Forum - IL PASTO NUDO

Non controllatevi ... scrivete di tutto.

Proprietario
Paolo.Indaro 15/06/2021 ore 23:38 Quota

(nessuno) L’albero che canta al vento

Leggevo il post di @Lupa.Mare sulla giornata mondiale del vento e delle cose buone che possiamo ottenere da questa "energia del futuro".



Ma la mente umana a volte va oltre e così capita che non solo l'energia venga sfruttata, ma anche il suono che produce, proprio ieri ho postato "La voce del Golden Gate" e oggi è la volta "dell'albero del vento" che al contrario del suono del tutto casuale che esce dal Golden Gate è stato progettato e fatto appositamente dallo studio Tonkin Liu, chiamato Singing Ringing Tree è una scultura sonora alimentata dal vento che riproduce la forma di un albero posizionato sulle colline della citta di Burnley nella contea di Lancashire a nord di Liverpool in Inghilterra. Di seguito l'articolo che ho trovato dentro l'internet:
In cima a una collina che domina la città inglese di Burnley nella contea di Lancashire a nord di Liverpool, sorge un singolare albero intrecciato da decine di tubi zincati che non produrrà ossigeno come i suoi “colleghi” naturali, ma è in grado di regalare comunque qualcosa di unico ed indimenticabile a chiunque sia di passaggio da quelle parti. L’opera si chiama Singing Ringing Tree ed è una scultura sonora alta tre metri e realizzata, come detto, con una serie di tubi di acciaio zincato, posti secondo un ordine vorticante che dona un aspetto suggestivo, soprattutto considerando il paesaggio circostante caratterizzato da grandi zone collinari. Proprio questo materiale e questa particolare struttura possono essere indicati come le caratteristiche che permettono all’albero di esibirsi in quello che sembra un vero e proprio canto. Il vento, passando attraverso i tubi, produce un suono molto simile a quello di un coro. Alcune tubature sono utilizzate a scopo squisitamente strutturale, ma la maggior parte di esse sono state progettate per fornire, attraverso le loro diverse dimensioni in lunghezza e in larghezza, una gamma di suoni differenti calibrati ulteriormente dai fori presenti sul lato inferiore di ogni tubo. L'estensione sonora dell'albero è di diverse ottave, il suo tono oscilla tra un ronzio melodioso e un fischio da incubo a seconda della forza del vento che viene dalla brughiera. Queste caratteristiche del canto emesso dalla scultura la rendono un’esperienza sonora che non mette tutti d’accordo, alcuni la trovano affascinante e suggestiva, altri addirittura inquietante. Il suono prodotto dal Singing Ringing Tree produce delle dissonanze e un effetto sonoro in alcuni casi capace di generare quasi una sensazione di disagio. Le sempre diverse emissioni sonore prodotte da questo albero artificiale, effettivamente, creano un’atmosfera che, soprattutto se inserita in una classica giornata uggiosa inglese, potrebbe indurre la suggestione di ascoltare delle voci sommesse, quasi angosciate. Probabilmente la diversa ricezione, come sempre quando si parla di melodie e suoni, sta tutta nei gusti e nelle propensioni individuali. Di seguito proponiamo un video che riproduce una performance dell’albero e lasciamo a voi decidere le sensazioni da associarvi.
The Singing Ringing Tree è essenzialmente un'arpa eolica, quel particolare strumento che secondo la mitologia fu inventato dal dio Eolo, le cui corde non vengono fatte vibrare meccanicamente dall'uomo ma dal vento; caratteristica che comporta che le melodie prodotte da un'arpa eolica siano sempre diverse e casuali. L'arpa eolica era solitamente costituita da otto corde di budello di eguale lunghezza, ma con differenti tensioni. Esse venivano fissate lungo una cassa di risonanza di legno generalmente di forma rettangolare, mediante due ponticelli. Tali corde avevano la caratteristica di poter entrare in vibrazione quando lo strumento veniva esposto all'azione del vento. Al centro della cassa armonica, erano presenti dei fori, generalmente uno o due, che permettevano al suono prodotto dalle corde, e amplificato dalla cassa stessa, di fuoriuscire dallo strumento divenendo così udibile. Progettata dai pluripremiati architetti Anna Liu e Mike Tonkin, la struttura faceva parte di un progetto battezzato Panopticons, promosso dall’ l'East Lancashire Environmental Arts Network. Ha affermato Anna Liu: “La forte qualità o caratteristica del sito è il vento, e volevamo trasformarlo in qualcos’altro, per trasformare il vento in qualcosa di positivo”.




Sarà anche qualcosa di positivo ma se l'avessero costruito sulle montagne che sovrastano casa mia penso che l'avrei abbattuta a mazzate!!

2731992
Leggevo il post di @Lupa.Mare sulla giornata mondiale del vento e delle cose buone che possiamo ottenere da questa "energia del...
Discussione
15/06/2021 23:38:37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
tex.965
Partecipante
tex.965 16/06/2021 ore 07:01 Quota
Partecipante
Lupa.Mare 16/06/2021 ore 08:32 Quota

(nessuno) L’albero che canta al vento

@Paolo.Indaro

è una meravigliosa opera d'arte! ... ma preferisco mille volte il fruscio delle foglie del mio vecchio amico Leccio... lo abbraccio, gli parlo, ascolto il suo centenario canto nel vento...



... :cuore

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione