Forum - IL PASTO NUDO

Non controllatevi ... scrivete di tutto.

Proprietario
Paolo.Indaro 30/04/2021 ore 16:39 Quota

(nessuno) Il dolore non aspetta



"Non ho tempo di aspettare una giustizia che ha sbagliato il suo obiettivo. Il dolore non aspetta" aveva detto negli scorsi giorni Walter De Benedetto, assolto finalmente perché il fatto non sussiste dal Tribunale d’Arezzo.
L’uomo era stato imputato per coltivazione di sostanza stupefacente in concorso: De Benedetto che da anni era in possesso di una regolare prescrizione medica, aveva deciso di coltivare la cannabis dal momento che il Sistema Sanitario non riusciva ad assicurargli il quantitativo di terapia necessaria a combattere i lancinanti dolori causati dalla sua patologia. Appurato che la marijuana è utile in molti casi a scopo terapeutico, poterei elencare molti casi in cui viene prescritta per alleviare il dolore, non vedo perchè continuare a proibirne la coltivazione (oviamente non con fini di lucro), il proibizionismo è una politica fallimentare, non solo nei confronti della cannabis, ma proprio come impostazione in se'. L'esempio piu' lampante e' il proibizionismo americano nei confronti dell'alcol. Secondo l'enciclopedia Treccani, in soli 13 anni di proibizionismo, "crebbero il contrabbando, il trasporto abusivo e la produzione illegale di liquori, consumati poi in una fitta rete di locali clandestini. Per il controllo di questi traffici si affrontarono violentemente bande rivali di malviventi". Quello nei confronti della cannabis dura da quasi un secolo. Ed oggi l'America, dopo averlo "inventato" ed esportato in tutto il mondo, e' in prima linea per legalizzare.
Vietare la cannabis non sortisce alcun effetto benefico in termini di riduzione del consumo, anzi al contrario alimenta mafie e criminalità, solo questo potrebbe essere da solo un motivo valido per la legalizzazione della cannabis,togliere una bella fetta di guadagno alle mafie non sarebbe male, oltre che a creare nuovi posti di lavoro, liberare le carceri visto che il 30% rispetto al totale degli ingressi in carcere avviene per violazione del testo unico sugli stupefacenti. In pratica si può essere arrestati se trovati in possesso di una "canna", anche ecologicamente avrebbe un impatto non indifferente per ripulire e risanare il pianeta terra. La marijuana è una pianta annuale che potrebbe sostituire risorse fossili e minerarie e far diminuire il consumo dei derivati del petrolio. La canapa potrebbe essere infatti utilizzata per creare plastiche biodegradabili, invertendo la tendenza della plastica tradizionale, biocombustibili green, per creare carta e invertire la tendenza della deforestazione, per sostituire la produzione del cotone che e' una delle coltivazioni piu' inquinanti del pianeta, per la bioedilizia, che sarebbe carbon negative e quindi toglierebbe piu' CO2 di quella che viene immessa al contrario di cio' che accade con l'edilizia tradizionale, oltre che per ripulire il pianeta. La cannabis e' una sostanza naturale che accompagna l'umanita' da migliaia di anni nei diversi campi di utilizzo. Le prime tracce di un utilizzo inebriante della pianta sembrano risalire a 2500 anni fa, e quel che e' certo e' che la cannabis non abbia mai causato un singolo morto nella storia. Il motivo e' semplice: non esiste una dose letale. O meglio, esisterebbe anche, e l'aveva calcolata la DEA negli anni '80: stabilendo in parole povere, che per morire un fumatore dovrebbe consumare dalle 20mila alle 40mila volte il dosaggio normalmente contenuto in una canna.
Di motivi, per legalizzare la Cannabis, ce ne sarebbero centinaia. Ma soprattutto, non ce n'e' nemmeno uno per NON legalizzarla. E allora basta con i pregiudizi, con l'ignoranza e il proibizionismo. Adesso e' arrivato il momento di legalizzare o meglio, liberare questa pianta una volta per tutte!

2725781
« immagine » "Non ho tempo di aspettare una giustizia che ha sbagliato il suo obiettivo. Il dolore non aspetta" aveva detto negli...
Discussione
30/04/2021 16:39:36
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
Paolo.Indaro
Proprietario
Paolo.Indaro 30/04/2021 ore 23:15 Quota

(nessuno) Il dolore non aspetta

@ombra.dargento

Ho una cara amica che soffre di S.L.A. anche per questo ho postato, conosco il valore terapeutico anche se per anni l'ho assunta in modo ludico
ombra.dargento
Partecipante
ombra.dargento 30/04/2021 ore 23:26 Quota

(nessuno) Il dolore non aspetta

@Paolo.Indaro

è pieno di video con testimonianze di malati che hanno avuto un netto miglioramento durante l'assunzione di cannabis... negargliela è un crimine!

in giardino potrei far crescere qualche piantina :ok ... non fumo, ma forse fa bene anche sulla pizza, tipo la rucola... magari mi libero una volta per tutte delle emicranie!
WallieBear
Partecipante
WallieBear 01/05/2021 ore 14:27 Quota

(nessuno) Il dolore non aspetta

Io non fumo ma se una pianta può essere utile ad allievare i dolori a persone che non hanno una cura, mi sembra stupido non legalizzare, poi come dice lo zio può essere utilizzata in molti modi di sicuro preferisco una sedia di canapa che una di plastica...



...poi lo dice anche il Cippa...per questo che è vietata, ma hai despoti non piace la gente rilassata e l'energia pulita

ombra.dargento
Partecipante
ombra.dargento 01/05/2021 ore 22:07 Quota

(nessuno) Il dolore non aspetta

@WallieBear
@Paolo.Indaro

è una pianta stupefacente, in tutti i sensi!

ho deciso di adottare un alberello sequestrato, lo curerò nel migliore dei modi e vicino al ciliegio farà un figurone... hanno detto che me lo consegnano quanto prima... :tvb :tvb

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione