Forum - Festival di Sanremo

Proprietario
poitispiego 11/12/2020 ore 23:26 Quota

(nessuno) @@Festival di Sanremo - Donne Italiane che hanno partecipato 1 sola volta



Laura Bono, pseudonimo di Laura Bonometti (Varese, 14 gennaio 1979), è una cantautrice italiana.

2005 - Non credo nei miracoli


Io non credo nei miracoli
tu sei stato per me l’eccezione

anche solo per un attimo
ma sai che ci ho creduto in noi

ma io vivo nel ricordo che
sgomitando si fa spazio in me
di un amore che purtroppo non sei te

dolce stella non tremare
ci ho provato e riprovato
ma non posso piu’

farti male farmi male
tutto questo dimmi che senso ha

spacchiamo il mondo io e te
ho il cuore pieno di noi

ma perche’ non riesco ad innamorarmi
di te perche’

tu mi stringi e ho un nodo in gola
mi fa quasi male a respirare

mentre mi difendo sento che vorrei
proteggerti da me

ti ho lasciato ti ho ripreso
troppe volte ho perso il conto
ma tu sempre li’

farti male mi fa male
tutto questo dimmi che senso ha

ti muovi dentro di me
intenso odore di noi

coi tuoi sguardi che accarezzano
l’animale in me ooooooh oooh

speciale il mondo con te
che bello il buio con te

ma perche’ non riesco a viverti come
io vorrei come vorrei

la la la la la la laaaah
naih na nah la la lai laaah

ma perche’ non riesco a viverti come
io vorrei come vorrei

io non credo nei miracoli
se potessi tu sorprendermi.




Monia Russo nasce a Sanremo (IM) il 5 maggio del 1988.

2006 - Un mondo senza parole


Tu... di che mondo sei
Tu che... mi dai
Una forza che non ho
Mi guardi e sorridi da un po'
Dimmi che ci sei
E si parla di noi
Io sento che c'è
Dentro di te
Un mondo senza parole
L'immenso che vuoi
E' già parte di noi
Un'onda che non ci basta mai
Tu... di che stella sei
Per me... sarai
Come un bimbo che... già sa
Che non può fare a meno di te
E sa che tu l'amerai
Io sento che c'è
Dentro di te
Un mondo senza parole
L'immenso che vuoi
E' già parte di noi
Un'onda che non ci basta mai
Perché con te
Io vedo che c'è
Nell'alba un nuovo sole
Io sento che c'è
Dentro di te
Un mondo senza parole
L'immenso che sei
E' un'onda che non ci basta mai
Di che stella sei...




Sara Galimberti nasce a Roma il 20 marzo 1985

2007 - Amore ritrovato


Amore ritrovato
Nascosto nella notte del mio cuore e poi perduto,
Amore mai lasciato
In un tango di ricordi sei comparso a togliermi
II coraggio conquistato
Amore senza fiato
Come una lama luccicante
Sotto il filo del peccato
Amore abbandonato
Per tristezza ed ingordigia barattato.
Amore mio perduto, amore mio cullato, amore mio sperato.
leggero si muove rubandoti il cuore
L’amore a riamato, piegalo, tradito
L’amore che grida per farsi sentire
L’amore che vive anche sopra il dolore…
Amore mio sincero, guerriero sul mio cuore
Come un amore vero
Amore silenzioso
Appari e poi scompari
Come un gioco sul mio viso
Amore chiudi gli occhi,
Che resti solo il fiato, il tuo respiro nella notte, come un filo
Che tega la mia vita,
Come un tango misterioso e prepotente,
Come un passo a due, unisono e costante,
Come una partita
L’amore mio che grida,
L’amore appassionato, l’amore mio voluto,
L’amore come un sogno mio perduto…
Leggero si muove toccandoci il cuore
L’amore affamato, piegato, tradito
L’amoie che grida per farsi sentile
L’amore che grida anche sopra il dolore…
Amore mio sincero, guerriero sul mio cuore
Come un amore vero…
Amore ritrovato, nascosto nella notte del mio cuore
E poi perduto…




Valeria Vaglio (Bari, 28 giugno 1980) è una cantautrice italiana.

2008 - Ore ed ore


Non metterò mai più
Il maglione rosa e blu
Che tutte le mattine indossavo a colazione
Preparando il tuo caffè
E non sarò più io
A dirti amore mio
Come sei bella la mattina appena sveglia
E’ già tardissimo
Le interferenze fan rumore
E non si può cambiar canale
O spegnere il televisore
Durante ogni temporale
Ma come ho fatto a non capire
E far l’amore ore ed ore
E già iniziava a nevicare
E il nostro letto all’improvviso
Si trasformò in altare
L’eternità nascose un po’ di sé tra le lenzuola
Il tuo profumo addosso
Neanche una parola
Non te lo dirò mai
Ma ti amo ancora sai
Lascerò la porta aperta
Fosse anche per vent’anni
O per un’eternità
Tradire è una follia
Io non ne avevo idea
Ma le scuse son parole
Che offendono l’amore
E non possono spiegare
E intanto il vento fa rumore
Tra i fori delle mie catene
Dio fa che ritorni il sole
Che senza lei non so più stare
E non mi basta ricordare
E far l’amore ore ed ore
E già iniziava a nevicare
E il nostro letto all’improvviso
Si trasformò in altare
L’eternità nascose un po’ di sé tra le lenzuola
Il tuo profumo addosso
Neanche una parola
Neanche una parola.
2706461
« immagine » Laura Bono, pseudonimo di Laura Bonometti (Varese, 14 gennaio 1979), è una cantautrice italiana. 2005 - Non credo ne...
Discussione
11/12/2020 23:26:19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
poitispiego
Proprietario
poitispiego 11/12/2020 ore 23:26 Quota

(nessuno) Festival di Sanremo - Donne Italiane che hanno partecipato 2 volte



Brunella Borciani (Reggio nell'Emilia, 22 aprile 1962) è una cantante italiana.

1983 - E la neve scende


E la neve scende
bianca su di me
morbida e lucente
sprans e poi fa sprens
e tu chi sei
sei forse l’angelo
ma il treno va….partiva.
Di te
non so
nemmeno il nome tuo
e il giorno va, moriva.
Che strano incontro
alla stazione
quel pomeriggio d’inverno
faceva freddo
ma quanto amore
avevi ancora da darmi!

E la neve scende
bianca su di me
e mi torni in mente
ma tu non ci sei.

E qui, in me…
ti vedo in un replay
come in un film
di ieri!
E tu per me
di certo sei una spia
che passa tra la frontiera!!!

Che strano incontro
alla stazione
quel pomeriggio d’inverno
faceva freddo
ma quanto amore
avevi ancora da darmi!

E la neve scende
bianca su di me
e mi torni in mente
ma tu non ci sei.
E la neve scende
ma tu non ci sei.




Cliò, pseudonimo di Vincenza Luciani (Fondi, 7 agosto 1973), è una cantante italiana.

1993 - Non dire mai


In questa sera sporca di solitudine e malinconia
Io penso a te
Che sprofondato dentro il tuo giubbotto gli occhi fissi al cielo
E il cielo fissa te
A te che avevi quella grinta arrampicata sul destino
E che sognavi il mondo giusto di un bambino
Maledetta spada che ti porta giù
Sempre più giù
E quante vite già vissute e già spogliate
Proprio come la tua
Ragazzi soli senza più la voglia dell'estate
Quante risate io e te
Vorrei trovare le parole, le più dolci, giuste
Vere e sole
Per ridarti il desiderio di allegria
E la speranza che negli occhi tuoi
Nuove luce avrai
E non dire mai
Che il tuo cielo è senza ali
Che il vento strappa sempre
Ogni tua preghiera
E non dire mai
Che non tu ce la farai
Non dirlo mai
Ragazzi soli
Con il cielo per cappotto
Sempre più a fondo
Ma il cuore stretto stretto
E non dire mai
Che tu non ce la farai
E no, non dirlo mai
E no, non dirlo mai
Fra tante nubi dove il sole, ormai è di spalle
Uno spiraglio c'è
E in questa vita senza spazio per i miracoli
Io sto con te
Anche se quell'ansia che ti prende per la mano
E ti porta sempre mille mondi più lontano
Maledetta spada che ti porta giù
Sempre più giù
E non dire mai
Che il tuo cielo è senza ali
Che il vento strappa sempre
Ogni tua preghiera
E non dire mai
Che non tu ce la farai
Non dirlo mai
Ragazzi soli
Con il cielo per cappotto
Sempre più a fondo
Ma il cuore stretto stretto
E non dire mai
Che tu non ce la farai
Che il tuo cielo è senza ali
Che il vento strappa sempre
Ogni tua preghiera
E non dire mai
Che non tu ce la farai
E no, non dirlo mai
E no, non dirlo mai
Tu no, non dirlo mai.




Elisa, all'anagrafe Elisa Toffoli (Trieste, 19 dicembre 1977), è una cantautrice, compositrice, polistrumentista, musicista e produttrice discografica italiana.

2001 - Luce (tramonti a nord est)


Parlami, come il vento fra gli alberi
Parlami, come il cielo con la sua terra
Non ho difese ma
Ho scelto di essere libera
Adesso è la verità
L'unica cosa che conta
Dimmi se farai qualcosa
Se mi stai sentendo
Avrai cura di tutto quello che ti ho dato
Dimmi
Siamo nella stessa lacrima, come un sole e una stella
Luce che cade dagli occhi, sui tramonti della mia terra
Su nuovi giorni
Ascoltami
Ora so piangere
So che ho bisogno di te
Non ho mai saputo fingere
Ti sento vicino
Il respiro non mente
In tanto dolore
Niente di sbagliato
Niente, niente
Siamo nella stessa lacrima, come un sole e una stella
Siamo luce che cade dagli occhi, sui tramonti della mia terra
Su nuovi giorni in una lacrima
Come un sole e una stella
Luce che cade dagli occhi, sui tramonti della mia terra, su nuovi giorni
Il sole mi parla di te (mi stai ascoltando, ora?)
La luna mi parla di te (avrà cura di tutto quello che mi hai dato)
Anche se dentro una lacrima, come un sole e una stella
Luce che cade dagli occhi, sui tramonti della mia terra
Su nuovi giorni, in una lacrima come un sole e una stella
Siamo luce che cade dagli occhi, sui tramonti della mia terra
Su nuovi giorni
Ascoltami
Ascoltati
Ascoltami
Ascoltami
Ascoltami
Ascoltami
Ascoltati




Valentina Giovagnini (Arezzo, 6 aprile 1980 – Siena, 2 gennaio 2009) è stata una cantante italiana.

2002 - Il passo silenzioso della neve


Mi vesto come un angelo che sa
che nelle ali ha nuove libertà
e mi abbandono al gesto di volare via da te
ma non c'è traccia che ti lascerò
non c'è commedia in cui mi applaudirai
il cuore ha il passo silenzioso della neve ormai
Le tue mani mai
il tuo corpo mai
la tua mente mai più
Il tuo nome mai
i tuoi occhi mai
la tua voce mai più
Nessuna estate canterà il tuo addio
da questa spiaggia in bianco e nero ed io
coloro le mie labbra con un'altra identità
Per implorarti di lasciarmi qui
in questo freddo innaturale che
cancella case strade e non ha più pietà per te
Le tue mani mai
il tuo corpo mai
la tua mente mai più
Il tuo nome mai
i tuoi occhi mai
la tua voce mai più
Come sabbia sei nel mio pensiero
aquila che ormai non ha più cielo
e cade in volo
poitispiego
Proprietario
poitispiego 11/12/2020 ore 23:26 Quota

(nessuno) Festival di Sanremo - Donne Italiane che hanno partecipato 2 volte

SONO 4





La giovanissima cantante barese Patrizia Danzi, ancora studentessa, partecipa al festival di Sanremo 83.

1983 - Fammi volare


Fammi volare con te
fammi volare, in lungo e in largo con te
fammi volare con te, fammi volare, fammi volare con te

io mi trascinerò
in un ciclone di strane emozioni
e lo ricorderò a perdifiato senza esitare
poi ti racconterò di un tipo strano dai mille colori
che in tutti quanti c’è
e chiede aiuto per respirare, per gridare.
fammi volare con te
fammi volare, in lungo e in largo con te
fammi volare con te, fammi volare, fammi volare con te.

Così ci aiuterà a liberare le nostre ambizioni
in questo mondo che sembra lontano a scoppio normale
dai vieni insieme a me potrai ballare su un sogno ideale
se in fondo pensi che valga la pena di dire insieme, di gridare

fammi volare con te, fammi volare, in lurgo e largo con te
fammi volare con te, fammi volare, fammi volare con te
fammi volare con te, fammi volare, in lungo e in largo con te
fammi volare con te, fammi volare, fammi volare con te

(si può volare in lungo e largo con me se vuoi si può volare)
fammi volare
(si può volare in lungo e largo con me se vuoi si può volare)
sì sì si può volare
(si può volare in lungo e largo con me se vuoi si può volare)
si può volare
(si può volare in lungo e largo con me se vuoi si può volare)
fammi volare
(si può volare in lungo e largo con me se vuoi si può volare)
fammi volare
(si può volare in lungo e largo con me se vuoi si può volare)
fammi volare!




Marisa Laurito (Napoli, 19 aprile 1951) è un'attrice, cabarettista, cantante e conduttrice televisiva italiana.

1989 - Il babà è una cosa seria


Certe volte non so quel che faccio
Giro a vuoto, mi sento uno straccio
Il telefono squilla
C'è un uomo che strilla
Mi ronza un orecchio
Si è rotto lo specchio
Che ghiurnata ch'e' schiarata
Nun me ne fido occhiu'
Senza fa' manco 'a valigia
Vorrei andarmene in Perù
In Giappone, in India, in Cina
Ma poi volo 'int 'a cucina
A me quello che mi consola
E l'addore d'a pummarola
Perché quel che mi tira su
Songo 'e zite con il ragù
La fortuna è fugace, si sa
L'amor, l'amor, l'ammore viene e va
Ma il maccherone resta
Non c'è sta niente 'a fa'
Io mi sento più buona e più bella
Facci' o gnocco cu 'a muzzarella
E si 'a vita amara se fa
Si addolcisce cu nu babà
Il babà è una cosa seria
Cu 'o babà nun se pazzea
è una cura che fa bene
'O babà nun po' ingannà
Il babà è come il ciucciotto
La coperta di Linus
Se cercate un antistress
Accattateve 'o babà
La mattina se leggo il giornale
Corro il rischio che dopo sto male
C'è la borsa che cade
Una tassa che scade
C'è l'alga mortale
La nube fatale
Tutto il mondo s'è inquinato
Mo' l'ozono che farà
Mi dimetto da terrestre
Sopra Marte voglio andà
Ma poi sento l'odorino
Che proviene d'a' cucina
A me quello che mi consola
E l'addore d'a pummarola
Perché ciò che mi tira su
Songo 'e zite con il ragù
La fortuna è fugace, si sa
L'amor, l'amor, l'ammore viene e va
Ma il maccherone resta eh eh eh
Non c'è sta niente 'a fa'
Io mi sento più buona e più bella
Facci' o gnocco cu 'a muzzarella
E si 'a vita amara se fa
Si addolcisce cu nu babà
Il babà è una cosa seria
Cu 'o babà nun se pazzea
è una cura che fa bene
'O babà nun po' ingannà
Il babà è come il ciucciotto
La coperta di Linus
Se cercate un antistress
Accattateve 'o babà
La fortuna è fugace, si sa
L'amor, l'amor, l'ammore viene e va
Ma il maccherone resta eh eh eh
Non c'è sta niente 'a fa'
Io mi sento più buona e più bella
Facci' o gnocco cu 'a muzzarella
E si 'a vita amara se fa
Si addolcisce cu nu babà.




1990 - Rosè Crisci con "Favolando"


Scendi di più
Scendi più giù
Qui, non c'è mai un po' di blu
Scendi qua giù
Sogna con noi
Cambiaci il brutto se puoi
Gli angeli che sanno amare
Volano per non toccarci mai
Gli angeli non hanno sogni
Volano e non chiedono di più
Mai, non c'è mai quello che vuoi
Dammi le ali se puoi
Vivi anche tu dentro di noi
Cambiaci i sogni se puoi
Gli angeli che sanno amare
Volano per non toccarci mai
Gli angeli non hanno sogni
Volano e non chiedono di più
Vivo di più, cerco di più
Favolando
Sento di più, tocco di più
Favolando
Gli angeli che sanno amare
Volano per non toccarci mai
Gli angeli non hanno sogni
Volano e non chiedono di più
Vivo di più, cerco di più
Favolando
Sento di più, tocco di più
Favolando




Antonella Bucci, pseudonimo di Antonietta Buccigrossi (Hausham, 3 marzo 1971), è una cantante italiana.

1993 - Il mare delle nuvole


Dimmi se a volte anche tu hai sognato
di fare un tuffo lassu’
nel mare delle nuvole
dimmi se sai il suo significato

Sara’ il bisogno di uscire dai muri
di tante case di tanti cuori
muri che rinchiudono dentro
cresciuti con me

Quanto tempo ci vorra’
per venirne fuori, piu’ fuori
perche’ non e’ bastato mai
far finta di star bene da soli

Stai qui con me accanto a me
c’e’ posto per un sogno non credi
Stai qui con me accanto a me
perche’ di te ho bisogno non vedi

Non vedi quanto amore che
mi corre dentro i polsi
e che ritrovo dentro a tutti i miei discorsi
non vedi che vorrei poterlo regalare
e a chi non ne ha, ne daro’ di piu’
specialmente se poi a chiederlo sei tu.

E ci si prova sempre un po’
a spingere la vita piu’ avanti
cos’e’ il benessere pero’ se poi
ci si ritrova distanti

Stai qui con me accanto a me
a questa testa mia confusa
Stai qui perche’ mi trovo persa
in questa gabbia di stelle che e’ l’universo senza te.

Non vedi quanto amore che mi agita i respiri
e che ritrovo dentro a tutti i miei pensieri
non vedi che vorrei poterlo regalare
e a chi non ne ha ne daro’ di piu’
specialmente se poi a chiederlo sei tu.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione