Forum - Al Sassofono Blu

Partecipante
tex.965 08/05/2021 ore 20:57 Quota

(nessuno) " La Mamma "
















Da dove sono venuto?
Dove mi hai trovato?
Domandò il bambino a sua madre.
Ed ella pianse e rise allo stesso tempo
e stringendolo al petto gli rispose:
tu eri nascosto nel mio cuore, bambino mio,
tu eri il suo desiderio.

Tu eri nelle bambole della mia infanzia,
in tutte le mie speranze,
in tutti i miei amori, nella mia vita,
nella vita di mia madre,
tu hai vissuto.

Lo Spirito immortale che presiede nella nostra casa
ti ha cullato nel Suo seno in ogni tempo,
e mentre contemplo il tuo viso,
l’onda del mistero mi sommerge
perché tu che appartieni a tutti,
tu mi sei stato donato.

E per paura che tu fugga via
ti tengo stretto nel mio cuore.
Quale magia ha dunque affidato
il tesoro del mondo nelle mie esili braccia?


Rabindranath Tagore


2726994
« immagine » « immagine » « immagine » « immagine » « immagine » Da dove sono venuto? Dove mi hai trovato? Domandò il bambino a s...
Discussione
08/05/2021 20:57:35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    6
tex.965
Partecipante
tex.965 08/05/2021 ore 21:39 Quota

(nessuno) " La Mamma "








“Il bambino chiama la mamma e domanda: Da dove sono venuto? Dove mi hai raccolto? La mamma ascolta, piange e sorride mentre stringe al petto il suo bambino: Eri un desiderio dentro al cuore.”
letithia
Partecipante
letithia 09/05/2021 ore 11:33 Quota

(nessuno) " La Mamma "

@tex.965 :

@a.metysta :






Ogni seconda domenica di Maggio,come da tradizione,
si festeggia la mamma.
Le origini di questa festività sembrano essere legate
alle antiche popolazioni politeiste che,nel periodo primaverile,
celebravano le divinità femminili legate alla terra e alla
sua ritrovata fertilità.
Le madri sono il simbolo della vita per eccellenza.
Ogni donna è un possibile contenitore di anime pronte
a nascere, il tramite per venire al mondo.
Questo dono ha un potere immenso eppure alle volte
ne viene trascurato il significato profondo.
È un miracolo, l’unico miracolo di cui
siamo capaci noi umani. Dare la vita.
Eppure si perde nella scontatezza del farsi
una famigliola carina e felice.
Figli due, grazie. Un maschietto ed una femminuccia.
Giusto per avere la coppia.




Niente potrà mai sostituire l’amore di una madre,
nessun abbraccio sarà mai abbastanza rassicurante
e niente al mondo riuscirà a toccarti l’anima
come la dolcezza racchiusa nello sguardo di colei
che ti ha donato la vita e darebbe la sua
pur di saperti felice.


Una mamma è come un albero grande
che tutti i suoi frutti ti da:
per quanti gliene domandi
sempre uno ne troverà.
Ti da il frutto, il fiore, la foglia,
per te di tutto si spoglia,
anche i rami si taglierà.
Una mamma è come un albero grande...


Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione