Forum - Echi del paradiso perduto

Qui 4 raccolte: - I racconti e le penne ispirate del Paradiso Perduto ;-) - I post dei fotografi ispirati del PP :) - Ex Top - Discussioni in sospeso

Amministratore
kairoki 23/03/2016 ore 00:28 Quota

Insicuro ...solo fantasie utopistiche



In una scena de "La mia Africa" (dal romanzo di Sydney Pollack, 1985), la protagonista si rivolge al suo innamorato dicendogli:
“quando gli Dei vogliono punirci, esaudiscono i nostri desideri”.


Un po' straniti ci si rimane: lei si trova immersa in un paesaggio da fiaba e ha davanti a sé l'uomo che ama. Come può il cuore suggerirle questa commistione di felicità e castigo? Che stia realmente provando una sensazione del genere?
C'è qualcosa tra le pieghe del desiderio che, una volta avverato, assomigli a questo?

In un aforisma attribuito ad Oscar Wilde vi è la medesima minaccia:

Attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo.

Lo stesso concetto è declamato anche nel film "The Life of David Gale" (diretto da Alan Parker e scritto da Charles Randolph - 2003).




"Le fantasie non devono essere mai realistiche" poiché nel momento in cui otteniamo quello che cerchiamo, non lo vogliamo, non possiamo volerlo più.
Per poter continuare ad esistere, il desiderio deve avere i suoi oggetti... eternamente... assenti.


Tratto dal film "The life of David Gale".

E... non è "quella cosa" che noi vogliamo, ma la fantasia di quella cosa;
quindi il desiderio alimenta solo fantasie utopistiche.

Questo è ciò che intende Pascal quando dice che:
"Noi siamo veramente felici solo quando sogniamo ad occhi aperti la futura felicità"
... o perché diciamo "Vale più la caccia che la preda" o...
"Sta' attento a ciò che desideri", non perché lo otterrai, ma perché sei destinato a non volerlo più una volta ottenuto.

Per essere pienamente umani bisogna cercare di vivere secondo le nostre idee e i nostri ideali.
Non certo misurando la vita in base a quanto avete raggiunto di quanto desideravate, ma in base ai piccoli momenti di integrità, compassione, razionalità, a volte anche di sacrificio.

Perché alla fine, se vogliamo davvero misurare il significato della nostra vita, dobbiamo dare valore alla vita degli altri".


Ma davvero è così “rischioso” sperare che un desiderio si realizzi ...? :batapc

Buona giornata a tutti/e :rosa
2145367
http://postimage.org/ In una scena de "La mia Africa" (dal romanzo di Sydney Pollack, 1985), la protagonista si rivolge al suo...
Discussione
23/03/2016 00:28:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    13
Wajakiki
Partecipante
Wajakiki 23/03/2016 ore 02:06 Quota

(nessuno) ...attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo!

@kairoki scrive:
Ma davvero è così “rischioso” sperare che un desiderio si realizzi ..

:nono1
fading.away
Partecipante
fading.away 23/03/2016 ore 16:41 Quota

(nessuno) ...attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo!

se ho capito bene la punizione e' questa.

( in futuro) ci troviamo in una situazione che non ci piace

( ma che abbiamo desiderato moltissimo ) :-(
PasdeDeux
Partecipante
PasdeDeux 23/03/2016 ore 17:01 Quota

(nessuno) ...attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo!

@kairoki scrive:
"Le fantasie non devono essere mai realistiche"

utopistiche e non realistiche....
xche' le fantasie non devono mai essere realistiche?? ( se qualcuno ci ha pensato e ne ha qualche idea.... :ok )
Lunadimezzogiorno
Partecipante
Lunadimezzogiorno 24/03/2016 ore 11:27 Quota

(nessuno) ...attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo!

@kairoki scrive:
Ma davvero è così “rischioso” sperare che un desiderio si realizzi ...?

a tutti noi puo' capitare di inseguire qualcosa che non desideriamo realmente, bisognerebbe stare attenti a coltivare solo cio' in cui crediamo e...
se ci accorgiamo di rincorrere qualche cosa che non puo' renderci felici, allora meglio interrompere quella corsa e riflettere...
camuschicca
Partecipante
camuschicca 24/03/2016 ore 11:51

(nessuno) ...attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo!

È la nostalgia a nutrire la nostra anima, non l’appagamento;
e il senso della nostra vita è il cammino, non la meta.
Perché ogni risposta è fallace,
ogni appagamento ci scivola tra le dita,
e la meta non è più tale appena è stata raggiunta.


(Arthur Schnitzler)
Calliope.dreaming
Partecipante
Calliope.dreaming 25/03/2016 ore 02:44 Quota

(nessuno) ...attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo!

@kairoki scrive:
Tratto dal film "The life of David Gale".

voglio vedere questo film...sembra interessante 8-)
sempreFedra
Partecipante
sempreFedra 25/03/2016 ore 16:09

(nessuno) ...attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo!

@fading.away scrive:
( in futuro) ci troviamo in una situazione che non ci piace

( ma che abbiamo desiderato moltissimo )

quando un desiderio si avvera non puoi piu' desiderare quello che hai davanti agli occhi.
kairoki
Amministratore
kairoki 25/03/2016 ore 17:25 Quota

(nessuno) ...attento a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo!

...per logica, non possiamo avvertire desiderio o mancanza di ciò che è presente.

E' molto bella l'etimo del verbo desiderare, quindi ne scrivo un poco.

la radice di de-siderare sembra risalire ad antichi marinai, aruspici e altri osservatori del cielo a scopi predittivi: quando non c'erano stelle, allorché aggiustare la rotta e far pronostici, nonché decidere erano impossibilitati, si languiva per questa mancanza di riferimenti e s'incubava il con-siderium, una sessione di analisi fattuali che vertevano sui fatti direttamente osservabili, "fainomenici" e, siccome fenomeni, sicuramente ingannatori :-)

Da questa stasi per mancanza di segni augurali, quell'appetire a ciò di cui si sente la mancanza, così la tensione verso cieli stellati immaginari.
Todol.ilBardo
Partecipante
Todol.ilBardo 06/04/2016 ore 14:33 Quota

(nessuno) ...

@Lunadimezzogiorno scrive:
se ci accorgiamo di rincorrere qualche cosa che non puo' renderci felici, allora meglio interrompere quella corsa e riflettere...

non sappiamo cosa vogliamo? :mmm

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione