare l'acqua al grano. Giorno 12 mattina sciacquare il grano e cuocerlo con pentola a pressione (mezz'ora dal fischio). Tenerlo fino a sera nell'acqua di cottura. La sera sciacquarlo (l'acqua sarà diventata quasi gelatina) e tenerlo in frigo su uno scolapasta per eliminare l'eccesso di umidità. Sempre la sera del 12 setacciate la ricotta (che avrete tenuto anch'essa a colare per almeno due giorni in frigo) e aggiungere lo zucchero a velo. Tenete in frigo tutta la notte. Il 13 dicembre assemblate grano, crema di ricotta, gocce di cioccolata e guarnite con cannella e granella di pistacchi.









La colazione di Santa Lucia è servita. E per il pranzo vi rimando alle mie arancine speciali








Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione