Forum - IL GIROTONDO DELL' AMICIZIA DI CHATTA

Partecipante
auroraboreale2018 13/05/2021 ore 15:29 Quota

(nessuno) Reggia di Caserta

@1954lucrezia



L'Italia è il Paese con il maggior numero di siti inseriti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Ha 55 siti e questo primato è dovuto in particolare ai suoi splendidi monumenti, che testimoniano la sua storia millenaria.

La Reggia di Caserta e il suo bellissimo parco, due gioielli inseriti nella lista dell'UNESCO nel 1997. Dal mio punto di vista, sono così belli che dovrebbero essere mostrati agli alieni che atterreranno sul nostro pianeta per significare la grandezza dell'umanità ...



Questo splendido esempio di barocco italiano fu progettato nel '700 da un architetto napoletano Luigi Vanvitelli su commissione del Re di Napoli Carlo III di Borbone. Questo re rimase colpito dalla bellezza del territorio casertano di quel tempo e decise di crearvi una sede rappresentativa del suo regno.







La Reggia di Caserta più che un monumento è un complesso monumentale… infatti comprende 45000 mq con 1200 stanze, 1742 finestre di cui 143 solo sul fronte e 34 scale… insomma è la residenza reale più grande del mondo!
gatta.snob
Partecipante
gatta.snob 13/05/2021 ore 15:49 Quota

(nessuno) Reggia di Caserta

@auroraboreale2018 @1954lucrezia











Il bellissimo immenso parco circostante si estende fino alla sommità della collina di fronte all'edificio. È un fantastico insieme di giardini con imponenti sculture e fontane che offrono spettacolari giochi d'acqua attraverso una serie di piscine comunicanti ... questo fa da cornice alla fantasmagorica grande cascata!



ice.woman1
Partecipante
ice.woman1 13/05/2021 ore 15:59 Quota

(nessuno) Reggia di Caserta

@auroraboreale2018 : @1954lucrezia





È incredibile, ma reale, tutto è stato creato solo per una sede “secondaria” del regno dei Borbone… .. ironia della sorte, il re Carlo che ne ordinò la costruzione lasciò il Regno di Napoli prima che fosse terminato perché salì al trono Spagna e, quindi , si trasferisce a Madrid.







Tutto è molto speciale da vedere: la sala del trono, l'atrio con lo scalone monumentale, la galleria che raccoglie dipinti di scuola napoletana, la fontana di Venere e Adone, il nuovo appartamento costruito nella prima metà dell'800, il vecchio appartamento in cui è esposto un presepe napoletano dell'epoca… tanto caro alla famiglia reale.
1954lucrezia
Proprietario
1954lucrezia 13/05/2021 ore 16:39 Quota

(nessuno) Reggia di Caserta

@auroraboreale2018 :


Nel 1750 Carlo di Borbone (1716-1788) decise di erigere la Reggia quale centro ideale del nuovo regno di Napoli, ormai autonomo e svincolato dall’egida spagnola. La scelta del luogo dove sarebbe sorta la nuova capitale amministrativa del Regno cadde sulla pianura di Terra di Lavoro, nel sito dominato dal cinquecentesco palazzo degli Acquaviva.









Il progetto per l’imponente costruzione, destinata a rivaleggiare con le altre residenze reali europee, fu affidato, dopo alterne vicende, all’architetto Luigi Vanvitelli (1700-1773), figlio del più importante pittore di vedute, Gaspar Van Wittel, già attivo a Roma sotto Benedetto XIV nel restauro della cupola di S.Pietro.











La costruzione della Reggia ebbe inizio con la posa della prima pietra il 20 gennaio del 1752 e procedette alacremente sino al 1759, anno in cui Carlo di Borbone, morto il Re di Spagna, lasciò il regno di Napoli per raggiungere Madrid. Dopo la partenza di Carlo i lavori di costruzione del Palazzo nuovo, come veniva denominata all'epoca la Reggia, subirono un notevole rallentamento, cosicché alla morte di Luigi Vanvitelli, nel 1773, essi erano ancora lungi dall'essere completati. Carlo Vanvitelli, figlio di Luigi e successivamente altri architetti, che si erano formati alla scuola del Vanvitelli, portarono a compimento nel secolo successivo questa grandiosa residenza reale.





Soraya.2017
Moderatore
Soraya.2017 13/05/2021 ore 16:45 Quota

(nessuno) Reggia di Caserta

@auroraboreale2018 :


La Reggia di Caserta è indiscutibilmente uno dei simboli del nostro passato. Sede storica dei regnanti di Napoli fin dall’indipendenza, la Reggia ebbe un ruolo importantissimo nella storia di Napoli e dell’Italia intera, oltre a simboleggiare una nazione che è stata grande.
Il palazzo fu fatto costruire per ordine di Carlo I di Borbone, al tempo Re di Napoli, nel 1752. A Re Carlo si devono importantissime costruzioni, come il San Carlo, la Reggia di Portici e di Capodimonte, che fecero di Napoli il più importante centro della cultura del tempo.





60AnnaLaura
Moderatore
60AnnaLaura 13/05/2021 ore 16:48 Quota

(nessuno) Reggia di Caserta

@auroraboreale2018 :


Nel 1750 Carlo di Borbone decise di erigere la reggia quale centro ideale del nuovo regno di Napoli. Il progetto dell’imponente costruzione fu affidato all’architetto Luigi Vanvitelli: la costruzione ebbe inizio nel 1752, ma nel 1773, alla morte del progettista, i lavori non erano ancora completati. Altri architetti nel secolo successivo portarono a compimento questa grandiosa residenza reale.

L’edificio presenta una pianta rettangolare con quattro grandi cortili interni e si estende su una superficie di circa 47.000 mq per un’altezza di 5 piani. Il maestoso palazzo presenta tre navate -una per le carrozze e le altre due per i pedoni- e si sviluppa in 1200 stanze, 34 scale, 1742 finestre. Si accede all’interno attraverso lo scalone d’onore, invenzione dell’arte scenografica settecentesca, e, attraversando il vestibolo, si giunge agli appartamenti reali. Le sale destinate alla famiglia reale vennero realizzate in più di un secolo, tra Settecento e Ottocento. Tra gli ambienti più rappresentativi si segnalano la Sala degli Alabardieri





johann.es
Partecipante
johann.es 13/05/2021 ore 16:53 Quota

(nessuno) Reggia di Caserta

@auroraboreale2018 :


Si passa poi all’Appartamento nuovo o dell’Ottocento, con la Sala di Marte, la Sala del Trono (la più ampia), l’appartamento del Re con la Sala del Consiglio, il salotto di Francesco II con una consolle con un piano di pietre dure realizzato da artigiani napoletani, la camera da letto e quella da bagno. L’appartamento murattiano conserva gli arredi in stile impero provenienti dal palazzo Reale di Portici, dimora prediletta da Gioacchino Murat e Carolina Bonaparte. Infine si apre l’appartamento vecchio o del Settecento con i due ambienti destinati a Ferdinando IV di Borbone -dominato dai colori bianco e oro di mobili e decori, e con tessuti delle seterie di San Leucio- e l’appartamento di Maria Carolina.




Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione