Forum - Agorà

Partecipante
gandalf3 31/07/2019 ore 10:13 Quota

(nessuno) Le Cantique de Jean Racine

@SheRocky :
Il Cantique de Jean Racine (Op.11) è un brano vocale composto da Gabriel Fauré nel 1864, all’età di 19 anni, ed è la sua prima significativa opera scritta nell’ultimo anno di studi presso la celebre “Scuola di musica religiosa e classica” Niedermeyer di Parigi. Originariamente composto per coro a quattro voci, quintetto a corda ed arpa come pezzo per il concorso di composizione da lui vinto e successivamente in una versione con pianoforte o organo, fu pubblicato solo 12 anni dopo ed eseguito nella versione definitiva a piena orchestra nel 1906.
Il testo, Verb égal au Trés Haut, scritto in versi dal grande drammaturgo e poeta Jean Racine fa parte dei suoi Hymnes traduites du Brèviaire romani (1688) ed è una perifrasi del canto Consors Paterni Luminis risalente al Medioevo ed attribuito, ma forse erroneamente, a S. Ambrogio, e che veniva cantato nelle prime ore del mattino del terzo giorno festivo, e cioè il martedì.
Un inno all’Onnipotente che esorta i fedeli a risvegliarsi nella notte per pregare uniti e scacciare il sonno dell’anima che fa dimenticare le sue leggi ed implorare, con il canto, la benevolenza di Cristo.
E’ musica religiosa unica nel suo genere: Fauré intende la religione come sorgente d’amore e mai di timore o paura e ci propone un canto solenne, dolce, pacato, talora profondo e triste ma mai troppo drammatico. Una musica che, come il “Requiem”, ispira soprattutto fede, tenerezza e meditazione, che ha destato l’ammirazione di celebri letterati contemporanei di Fauré come Proust e Verlaine e che tuttora affascina sia chi l’esegue sia chi l’ascolta.

Verbo pari all’altissimo,
Nostra unica speranza,
Luce eterna della terra e dei cieli,
Della pacifica notte rompiamo il silenzio,
Divino Salvatore, degnati di guardarci!

Cospargici del fuoco della tua potente grazia,
Che tutto l’inferno fugga al suono della tua voce
Dissipa il sonno di un’anima languida,
Che la induce a dimenticare le tue leggi,

O Cristo, sii benevolo verso questo popolo fedele,
Ora riunito per benedirti,
Accogli i canti che offre alla tua immortale gloria,
E fa che ritorni colmo dei tuoi doni. l’Onnipotente, nostra unica speranza,
Luce eterna della terra e dei cieli;
Della pacifica notte rompiamo il silenzio,
Divino Salvatore, degnati di guardarci!
Cospargici del fuoco della tua potente grazia,
Che tutto l’inferno fugga al suono della tua voce
Dissipa il sonno di un’anima languida,
Che la induce a dimenticare le tue leggi !
O Cristo, sii benevolo verso questo popolo fedele,
Ora riunito per benedirti,
Accogli i canti che offre alla tua immortale gloria.
E fa che ritorni colmo dei tuoi doni.
web

2626919
@SheRocky : Il Cantique de Jean Racine (Op.11) è un brano vocale composto da Gabriel Fauré nel 1864, all’età di 19 anni, ed è la...
Discussione
31/07/2019 10:13:21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
gandalf3
Partecipante
gandalf3 31/07/2019 ore 11:40 Quota
SheRocky
Amministratore
SheRocky 04/08/2019 ore 12:56 Quota

(nessuno) Le Cantique de Jean Racine

@gandalf3 :

Testo francese:

Verbe égal au Très-Haut, notre unique espérance,
Jour éternel de la terre et des cieux,
De la paisible nuit nous rompons le silence :
Divin Sauveur, jette sur nous les yeux.

Répands sur nous le feu de Ta grâce puissante ;
Que tout l'enfer fuie au son de Ta voix ;
Dissipe le sommeil d'une âme languissante
Qui la conduit à l'oubli de Tes lois!

Ô Christ ! sois favorable à ce peuple fidèle,
Pour Te bénir maintenant rassemblé ;
Reçois les chants qu'il offre à Ta gloire immortelle,
Et de Tes dons qu'il retourne comblé.
SheRocky
Amministratore
SheRocky 04/08/2019 ore 12:56 Quota

(nessuno) Le Cantique de Jean Racine

@gandalf3 :

Testo latino, musicalissimo ...

Consors paterni luminis,
Lux ipse lucis et dies,
Noctem canendo rumpimus:
Assiste postulantibus.

Aufer tenebras mentium,
Fuga catervas dæmonum,
Expelle somnolentiam
Ne pigritantes obruat.

Sic, Christe, nobis omnibus
Indulgeas credentibus,
Ut prosit exorantibus
Quod præcinentes psallimus.

Sit, Christe, rex piissime,
Tibi Patrique gloria
Cum Spiritu Paraclito
In sempiterna sæcula.
Amen.
SheRocky
Amministratore
SheRocky 04/08/2019 ore 12:57 Quota

(nessuno) Le Cantique de Jean Racine

@tex.965 scrive:
Accogli i canti che offre alla tua immortale gloria.
E fa che ritorni colmo dei tuoi doni.




Per noi tutti... :cuore :cuore :cuore
gandalf3
Partecipante
gandalf3 04/08/2019 ore 13:37 Quota

(nessuno) Le Cantique de Jean Racine

@SheRocky :
Non è necessario che piaccia la musica classica...basta chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare dalle note che conoscono molto bene il percorso per arrivare al nostro cuore e nutrirlo di dolce armonia.
:cuore :cuore :cuore

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione