Forum - country club

Proprietario
tex.965 07/06/2021 ore 06:15 Quota

(nessuno) Orchidee selvatiche in Italia

Le orchidee selvatiche in Italia comprendono 29 generi e 190 tra specie e sottospecie .

La quasi totalità delle specie sono piante geofite con l'eccezione di Liparis loeselii, Malaxis paludosa e Spiranthes aestivalis che possono essere considerate piante epifite in quanto si sviluppano su tappeti di muschi e sfagni o nelle torbiere.



Le orchidee selvatiche “epifite” presentano fiori molto vistosi e dai colori svariati. Al contrario, le orchidee rustiche presentano fiori più piccoli. Le orchidee rustiche sono tutte piante spontanee (quindi potrebbero essere tutte definite “orchidee selvatiche”). Presentano fusticini eretti che terminano con dei fiori: i fiori sono diversi da quelli che trovi esposti in vetrina dai fiorai, tuttavia conservano un grosso fascino.

Le orchidee rustiche sono quasi sempre geofite. In Italia crescono nelle praterie in diverse zone climatiche ed esprimono la loro bellezza per un periodo limitato dell’anno. Sono piante perenni ma seguono un ciclo vegetativo molto preciso: quando il freddo diventa intollerabile per la pianta, questa va in riposo vegetativo disseccandosi per poi svilupparsi nuovamente con i tepori della stagione successiva.




E' vietato raccogliere le orchidee selvatiche che trovi nelle praterie e nei sottoboschi italiani. Inoltre, tra le specie di orchidee spontanee italiane ve ne sono alcune annoverate nella lista delle specie protette. Se vuoi iniziare la coltivazione di un’orchidea selvatica dovrai necessariamente rivolgerti a un consorzio agricolo specializzato in floricoltura o da un vivaio di fiducia. Il fai da te con la raccolta dei semi è del tutto inopportuno in quanto i semi, per svilupparsi, necessitano di condizioni molto peculiari. In natura, la propagazione dell’orchidea selvatica avviene solo occasionalmente per seme, le orchidee rustiche si moltiplicano per divisione delle gemme sotterranee.

Come premesso, le piante geofite presentano organi sotterranei noti come bulbi, tuberi e rizomi. In giardino, la moltiplicazione dell’orchidea può avvenire analogamente per divisione del rizoma o del tubero (in pratica tagliando il rizoma e il tubero in più parti e assicurandosi che ogni porzione detenga di almeno una gemma) o divisione dei cespi (in caso di bulbi).






Cypripedium calceolus





Epipactis helleborine



Neotinea ustulata



Nigritella nigra



Ophrys holosericea
2730888
Le orchidee selvatiche in Italia comprendono 29 generi e 190 tra specie e sottospecie . La quasi totalità delle specie sono...
Discussione
07/06/2021 06:15:32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione