Forum - Arte e Cultura

Partecipante
Milaaa 14/08/2018 ore 15:55 Quota

Emozionato “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

Centouno anni di vita “Reginella”, un classico delle canzoni napoletane, tra le più belle e famose serenate in dialetto di tutti i tempi.

Reginella fu pubblicata dalla Casa editrice musicale La Canzonetta, composta nel 1917 da Libero Bovio e suonata da Gaetano Lama.

E’ un valzer che racconta la storia d’amore finita tra un uomo e una donna di Napoli.

Dopo la rottura, i due si rivedono in via Toledo: lei è già un’altra donna, è diventata una “sciantosa”, ha una veste scollata con abiti e rose, parla francese per darsi un tono con le amiche.

Ma un tempo Reginella mangiava “pane e ciliegie e viveva di baci” perché “voleva bene al suo re”.

La canzone ha fatto colonna sonora al film “Sabato, Domenica e Lunedì” del 1990, con Sophia Loren e Luca De Filippo.

Celebri le re-interpretazioni di Roberto Murolo, Massimo Ranieri e Mia Martini.

Il testo integrale


Te si’ fatta na vesta scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose…
stive ‘mmiez’a tre o quatto sciantose
e parlave francese…è accussí?

Fuje ll’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata
fuje ll’autriere a Tuleto, ‘gnorsí…

T’aggio vuluto bene a te!
Tu mm’hê vuluto bene a me!
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me!…

Reginè’, quanno stive cu mico,
nun magnave ca pane e cerase…
Nuje campávamo ‘e vase, e che vase!
Tu cantave e chiagnive pe’ me!

E ‘o cardillo cantava cu tico:
“Reginella ‘o vò’ bene a stu rre!”

T’aggio vuluto bene a te!
Tu mm’hê vuluto bene a me!
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me!…

Oje cardillo, a chi aspiette stasera?
nun ‘o vvide? aggio aperta ‘a cajóla!
Reginella è vulata? e tu vola!
vola e canta…nun chiagnere ccá:

T’hê ‘a truvá na padrona sincera
ch’è cchiù degna ‘e sentirte ‘e cantá…

T’aggio vuluto bene a te!
Tu mm’hê vuluto bene a me!
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me!…
2546922
Centouno anni di vita “Reginella”, un classico delle canzoni napoletane, tra le più belle e famose serenate in dialetto di tutti...
Discussione
14/08/2018 15:55:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    9
antioco1
Partecipante
antioco1 14/08/2018 ore 15:56

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

@Milaaa : veramente bella ciao
oDiabolik
Proprietario
oDiabolik 14/08/2018 ore 18:38 Quota

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

@Milaaa :

Reginella, una sciantosa napoletana

Tra la fine dell’ottocento e l’inizio del novecento ebbero grande successo anche in Italia i chafè-chantan, locali dove si eseguivano spettacoli di arte varia, durante i quali si poteva mangiare e bere seduti a un tavolo.

I cafè-chantan nacquero in Francia alla fine del XVIII secolo. In Italia il primo di questi locali venne aperto nel 1890 a Napoli all’interno della Galleria Umberto I: il famoso Salone Margherita ; così chiamato in onore della regina. Poi dilagarono praticamente in tutta Italia.

Nei cafè-chantan italiani la regola era quella di copiare in tutto e per tutto la moda francese. Anche i menù erano scritti in francese. Lo stesso valeva anche per le sciantose, che erano probabilmente l’attrazione principale di quegli spettacoli. Per assomigliare alle college d’oltralpe, le sciantose napoletane si cambiavano addirittura il nome, si inventavano un passato di amori illustri e per atteggiarsi parlavano con un improbabile accento straniero.

Fu proprio pensando ad una di queste popolane napoletane che nel 1917 il grande Libero Bovio scrisse i versi di una delle più belle canzoni napoletane di tutti i tempi: Reginella.

E’ una canzone dolcemente malinconica, grazie anche alla bellissima musica su tempo di valzer del maestro Gaetano Lama. Una canzone che parla di un amore che ormai appartiene al passato e di una ragazza di nome Reginella che ha cambiato completamente la sua vita. Adesso è diventata una sciantosa: frequenta ambienti raffinati, veste scollata e parla francese:

Te si’ fatta na vesta scullata,
nu cappiello cu ‘e nastre e cu ‘e rrose…
stive ‘mmiez’a tre o quatto sciantose
e parlave francese…è accussí?


Mentre un tempo la sua vita era molto più semplice, come quando col suo fidanzato mangiava “pane e cerase”.

Reginè’, quanno stive cu mico,
nun magnave ca pane e cerase…
Nuje campávamo ‘e vase, e che vase!
Tu cantave e chiagnive pe’ me!


Ma nonostante il successo e l’agiatezza ogni tanto quell’amore riaffiora ancora nella sua mente.

T’aggio vuluto bene a te!
Tu mm’hê vuluto bene a me!
Mo nun ce amammo cchiù,
ma ê vvote tu,
distrattamente,
pienze a me!…


Reginella divenne subito un successo mondiale, grazie soprattutto alla grande Gilda Mignonette che dopo averla incisa fu la prima ad esportarla all’estero.

A quasi cento anni dalla sua nascita Reginella è ancora una canzone vitale. La canzone ha fatto colonna sonora al film “Sabato, Domenica e Lunedì” del 1990, con Sophia Loren e Luca De Filippo. Nel 1995 Claudio Baglioni, nel suo album “Io sono qui”, ha omaggiato il capolavoro di Bovio-Lama scrivendo una canzone intitolata proprio Reginella. Nello straordinario successo televisivo “Capri”, prodotto da Rai Fiction (2006-2010), Reginella è il nome del personaggio interpretato dalla bravissima attrice napoletana – scuola Eduardo – Isa Danieli. Reginella è poi anche il nome di un numero sterminato di pizzerie napoletane.

Insomma Reginella è una canzone che è entrata nel cuore di tutti. Senza dubbio una canzone speciale che merita un posto d’onore nella gloriosa storia della canzone classica napoletana.
antioco1
Partecipante
antioco1 14/08/2018 ore 18:40

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

@oDiabolik : bravo capo
oDiabolik
Proprietario
oDiabolik 14/08/2018 ore 18:43 Quota

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana




Reginella


Te si' fatta 'na veste scullata,
nu cappiello cu 'e nastre e cu 'e rrose...
Stive 'mmiezo a tre o quattro sciantose,
e parlave francese... è accussì?
Fuje l'autriere ca t'aggio 'ncuntrata?
Fuje l'autriere, a Tuleto, gnorsì...

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Reginè, quanno stive cu mmico
non magnave ca pane e cerase,
nuie campavamo 'e vase! E che vase,
tu cantave e chiagnive pe' me...
E 'o cardillo cantava cu ttico:
Reginella 'o vuo' bene a 'stu rre

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!

Oj cardillo, a chi aspiette stasera?
Nun 'o vide? aggio aperta 'a cajola,
Reginella è vulata, e tu vola!
Vola e canta, nun chiagnere ccà!
t'he' 'à truva' 'na patrona sincera
ca è cchiù degna 'e sentirte 'e cantà.

T'aggio vuluto bene a te...
Tu m'è vuluto bene a me!
Mo nun 'nce amammo cchiù,
ma 'e vvote tu
distrattamente pienze a me!


(testo di Libero Bovio - musica di Gaetano Lama) 1917






Reginella è una delle canzoni napoletane più famose di tutti i tempi.
Pubblicata dalla Casa editrice musicale La Canzonetta, è stata scritta nel 1917 da Libero Bovio (tra l'altro autore di moltissime altre canzoni napoletane di successo come Lacreme napulitane, Silenzio cantatore, Tu ca nun chiagne, ‘O Paese d'o sole, Zappatore, Chiove, Signorinella, Guapparia) e musicata da Gaetano Lama a tempo di valzer.

Lui ha rivisto il suo vecchio amore due giorni prima in via Toledo: lei era vestita con abiti scollati, portava un cappello con nastri e rose, era in compagnia di alcune sciantose e parlava francese.

Ricorda di quando stavano insieme, di quando non mangiavano che pane e ciliegie e vivevano di baci, di quando lei cantava e piangeva per lui, di quando il cardellino cantava insieme a lei: “Reginella vuole bene al suo re”.


Ma ora lui invita il cardellino a scappare dalla gabbia che ha volutamente aperto, a volare via come se n'è volata la sua Reginella, a non continuare a piangere la sua padrona che non c'è più ma a cercarsene un'altra più sincera.

Il ritornello evoca la flebile traccia che rimane dell'antica passione: «ora che non ci amiamo più, tu a volte distrattamente pensi a me».

Moltissimi artisti si sono cimentati nell'esecuzione Reginella.
Una delle prime incisioni è stata ad opera di Gilda Mignonette nel 1918, che la esportò all'estero, facendone uno dei suoi cavalli di battaglia.
Notevole l'interpretazione che ne diede in seguito Roberto Murolo, rendendola a sua volta un classico del suo repertorio.
Negli anni 80 sarà riproposta anche da Massimo Ranieri e negli anni 90 da Mia Martini.
antioco1
Partecipante
antioco1 15/08/2018 ore 08:47

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

@oDiabolik : bravo capo buon ferragosto
antioco1
Partecipante
antioco1 15/08/2018 ore 13:45

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

@oDiabolik : bravo molto bella
Alessia7890
Moderatore
Alessia7890 16/08/2018 ore 00:00 Quota

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

@Milaaa :

Reginella è una delle canzoni napoletane più famose di tutti i tempi.

Pubblicata dalla Casa editrice musicale La Canzonetta, è stata scritta nel 1917 da Libero Bovio (tra l'altro autore di moltissime altre canzoni napoletane di successo come Lacreme napulitane, Silenzio cantatore, Tu ca nun chiagne, ‘O Paese d'o sole, Zappatore, Chiove, Signorinella, Guapparia) e musicata da Gaetano Lama a tempo di valzer
antioco1
Partecipante
antioco1 16/08/2018 ore 08:18

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

@oDiabolik : sempre bravo ciao
Bagi2017
Partecipante
Bagi2017 16/08/2018 ore 11:20 Quota

(nessuno) “Reginella”: la serenata dedicata alla “sciantosa” napoletana

@Milaaa :

Reginella

Descrizione del testo

Lui ha rivisto il suo vecchio amore due giorni prima in via Toledo: lei era vestita con abiti scollati, portava un cappello con nastri e rose, era in compagnia di alcune sciantose e parlava francese.

Ricorda di quando stavano insieme, di quando non mangiavano che pane e ciliegie e vivevano di baci, di quando lei cantava e piangeva per lui, di quando il cardellino cantava insieme a lei: “Reginella vuole bene al suo re”.

Ma ora lui invita il cardellino a scappare dalla gabbia che ha volutamente aperto, a volare via come se n'è volata la sua Reginella, a non continuare a piangere la sua padrona che non c'è più ma a cercarsene un'altra più sincera.

Il ritornello evoca la flebile traccia che rimane dell'antica passione: «ora non ci amiamo più, ma tu a volte distrattamente pensi a me».

La discussione è stata chiusa

Non è possibile aggiungere ulteriori interventi alla discussione corrente.