Forum - FOTOGRAFIA

Proprietario
tex.965 23/02/2018 ore 06:49 Quota

(nessuno) Jerry Uelsmann





Jerry Uelsmann è uno dei maestri della fotografia americana, capace di influenzare l’ambiente fotografico gli anni 60, portando alla ribalta un nuovo concetto di estetica ed un nuovo linguaggio fotografico.

A metà tra il moderno ed il contemporaneo, Jerry Uelsmann attua una vera e propria rivoluzione d’immagine e di stile diventando il precursore di quella che poi è divenuta, a giorni nostri, la manipolazione digitale (tramite programmi di fotoritocco quali Photoshop) delle foto.

La manipolazione messa in atto da Uelsmann è ovviamente “analogica”, attuata mediante la tecnica della la sovrapposizione dei negativi. In fase di scatto, Uelsmann, utilizza una reflex mono-obiettivo ma in camera oscura arriva ad usare fino a dodici ingranditori. Ogni negativo va in un ingranditore diverso e la carta della stampa viene spostata da un ingranditore all’altro al fine di avere più esposizioni sullo stesso foglio (e quindi sulla stessa stampa finale). In pratica, tutto il genio di Uelsmann viene espresso nella camera oscura piuttosto che in fase di scatto: per Jerry lo scatto non è fine a stesso, non è il traguardo ma è la prima tappa di un viaggio creativo in cui va formandosi l’opera d’arte. Perché di opere d’arte si trattano: Jerry Uelsmann l’arte l’ha messa in tutti gli scatti realizzati, richiamandosi a Magritte, alla letteratura, alla filosofia ed alla psicologia.

I collage realizzati da Uelsmann, usando differenti foto e differenti soggetti, sono semplicemente unici. Le sue immagini, i suoi lavori, hanno un fascino ed una bellezza assoluti, senza tempo.

Il talento del fotografo è proprio nel riuscire a creare in ogni scatto un mondo onirico, surreale, ricco di significati e di profondità sempre nuovo e sempre diverso. Ogni opera sembra attingere ad una fonte creativa a se stante, creando quell’insieme di destabilizzazione, meraviglia, perplessità ed inquietudine tipici delle opere di Uelsmann. C’è inoltre da dire che le sue combinazioni sono sempre molto armoniche nonostante l’irrealismo. Il suo fine è quello di mostrare il mondo attraverso delle metafore per colpire la coscienza creativa di chi guarda.

Nelle immagini realizzate da Uelsmann è possibile scorgere l’ombra di Minor White, suo maestro, e di Beaumont Newhal, due fotografi che hanno pesantemente influenzato la visione artistica di Jerry al punto da spingerlo al suo “nuovo modo” di concepire la fotografia: la fotografia non è più testimone della realtà.



2479163
« immagine » Jerry Uelsmann è uno dei maestri della fotografia americana, capace di influenzare l’ambiente fotografico gli anni 6...
Discussione
23/02/2018 06:49:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
AAzzuRRaa
Partecipante
AAzzuRRaa 25/02/2018 ore 11:28

(nessuno) Jerry Uelsmann

@tex.965 scrive:
C’è inoltre da dire che le sue combinazioni sono sempre molto armoniche nonostante l’irrealismo. Il suo fine è quello di mostrare il mondo attraverso delle metafore per colpire la coscienza creativa di chi guarda.

Infatti stavo pensando proprio questo ed allora riesce in pieno a colpire la coscienza creativa delle persone :-)) :rosa

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione