Forum - (((Giardinaggio e fiori)))

Proprietario
missdea69 10/12/2017 ore 10:29 Quota

(nessuno) Piante di Natale: guarda tutte le foto e scopri come curarle

Piante di Natale: dal pungitopo all’agrifoglio, dalle Stelle di Natale al mirtillo rosso, ecco come farle vivere tutto l’anno



Dall’ Anthurium al Pungitopo, passando per la classica stella di Natale… Scegliete la vostra preferita e scoprite tutto quello che c’è da sapere per prendersene cura anche dopo le Feste





STELLA DI NATALE – È la pianta più regalata: a Natale con lei è subito festa. Va innaffiata ogni 2-3 giorni, evitando il ristagno dell'acqua. Non ama il freddo e predilige i luoghi luminosi: la temperatura ideale è tra i 15 e i 22 gradi centigradi.



BIANCOSPINO – Grazie alle sue spine aguzze allontana gli “spiriti maligni”. Non necessita di molta acqua, tranne che nel periodo estivo e in quello della fioritura. Ha bisogno di fertilizzanti a base di fosforo e potassio dall'inizio della primavera alla fine dell'estate.



ANTHURIUM - Il fiore rosso a forma di cuore simbolo di amore e amicizia. Essendo una pianta tropicale predilige alte temperature, ambiente umido e non ama la luce diretta del sole. Va innaffiato regolarmente (ogni 2-3 giorni), evitando i ristagni d'acqua.



AGRIFOGLIO - Così aggressivo da essere usato nell'antichità per scacciare gli spiriti maligni, è la pianta di Natale più pungente che c'è. Predilige le zone soleggiate e, anche se tollera il gelo, in periodi molto freddi è consigliabile proteggerne la base con foglie secche. Innaffiare 2 volte la settimana.



ARDISIA – Verde, rosso, bacche: per le sue caratteristiche è un perfetto fiore delle Feste. Ama la luce ed il caldo. Per tutto il periodo primaverile - estivo la pianta va annaffiata regolarmente in modo che il terreno rimanga sempre umido mentre durante l'autunno e l'inverno occorre aspettare che si asciughi in superficie prima di procedere con la successiva annaffiatura.




CACTUS DI NATALE – Anche se fiorisce nei mesi freddi (da qui il nome “cactus di Natale”), questa pianta ama il caldo: la temperatura ideale è di 20°C. Per prolungarne la fioritura nel periodo invernale collocatelo in una stanza luminosa. Va annaffiato regolarmente e poco alla volta, evitando che si formino dei ristagni nel sottovaso.



ROSA DI NATALE – Altrimenti detta “Elleboro bianco”, è un'ottima alternativa alle classiche stelle di Natale. Va innaffiata 1-2 volte a settimana durante la ripresa vegetativa e solo quando il terreno è completamente asciutto. Sospendere le innaffiature, invece, durante il periodo di riposo vegetativo.



MIRTILLO ROSSO AMERICANO – Con le sue bacche portafortuna renderà il vostro Natale ancora più fortunato. A differenza del mirtillo tradizionale può essere collocato anche in un vaso di medie dimensioni e nei terrazzi esposti al nord. Va innaffiato frequentemente (ogni 2 giorni) poiché il terreno deve restare umido.



PUNGITOPO – Verde e rosso, ha i colori simbolo del Natale. Non va mai esposto alla luce diretta del sole. Va innaffiato abbondantemente nella stagione calda (ogni 2-3 giorni), ma poco d'inverno (una volta ogni 2 settimane).



TRONCHETTO DELLA FELICITA' – Una pianta natalizia benaugurante che non dovrebbe mai patire il freddo: fate in modo che l’ambiente dove sarà sistemato il vostro tronchetto non scenda mai sotto i 7-8 gradi. Va innaffiato 1-2 volte a settimana in estate, una volta ogni 15 giorni in inverno.
letithia
Partecipante
letithia 10/12/2017 ore 10:58 Quota

(nessuno) Piante di Natale: guarda tutte le foto e scopri come curarle

@missdea69 :


Io ho il cactus di Natale.....è bellissimo quando fiorisce...
non sapevo che deve stare in casa.....io ce l'ho in veranda
e non è ancora fiorito.....esiste pure con i fiori bianchi...
è bellissimo....





Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione