Forum - IL PASTO NUDO

Non controllatevi ... scrivete di tutto.

Amministratore
ema.nuelaa 28/12/2019 ore 11:34 Quota

(nessuno) COMPAGNI FRATELLI CERVI

POESIA DI GIANNI RODARI
Compagni fratelli Cervi
Sette fratelli come sette olmi,
alti robusti come una piantata.
I poeti non sanno i loro nomi,
si sono chiusi a doppia mandata:
sul loro cuore si ammucchia la polvere
e ci vanno i pulcini a razzolare.
I libri di scuola si tappano le orecchie.
Quei sette nomi scritti con il fuoco
brucerebbero le paginette
dove dormono imbalsamate
le vecchie favolette
approvate dal ministero.
Ma tu mio popolo, tu che la polvere
ti scuoti di dosso
per camminare leggero,
tu che nel cuore lasci entrare il vento
e non temi che sbattano le imposte,
piantali nel tuo cuore
i loro nomi come sette olmi:
Gelindo,
Antenore,
Aldo,
Ovidio,
Ferdinando,
Agostino,
Ettore?
Nessuno avrà un più bel libro di storia,
il tuo sangue sarà il loro poeta
dalle vive parole,
con te crescerà
la loro leggenda
come cresce una vigna d'Emilia
aggrappata ai suoi olmi
con i grappoli colmi
di sole.
2650326
POESIA DI GIANNI RODARI Compagni fratelli Cervi Sette fratelli come sette olmi, alti robusti come una piantata. I poeti non sanno...
Discussione
28/12/2019 11:34:12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
WattieBuchan
Partecipante
WattieBuchan 14/02/2020 ore 22:58

(nessuno) COMPAGNI FRATELLI CERVI

WattieBuchan
Partecipante
WattieBuchan 14/02/2020 ore 23:17

(nessuno) COMPAGNI FRATELLI CERVI

@ema.nuelaa: Rodari altro che letteratura per l'infanzia!

Bella Emilia, splendeva la polvere delle tue strade che si aprono il passo fino al cuore verde della pianura -Ora immobili al sole, ora smarrite nel labirinto delle vigne, dove il campanello di una bicicletta sembra squillare in cielo con le allodole o sugli olmi affollati di cicale -come splendeva, Emilia, la tua pace il giorno che Aldo Cervi guidò il trattore nuovo verso casa e bastava la mano sul volante a domare il puledro di ferro dal muso fiammante e il cuore prestava le sue parole alla cieca canzone del motore :Trattore, passa e va! Le case si affacciavanoin cima alle cavedagne,mandavano filari,mandavano cani festosi e bambini dalle voci più acute delle frecce incontro al suo ruggito,
e un ragazzo che a scuola le vecchie favole aveva sentito rise : Guardate Atlante,il gigante che regge il mondo in collo! Perché sulla macchina alto in trono viaggiava un mappamondo,solenne goffo re da biblioteca esiliato fra i campi, e ad ogni scossa la sua rotazione attorno ai poli mostravai continenti di sette colori e gli oceani celesti, navigatida flotte di arcipelaghi,l'Asia, l'Europa, l'Africa,
l'America …alla spinta d'un dito giravano in un vortice di trottola, e il cane impazzito abbaiava alla giostra,e i bimbi gli volevano mostrare l'Italia che bagna il piede del mare e lì è casa nostra, noi siamo lì sotto l'unghia. Balenò sulla sfera il riflesso di fiamma del trattore,si bagnarono acque e terre in un bagliore d'incendio e di sangue.

https://digilander.libero.it/primularossa_43/tradizioni/under/table/poesie/13_f.htm
WattieBuchan
Partecipante
WattieBuchan 16/02/2020 ore 15:32

(nessuno) COMPAGNI FRATELLI CERVI

@Paolo.Indaro:

Bravo di che basta cercare in internet sei te che sei antico, domani sera all'Alcatraz
suonano i Dropkick Murphys mi ha detto skeggia che viene perchè non ti aggreghi dai zio schiodati.










:bye

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione