Forum - Amici Miei Atto Quarto

QUALUNQUE post di contenuto offensivo o polemico verra' ELIMINATO e l'autore estromesso dal gruppo. SI alle critiche costruttive NO alle polemiche /offese

Amministratore
46.Federica 25/11/2020 ore 10:56 Quota

(nessuno) ]Oggi saremo invasi da post, immagini e video sulla Giornata contro la Violenza sulle donne

Oggi saremo invasi da post, immagini e video sulla Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, problematica reale e molto più diffusa di quanto spesso si pensi. In realtà nonostante corra l’anno 2020 parlare di violenza sulle donne in Italia rimane tabù. Non solo non si accetta la possibilità che la violenza sia adoperata nella maggioranza dei casi all’interno della famiglia da parenti o affini, ma l’argomento in sé continua a rimanere intriso di retorica e buon costume tipico da ricorrenza. Basti pensare a tutte le sviolinate che date di calendario come l’otto marzo e San Valentino ci riservano: post su Facebook e Instagram, cuori, mimose, gioielli, cene, apprezzamenti, elogi e chi più ne ha più ne metta.
Eppure, i dati Istat parlano chiaro: sono proprio coloro che regalano cuscini a forma di cuore e mazzi di fiori a profusione ad essere i maggiori artefici delle violenze.


La realtà che mostra l’Istat in merito a numerose indagini infatti è tutt’altro che rosea. Guardiamo da vicino un po’ di numeri: in Italia risiedono circa 21 milioni e mezzo di donne comprese tra i 16 e i 70 anni. Relativamente agli ultimi dati reperibili risalenti al 2016, circa il 31,5% ovvero 7 milioni di persone dei 21 menzionati ha subito almeno una volta nella vita una violenza fisica o sessuale.



Sarebbe sufficiente citare questo singolo dato per chiudere un appello significativo e risoluto su quanto la violenza sulle donne sia una vera e propria piaga. Senza ipocrisia e stando a fenomeni statistici più che alla cronaca nera, è doveroso sottolineare che nessun tipo di violenza può essere giustificato; è giusto invece ribadire che l’approccio al pensiero e all’analisi di quest’ultima deve essere diverso nel momento in cui venga superata una certa soglia di casistica.

Nel caso italiano infatti si deve prendere atto di essere di fronte ad un fenomeno nazionale che rimane spesso all’interno delle mura domestiche

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione