Forum - Bei Tempi

Proprietario
poitispiego 07/06/2021 ore 09:02 Quota

(nessuno) Festival di Sanremo - Donne Italiane che hanno partecipato 1 sola volta



Annarita Tedesco, in arte Tania Tedesco da Battipaglia.

1988 - La notte delle favole


E' la notte delle favole
di quelle che nessuno ha visto mai
con polvere di stelle sopra i tetti e per magia
c'è un buco in cielo per volare via...
E' la notte delle favole
esprimi u desiderio pure tu
se hai voglia dipartire pe un'altra verità
la notte delle favole sarà.
Io vorrei che i grandi fossero bambini
e credessero alle favole
e che tornasse il gusto dell'ingenuità
con la speranza tra le mani e il coraggio del somani perché.
Siamo noi
cinque miliardi di eroi
ci unisce la magia di essere nati
da due persone innamorate e se hai un po' di nostalgia
questa notte non gettarla via
e se è una favola l'amore che non può finire mai
guarda intorno e ci crederai...
E' la notte delle favole
dimentica di essere solo e avrai
la forza di capire che qualcuno intorno c'è
è solo perché sta aspettando te.
Siamo noi
cinque miliardi di eroi
ci unisce la magia di essere nati,
se hai voglia di partire per un'altra verità
la notte delle favole sarà.
E' la notte delle favole
socchiudi la finestra e guarda giù
vedrai speranze nuove incrociarsi per la via
e tu puoi dare una speranza in più...
La notte delle favole
e la favola sei tu
2730906
« immagine » Annarita Tedesco, in arte Tania Tedesco da Battipaglia. 1988 - La notte delle favole « video » E' la notte delle fav...
Discussione
07/06/2021 09:02:16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
poitispiego
Proprietario
poitispiego 07/06/2021 ore 09:02 Quota

(nessuno) Festival di Sanremo - Donne Italiane che hanno partecipato 1 sola volta



Marina Arcangeli (Bologna, 17 marzo 1956) è una cantante italiana.

1989 - Il poeta


Chissà perché nasce un poeta,
quel figlio di una notte inquieta,
quel figlio di una mezzoretta,
c’è poco tempo, lui mi aspetta,
quel figlio di una scampagnata,
di una frenata ritardata,
di una bottiglia troppo vuota
o della solita serata.
Chissà perché nasce un poeta,
forse per quella notte lieta
di due ragazzi troppo seri,
per la scintilla nei pensieri
che accende in cielo qualche stella,
per questa luna troppo bella,
per lo sfiorarsi di due mani,
per frasi tipo “dai, rimani”,
per corpi lisci come seta,
ecco perché nasce un poeta.
Chissà perché vive un poeta,
quel figlio di una stornellata,
di una parola disperata
che nella rima si è baciata,
di una parentesi ormai chiusa
dentro alla storia di una sposa,
di qualche apostrofo un po’ rosa
nascosto dietro ad una scusa.
Chissà perché vive un poeta
con quella sabbia tra le dita,
le scarpe a un palmo dalla strada
e gli occhi pieni di rugiada,
chissà perché vive un poeta,
chissà perché passa la vita
a raccontarci storie strane
piene di ladri e di donnine,
per dare un senso a questa vita,
ecco perché vive un poeta.
Chissà perché muore un poeta,
chissà perché lascia la vita
sopra la punta dei suoi piedi,
prima era qua, poi non lo vedi,
chissà perché poi di un poeta
resta una pagina ingiallita,
lui se n’è andato all’improvviso
con un saluto e un bel sorriso
per inseguire una cometa,
ecco perché muore un poeta.
poitispiego
Proprietario
poitispiego 07/06/2021 ore 09:02 Quota

(nessuno) Festival di Sanremo - Donne Italiane che hanno partecipato 1 sola volta



Lina Sastri, all'anagrafe Pasqualina Sastri (Napoli, 17 novembre 1953), è un'attrice e cantante italiana.

1992 - Femmene 'e mare


'E femmene 'e mare so' femmene amare
So' femmene doce so' femmene overo 'E femmene
'e mare nun rideno maie
Nun rideno maie nun so' maie sincere
'E femmene 'e mare s''a portano 'a dinto
S''a portano 'a dinto 'alleria d''o campa'
'E femmene 'e mare nun sanno l' ammore
Ma songhe criature ma sanno sunna'
'E femmene 'e mare so' femmene sole
So femmene annure vestute 'e paure
E guardano 'ncielo e se fanno 'a croce
E gghiastemmano sempe nun teneno pace
'E femmene 'e mare se torceno 'e mmane
Se schiattano 'ncuorpo p'arraggia
'E femmene 'e mare se mettono scuorno d''o viento
Che passa tuccannele 'e cosce
'E femmene 'e mare s'annasconneno 'o core
Arreto a 'sta luna tutt''e vote che gghiesce
'Femmene 'e mare addorano 'e sale
'E o bene c''o male, cu a notte, fernesce
E o juorno s'affaccia 'nfucato 'a 'stu sole
'Stu sole c'appiccia 'sti facce 'e paura
Chist'uocchie sperdute 'e chi aspetta a nisciune
Chist'uocchie 'e speranza 'e chi aspetta a furtuna
'E femmene 'e mare se torceno 'e mane
Se stipano n'cuorpo ll'arraggia
'E femmene 'e mare s''a portano 'ncuollo 'sta sciorta
Nu sciallo e 'o tiempo che passa!
poitispiego
Proprietario
poitispiego 07/06/2021 ore 09:02 Quota

(nessuno) Festival di Sanremo - Donne Italiane che hanno partecipato 1 sola volta



Angela Baraldi (Bologna, 12 giugno 1964) è una cantante e attrice italiana.

1993 - A piedi nudi


Vado via
E non ho bisogno
Di molti soldi
Vado verso la campagna
A piedi nudi
Corro verso il fiume
E mi diverto
Con un po' di vento
Con un po' di pioggia
Perdo del tempo
Aspetto che il giorno finisca
Sulle valli aperte
Sui fossi l'ortica
Mentre il silenzio dei grilli e del grano
Copre il boato di un mondo lontano lontano
E me ne frego
Non guardo dove mi siedo
Non guardo che ore sono
Non so come mi chiamo
E non torno a casa tanto ho perso la strada
Tanto non mi piaceva preferisco camminare
A piedi nudi
Vado via
E non ho bisogno di indicazioni
Vado verso la campagna
In cerca di visioni
Aspetto seduto
Se qualcuno passa saluto
Se chiudo gli occhi continuo a vedere
Parlo da solo e mi sto ad ascoltare
Aspetto che il giorno finisca
Sui campanili sui vecchi cortili
Dormo per terra riposo la schiena
Io sono il matto fra il sole e la luna la luna
Vado via
Vado via

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione