Forum - SIAMO MATTI MICA SCEMI

Partecipante
masha2 13/02/2018 ore 14:31 Quota

(nessuno) °°^ Carnevale ^°°

@romana1.RM




Carnevale vecchio e pazzo
s’è venduto il materasso
per comprare pane e vino
tarallucci e cotechino.
E mangiando a crepapelle
la montagna di frittelle
gli è cresciuto un gran pancione
che somiglia ad un pallone.
Beve, beve all’improvviso
gli diventa rosso il viso
poi gli scoppia anche la pancia
mentre ancora mangia, mangia.
Così muore Carnevale
e gli fanno il funerale.

(Gabriele D’Annunzio)


2476715
@romana1.RM « immagine » Carnevale vecchio e pazzo s’è venduto il materasso per comprare pane e vino tarallucci e cotechino. E...
Discussione
13/02/2018 14:31:17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
masha2
Partecipante
masha2 13/02/2018 ore 14:34 Quota

(nessuno) °°^ Carnevale ^°°

@sgrinfietta08







Danza lieta, mascherina,
danza fino a domattina!
Son coriandoli le stelle!
e i panini son frittelle.
Sono tutti sorridenti,
sono tutti assai contenti.
Lo sapete che Arlecchino
fu vestito, poverino,
con cenci regalati
dai bambini fortunati?
Arlecchino sorridente
è l’immagine vivente
dell’aiuto che può dare
chi anche agli altri sa pensare.
Danza lieta, mascherina,
danza fino a domattina!



sgrinfietta08
Amministratore
sgrinfietta08 13/02/2018 ore 14:45 Quota

(nessuno) °°^ Carnelale ^°°

@masha2 : @romana1.RM





Le origini del Carnevale

La storia del Carnevale ha origini molto antiche e probabilmente anche molto incerte. Nella cultura cattolica il Carnevale, il cui termine deriva da carnem levare, rappresenta il periodo prima della Quaresima durante la quale non è concesso mangiare la carne.
Tuttavia la storia del Carnevale sembra avere origini molto più antiche risalenti al periodo greco-romano durante il quale si tenevano cerimonie pagane in onore del Dio Saturno, per propiziare l’inizio dell’anno agricolo. Durante questi festeggiamenti si capovolgevano i rapporti gerarchici consentendo uno scambio di ruoli tra plebei e nobili tramite l’uso di maschere, e ci si dava al godimento sfrenato tramite cibo, bevande e piaceri sensoriali.
Nel Medioevo i festeggiamenti del Carnevale erano molto simili ai suddetti con la differenza che il culmine di questi era il processo di un fantoccio la cui morte, rappresentava il capro espiatorio dei mali dell’anno passato e un buon augurio per il nuovo.
La storia del Carnevale dunque dà tutt’altro significato a questa festività rispetto a quello religioso infatti in sostanza era un modo per salutare l’inverno dando il benvenuto alla stagione primaverile portatrice di fertilità e fecondità.
I festeggiamenti sregolati e lussuriosi del Medioevo furono presto ridimensionati in quanto non visti di buon occhio dalla Chiesa.
E così il carnevale iniziò ad esser rappresentato da compagnie di attori in maschera che nel ‘500 si esibivano nelle corti dei nobili.
Secondo la storia del Carnevale, le maschere rappresentano i vizi e le virtù degli uomini e questo è intuibile anche analizzando le caratteristiche delle maschere italiane più famose: Pulcinella è la rappresentanza dell’indole impertinente, pazzerella e “pigra” Napoletana, Pantalone rappresenta un mercante avaro e lussurioso Veneziano, mentre Arlecchino è un servo Bergamasco lazzarone e furbo.
Si dice che alcune di queste maschere abbiano origine e valenza demoniaca rappresentata ad esempio dalla maschera nera sul volto di Arlecchino e ancora quella bianca e nera di Pulcinella.
Al giorno d’oggi il Carnevale viene festeggiato in varie parti del mondo ma non sempre le date d’inizio e fine dei festeggiamenti sono uguali in tutte le culture.
I festeggiamenti in tutto di solito si svolgono attraverso sfilate di carri allegorici, feste in maschera, antichi riti propiziatori e Pantomime storiche.
L’Italia in un certo senso continua a fare la storia del Carnevale in quanto vanta la presenza di alcuni dei Carnevali più belli e famosi al mondo: il carnevale di Venezia, il carnevale di Viareggio, di Putignano, di Cento, e il Carnevale di Foiano.








sgrinfietta08
Amministratore
sgrinfietta08 13/02/2018 ore 14:56 Quota

(nessuno) °°^ Carnelale ^°°

@romana1.RM


Carnevale, significato





Forse non sapevate che la parola Carnevale deriva dal latino ‘carnem levare’ e significa ‘eliminare la carne’. Il Carnevale infatti si inserisce nella tradizione cattolica come momento di festa che precede la Quaresima, un periodo di digiuno e di astinenza in attesa della Pasqua dove soprattutto in passato di evitava di mangiare la carne.





Carnevale, storia e origini




Il Carnevale oggi si inserisce nella tradizione cattolica ma le sue origini vanno molto più indietro nel tempo. I festeggiamenti per i Carnevale richiamano infatti festività molto antiche come i saturnali romani o le dionisiache greche.

In passato il significato del Carnevale richiamava il ‘mondo alla rovescia’ dove almeno per un breve periodo il valore delle gerarchie sociali veniva abbandonato e ci si lasciava andare allo scherzo.

Il Carnevale dal punto di vista storico viene considerato come un periodo di festa e di rinnovamento. Secondo il calendario dell’antica Roma, il periodo che oggi noi dedichiamo al Carnevale poteva coincidere con la fine o con l’inizio dell’anno.

Ciò che colpisce di più nelle origini del Carnevale riguarda il significato che aveva in passato come ribaltamento dell’ordine sociale in cui i servo poteva diventare padrone, almeno simbolicamente, e viceversa.

Tenete conto che la storia del festeggiamento del Carnevale in Italia è molto antica. Si parla del Quattrocento e del Cinquecento come secoli per cui già si hanno delle testimonianze della festa del Carnevale in alcune città italiane.

Per quanto riguarda il Carnevale di Venezia, oggi noto in tutto il mondo, i suoi personaggi mascherati sono presenti in vari dipinti del Settecento di Canaletto, Francesco Guardi e negli interni di Pietro Longhi.






Carnevale, dolci tipici

Ogni regione e numerose città in Italia hanno i propri dolci tipici e tradizionali da preparare in occasione del Carnevale. Tra i dolci più famosi troviamo le chiacchiere, conosciute anche come frappe o bugie.





Ecco alcuni dolci di Carnevale tradizionali del nostro Paese.

Chiacchiere, frappe o bugie
Frittelle di Carnevale
Frittelle con le mele
Frittelle con l’uvetta
Castagnole
Ciambelle di Carnevale
Krapfen di Carnevale
Ravioli dolci
Coriandoli di Carnevale
Sanguinaccio al cioccolato
Tortelli di Carnevale





Carnevale, rito Romano
Secondo il rito Romano, la Quaresima ha inizio con il mercoledì delle Ceneri e i festeggiamenti per il Carnevale culminano e terminano con il martedì Grasso (ultimo giorno prima dell’inizio della Quaresima).

Il prossimo martedì Grasso del Carnevale secondo il rito Romano sarà il 13 febbraio 2018.

Carnevale, rito Ambrosiano
Nel rito Ambrosiano – che viene osservato nella diocesi di Milano e in alcune diocesi vicine – la giornata principale per il festeggiamento del Carnevale slitta al sabato Grasso, quattro giorni dopo il martedì Grasso del rito Romano. La Quaresima nel rito Ambrosiano non inizia il mercoledì ma la domenica subito dopo il sabato del Carnevale.

Il prossimo sabato Grasso secondo il rito Ambrosiano sarà il 17 febbraio 2018.

Carnevali famosi in Italia
Gli appuntamenti con il Carnevale in Italia sono davvero numerosi e si ripetono ogni anno come tradizione nelle maggiori città e come eventi locali nei diversi paesi di provincia. Alcuni Carnevali italiani sono davvero spettacolari, sono dei festeggiamenti ormai storici e sono famosi in tutto il mondo.

Ogni anno attirano visitatori sia dall’Italia che dall’estero, sempre pronti ad ammirare carri e costumi con tutte le novità che vengono proposte anno dopo anno per rinnovare i festeggiamenti del Carnevale.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione