Forum - SIAMO MATTI MICA SCEMI

Partecipante
ninna11 17/03/2017 ore 22:34 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

ninna11
Partecipante
ninna11 17/03/2017 ore 22:35 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

L'Ambystoma mexicanum (Shaw, 1789), comunemente chiamato axolotl o assolotto, è una salamandra neotenica (compie l'intero ciclo vitale allo stadio di larva) che vive nel lago di Xochimilco, nei pressi di Città del Messico. È considerato una specie probabilmente estinta, per diversi fattori quali la pesca, l'inquinamento e la distruzione dell'habitat.

Il nome deriva dal nahuatl a'tl-xolotl, che vuol dire mostro acquatico
july.a
Partecipante
july.a 17/03/2017 ore 22:36 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Un adulto sessualmente maturo di axolotl, tra i 18 e i 24 mesi di vita, varia dai 15 ai 45 cm di lunghezza, anche se mediamente vengono trovati esemplari lunghi 23 cm e trovarne uno sopra i 30 cm è abbastanza raro.
mha23
Partecipante
mha23 17/03/2017 ore 22:38 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

La testa dell'axolotl è ampia e gli occhi non hanno palpebre. Gli arti sono sottosviluppati e posseggono dita lunghe e sottili. I maschi si differenziano dalle femmine per l'ampio canale genitale mentre le femminie riescono a riempire il proprio corpo di uova al momento della riproduzione. Tre paia di branchie si trovano dietro la testa e vengono utilizzate per smuovere e ossigenare l'acqua, mentre quattro branchie esterne allineate alle branchie anteriori si trovano nascoste nella parte posteriore.
trill1
Partecipante
trill1 17/03/2017 ore 22:40 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Gli axolotl hanno denti rudimentali a malapena visibili che potrebbero essere nati durante un processo di metamorfosi dell'animale: questi animali si nutrono principalmente per suzione grazie anche all'azione delle branchie anteriori che vengono utilizzate per bloccare la preda. Le branchie posteriori sono usate per la respirazione, anche se l'axolotl può respirare anche ingoiando l'aria dalla superficie esterna.
Prr3
Partecipante
Prr3 17/03/2017 ore 22:41 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Gli axolotl hanno quattro differenti pigmentazioni che nel momento della muta possono creare differenti varianti. Normalmente il colore della pelle è marrone scuro con macchioline dorate e un sottotono olivastro. I quattro differenti tipi sono leucistico (rosa pallido con occhi neri), albino (dorato con occhi dorati), assantico (grigio con occhi neri) e melanoide (tutto nero senza macchie dorate o sottotono olivastro). In aggiunta a queste varianti c'è un'ampia varietà nella grandezza, nella frequenza e nell'intensità delle macchie dorate e una mutazione che porta alla formazione di un mantello pezzato bianco e nero una volta raggiunta la maturità. Gli axolotl hanno anche una limitata capacità di alterare i colori della propria livrea per mimetizzarsi meglio nell'ambiente circostante.
yoyo5
Partecipante
yoyo5 17/03/2017 ore 22:43 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Allo stato naturale l'axolotl è endemico del lago di Xochimilco, che si trova a 20 km a sudest della Città del Messico.

La sua estinzione è probabilmente dovuta all'uomo e alla presenza delle Salamandre tigri.

Free.e
Partecipante
Free.e 17/03/2017 ore 22:45 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

La neotenia è stata osservata in tutte le famiglie di anfibi urodeli come la salamandra e l'axolotl (larva di Ambystoma mexicanum) in cui sembra essere un meccanismo di sopravvivenza solo in ambienti acquatici di montagna e di collina con poco nutrimento e in particolare con poco iodio. In questo modo le salamandre possono riprodursi e sopravvivere nella forma piccola e meno dispendiosa dello stadio larvale, il quale essendo acquatico richiede cibo di minore qualità e quantità rispetto al più grosso adulto, che è terrestre e carnivoro. Se le larve di salamandra ingeriscono una sufficiente quantità di iodio, direttamente o indirettamente attraverso il cannibalismo, rapidamente iniziano la metamorfosi e si trasformano in forme adulte terrestri più grosse e con maggiori richieste alimentari.
Sharon.s
Partecipante
Sharon.s 17/03/2017 ore 22:47 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

La specie si nutre di ogni forma di vita della portata della sua bocca, dai pesciolini ai piccoli crostacei e molluschi.
Questo animale è capace di rigenerare, senza cicatrici: arti, polmoni e anche midollo spinale, se danneggiati, e persino parti del cervello. Sembra che, questa caratteristica molto particolare, sia causata da delle cellule molto simili a quelle staminali adulte dei mammiferi
urka11
Partecipante
urka11 17/03/2017 ore 22:49 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Un tempo veniva servito come prelibatezza locale finché non lo si considerò a rischio e quindi ne fu proibita la pesca. In stato di cattività l'axolotl si trova facilmente, in quanto viene riprodotto con successo e in grande quantità da decine di anni, in tutto il mondo, ma allo stato brado tale animale rasenta l'estinzione. Sono stati rinvenuti alcuni axolotl all'interno del bacino di canottaggio costruito a Città del Messico per le Olimpiadi del 1968. I ricercatori che si occupano dello studio di questa specie gettano periodicamente delle reti all'interno del lago di Xochimilco, allo scopo di censire il numero di salamandre rimaste. Nel corso degli anni il numero degli axolotl trovati è risultato essere sempre inferiore, talvolta addirittura pari a zero. Al contrario, il numero dei pesci importati dall'estero - come le carpe - risultano essere prolifiche in quelle acque melmose, che ad oggi sono una vera e propria fogna a cielo aperto a causa degli scarichi inquinanti che continuamente vengono gettati nel lago. Le carpe, inoltre, si nutrono delle uova degli axolotl. Anche se la loro numerosità è difficile da valutare, recenti sondaggi che coprono quasi tutto il suo areale conosciuto di distribuzione hanno catturato in media meno di 100 individui (ad esempio, nel corso del 2002 e nel 2003, più di 1.800 lanci netti sono stati effettuati lungo i canali di Xochimilco coprendo 39,173m² e questo ha determinato la cattura di solo 42 esemplari). In uno studio che copre un arco di sei anni (1998-2004), la densità di axolotl si era ridotta da 0,006-org / m2 a 0.001-org / m2, anche se si pensa che questa riduzione potrebbe anche essere dovuto ad una propria dinamica di popolazione (Zambrano 2006). Una recente indagine scientifica, nel 2014, non ha rivelato axolotl, anche se gli animali catturati allo stato selvatico si trovano ancora nel mercato locale, il che indica che i pescatori ancora sanno dove trovarli
Reika1
Partecipante
Reika1 17/03/2017 ore 22:52 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Gli axolotl sono splendide e mitiche creature, che sembrano vivere la loro intera vita da giovani, in quanto è molto difficile che raggiungano lo stadio di vita adulto, dopo la metamorfosi.
E' un anfibio molto caratteristico, il suo nome scientifico è Ambystoma mexicanum, ed è una salamandra che vive in Messico, esclusivamente nel lago Xolchimico. è una specie pedomorfica, vivendo permanente in acqua e non metamorfosando in natura.
masha2
Partecipante
masha2 17/03/2017 ore 22:53 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

La sua caratteristica principale e più evidente è che inizia la sua vita come animale acquatico, e dovrebbe diventare terrestre e respirare aria da adulto, dopo la metamorfosi. In realtà la metamorfosi non avviene mai, a causa di un'anomalia genetica, e l'axolotl vive perennemente bambino, fino alla fine dei suoi giorni. Questo ha dato origine al mito dell'Axolot, anche se ha una sua spiegazione scientifica, il fenomeno è conosciuto con il nome di neotenia.
piccoletta.9
Partecipante
piccoletta.9 17/03/2017 ore 22:57 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Simile all'Axolotl è un suo parente stretto, Ambystoma tigrinum, che vive in Canada e negli Stati Uniti, e in cui il gene della neotenia è recessivo, infatti si stima che mentre in media solo un Axolotl ogni 10.000 metamorfosa naturalmente, l’Ambystoma tigrinum, chiamato Salamandra Tigre, compia abitualmente la metamorfosi, e la neotenia si verifichi solo sporadicamente.
chantall.0
Partecipante
chantall.0 17/03/2017 ore 23:00 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

L'Ambystoma mexicanum si trova a quanto si sa soltanto nel Messico centrale, sul confine meridionale di Messico City, in canali e paludi generalmente nelle vicinanze di Xochimilco (compresa la periferia di Xochimilco propriamente detta, intorno alle paludi di Chalco).
Gli animali non sono distribuiti in modo omogeneo nel loro habitat, ma sono raggruppati in luoghi particolari. Originalmente si trovava anche nei laghi Xochimilco e Chalco (e presumibilmente nei laghi di collegamento Texcoco e Zumpango), ma è sparito dalla maggior parte di questi ambienti.
La popolazione che sopravvive in natura è sparuta. Anche se le popolazioni sono difficili da censire, recenti spedizioni di ricerca che hanno coperto quasi tutto il loro range di distribuzione conosciuta hanno in genere catturato meno di 100 individui (per esempio, durante il 2002 ed il 2003, sono state fatte più di 1.800 gettatte di reti lungo i canali di Xochimilco, coprendo 39,173m², e questo ha fruttato la cattura di soli 42 esemplari). Una recente indagine scientifica non ha rinvenuto axolotl, anche se nel mercato locale ne sono stati trovati esemplari catturati in natura, questo indica che i pescatori sanno ancora dove trovarli. Non c' è stato uno studio sulla densità della popolazione di Chalco, ma l'evidenza suggerisce che la popolazione è piccola e che Chalco è un sistema altamente instabile che corre il rischio di sparire nell'immediato futuro.
pisellino.ino
Partecipante
pisellino.ino 17/03/2017 ore 23:03 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Ambiente: Questa specie è nativa dell'antico sistema di laghi e canali di Messico City. Richiede laghi con acqua profonda (sia naturali che artificiali) con abbondante vegetazione acquatica.
La dissecazione e l'inquinamento del sistema di laghi e canali a Xochimilco e Chalco, come conseguenza dell'urbanizzazione, ed il consumo tradizionale della specie da parte della gente locale, stanno minacciando la sopravvivenza di questa specie. Inoltre viene catturata a scopi medicinali. Sono destinati alla cattura gli esempalri che hanno meno d'un anno. In passato era anche catturato per il commercio internazionale di animali domestici, anche se probabilmente oggi tutti gli animali in tale commercio sono nati e riprodotti in cattività.
allevamento
Dimensione minima della vasca per 4 esemplari: 250 litri

franco.lino
Partecipante
franco.lino 17/03/2017 ore 23:05 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Un axolotl, comunemente chiamato anche assolotto, è una salamandra acquatica correlata alla salamandra tigre. Quando viene tenuta in un acquario, questa creatura non raggiunge mai la fase adulta e rimane allo stadio larvale. Non è difficile prendersene cura e può trasformarsi in un simpatico animale da compagnia. Se viene tenuto in un ambiente corretto e con le giuste attenzioni, vive mediamente 10-15 anni.
calippo.pippo
Partecipante
calippo.pippo 17/03/2017 ore 23:07 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Prepara l'acquario. Per un solo assolotto puoi usare una vasca da 40 litri; tuttavia, maggiore è lo spazio a sua disposizione e meglio è. Scegli l'acquario più grande che puoi tenere in casa, un modello da 80 litri è perfetto.
Riempilo completamente d'acqua, come faresti per i pesci; in questo caso, puoi usare quella di rubinetto in tutta sicurezza.
L'acquario dovrebbe essere sempre chiuso con il coperchio, dato che questa salamandra a volte salta fuori dal contenitore.
sono.giasola
Partecipante
sono.giasola 17/03/2017 ore 23:10 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Installa un filtro. Se vuoi prenderti cura dell'axolotl, devi montare un sistema di purificazione dell'acqua; la scelta migliore è un modello esterno a cestello, disponibile nei negozi di animali.
Qualunque sia il tipo di filtro che decidi di installare, ricorda che dovrebbe avere una spraybar o un altro meccanismo di controllo del flusso d'acqua; una corrente troppo forte potrebbe indurre l'animale a smettere di mangiare.
oggi.lado
Partecipante
oggi.lado 17/03/2017 ore 23:11 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Procurati del substrato. Si tratta del materiale che riveste il fondo dell'acquario e il migliore per l'assolotto è quello composto da grandi ciottoli; non acquistare la sabbia o la ghiaia fine, perché l'animale potrebbe accidentalmente ingerirla
luciobucio
Partecipante
luciobucio 17/03/2017 ore 23:13 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Organizza l'impianto di illuminazione. Devi fornire la stessa luce che utilizzeresti per i pesci, dato che quella troppo brillante può stressare l'animale. Se vuoi installare delle lampade, scegli quelle per le piante da acquario; la salamandra non ha bisogno di parecchia luce per stare bene, l'impianto è più utile a te per osservarla.
Riduci al minimo la frequenza con cui accendi la luce; l'impianto può emettere troppo calore ed esserle dannosa.
mikytoto
Partecipante
mikytoto 17/03/2017 ore 23:15 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Fai in modo che ci sia la giusta temperatura. Solitamente, non serve un riscaldatore per mantenere l'acqua calda; gli assolotti vivono in genere in acque con 16-21 °C, cioè la temperatura ambiente media. Questa è la ragione per cui non hai bisogno di scaldare l'acquario.
Tuttavia, se vivi in una regione molto calda o molto fredda, assicurati che la stanza in cui tieni la vasca abbia sempre una temperatura costante e al livello corretto. Potrebbe essere necessario accendere l'impianto di riscaldamento o dell'aria condizionata in alcuni mesi dell'anno.
una.cozzasexy
Partecipante
una.cozzasexy 17/03/2017 ore 23:17 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Nutrilo con gli alimenti giusti. Puoi acquistare dei lombrichi o delle glycerae surgelate nei negozi di animali; rappresentano la sua alimentazione di base, ma puoi aggiungere dei gamberetti congelati e dei pezzetti di pollo come "bocconcini"; in linea generale, non offrire delle prede vive.
Dagli da mangiare a giorni alterni per mezz'ora; offrigli solo la quantità di cibo che riesce a consumare in questo lasso di tempo
xigo
Partecipante
xigo 17/03/2017 ore 23:19 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Cambia regolarmente l'acqua. Rimuovi il 50-60% dell'acqua della vasca una volta a settimana e sostituiscila con quella fresca; se l'impianto domestico è dotato di sistema di filtrazione, puoi usare l'acqua di rubinetto
ciuccioilplasmon
Partecipante
ciuccioilplasmon 17/03/2017 ore 23:21 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :

Separa gli esemplari giovani da quelli adulti. Se le salamandre si sono riprodotte, devi togliere i "cuccioli" dalla vasca usando un retino e trasferirli in un acquario a parte; gli animali adulti possono predare quelli giovani, non è quindi sicuro tenerli tutti insieme.
flipper7
Partecipante
flipper7 17/03/2017 ore 23:23 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Non tenere altri animali nello stesso acquario. Queste salamandre dovrebbero restare da sole in una vasca a loro uso esclusivo; di tanto in tanto tollerano la presenza di un loro simile di dimensione ed età analoghe. Tuttavia, in natura predano altri tipi di pesci o creature acquatiche; in linea generale, un acquario di axolotl dovrebbe contenere solo questi animali
sa.matta
Partecipante
sa.matta 17/03/2017 ore 23:25 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Non toccarlo. L'axolotl non è un animale amichevole; non ha bisogno del contatto umano per essere felice, anzi, essere maneggiato gli crea parecchio stress. Toccalo solo quando è strettamente necessario, ad esempio quando devi togliere i cuccioli dall'acquario; ricorda che potrebbe anche mordere
grandepelo
Partecipante
grandepelo 17/03/2017 ore 23:28 Quota

(nessuno) Ambystoma mexicanum

@ninna11 :


Nome scientifico: Ambystoma Mexicanum
Nome comune: Axolotl
Famiglia: Ambystomatidae
Sottofamiglia: Lissamphibia
Tipo: Acquatico , Ma dopo la metamorfosi diventa Terricolo.
Diffusione: Lago di Xomichimilco , a 20 km dalla Città del Messico.
Acquario: 70l possono bastare , ovviamente per un solo esemplare , mentre se si vogliono comprare 2 esemplari , servirebbe un acquario intorno ai 120-130l. Diciamo che per ogni esemplare bisogna aggiungere 40-50 l. Ovviamente provvisto di filtro. Volendo si può anche arredare l'acquario con qualche sasso ( ovviamente non di origine calcarea ) e qualche pianta come le piante a crescita rapida , le quali possono essere le Najas oppure la Ceratophyllum Demersum ( entrambe di facilissima coltivazione , inoltre la Ceratophyllum è anche una pianta ossigenante ) , oppure piante a crescita lenta , le quali possono essere : Anubias , Microsorum e Cryptocoryne. Se si ha l'intenzione di dare un effetto " stagno " all'acquario , è possibile inserire anche le lenticchie d'acqua (Lemna Minor)
Substrato: Sabbia fine , tipo quella che si usa nell’ambito dell’edilizia (anche se va lavata per 15 minuti , se non la si lava rende l’acqua nell’acquario , torbida e grigia , facendo poi comparire una schiuma giallognola sulla superficie dell’acqua) o comunque un substrato che sia grande 0-1. mm.
Temperatura: Da una temperatura minima di 15° , ad una massima di 25° , in estate va messo in un posto riparato dal sole , ed in caso la temperatura dell’acqua si alzi comunque , è consigliato comprare un refrigeratore , è possibile trovarlo su internet intorno ai 400 €. (se lo si trova a meno , ben venga , io non sono riuscito a trovarne a meno di 400€)
Tana: Come tana va benissimo una tegola , acquistabile in un qualsiasi negozio che tratti anche di edilizia , la si trova intorno ai 40 centesimi.
Dimensioni: Arriva a 30 centimetri circa.
Temperamento: Molto tranquillo come temperamento , ed è molto vorace. Cerca di mangiare qualsiasi cosa riesca ad entrare nella sua bocca.
Note: L’Axolotl/Ambystoma Mexicanum , possiede ben 4 modi di respirazione :
Attraverso le branchie esterne, chiamate rami per la loro forma. Sono le tre strutture di colore rosso che si allungano posteriormente ai lati della testa. Ciascun ramo branchiale possiede sottilissimi filamenti piumosi, contenenti numerosi capillari. Ogni volta che una di queste sottili strutture si sposta, l’ossigeno presente nell’acqua passa direttamente nel sangue dei capillari, e il corpo dell’Axolotl libera all’esterno l’anidride carbonica. Quando la percentuale di ossigeno disciolta nell’acqua è scarsa, le branchie tendono ad aumentare la propria lunghezza ed estensione, apparendo visibilmente più piumose. Questa soluzione è adottata dall’organismo per aumentare la superficie di scambio con l’O2. I vasi sanguigni dei filamenti piumosi si diramano ingrossandosi nelle arterie degli archi laterali che trasportano il sangue ossigenato nell’atrio sinistro del cuore.
L’animale può respirare attraverso la respirazione cutanea. La sua pelle infatti è molto fine e delicata, tale da permettere facilmente gli scambi gassosi. Le ghiandole mucose che la rivestono, si occupano inoltre di facilitare la respirazione attraverso il loro compito di tenere il tegumento costantemente umido.
In minor parte, la respirazione avviene per mezzo della membrana buccofaringea, situata vicino alla parte posteriore della gola. Questa è riccamente vascolarizzata e scambia ossigeno e anidride carbonica similmente alla superficie esterna del corpo.
L’Axolotl, pur mantenendo la morfologia larvale, sviluppa dei polmoni rudimentali. Il sistema polmonare non è indispensabile per la sua sopravvivenza ma è possibile, di tanto in tanto, osservare l’esemplare salire in superficie per inspirare un boccone d’aria. L’aria trattenuta al suo interno gli permette di fluttuare nell’acqua, e di spostarsi rapidamente in superficie. In genere i polmoni si sviluppano poco dopo che le zampe posteriori raggiungono la loro lunghezza massima.
L’Axolotl possiede svariate colorazioni , le quali possono essere :
Colorazione selvatica
Colore di base grigio nero con eventualmente macchie più chiare e più scure nella parte posteriore del tronco e sulla coda. L’addome è grigio chiaro.
Bianco
Si tratta di albini parziali che presentano una certa quota di melanina, soprattutto negli occhi, sulla parte posteriore della testa, sulle zampe e sulle branchie.
Marrone
Non si sa se si tratta di una colorazione aberrante di quella silvestre, o di una mutazione o di una sottospecie o razza.
Giallo
Axolotl di Humphrey o axolotl “gialli”, albini totali. Mancano completamente di melanina. I responsabili della colorazione giallo-arancio sono pigmenti gialli e rossi. Con il passare dell’età diventano più chiari. Sono stati creati in laboratorio da Humphrey nell’università dell’Indiana (USA) negli anni sessanta mediante ibridazione di albini parziali di A. mexicanum con un albino di A. tigrinum. sembra che tutti gli albini totali derivino da quell’esperimento. In laboratorio mediante incroci sono stati creati vari mutanti e ceppi con varie caratteristiche fisiche e di colorazione. Ci sono per esempio diverse varietà di albini.
L’Axolotl è un animale in via d’estinzione , in quanto se ne contano meno di 100 esemplari nel Lago di Xomichimilco , praticamente tutti gli Axolotl che vengono venduti , sono CP ( Captive Breed , ovvero nati in cattività).

Inoltre aggiungo che è particolarmente pericoloso tenere in mano l'animale , non pericoloso per l'uomo , ma per l'animale stesso , in quanto è rivestito da una "mucosa" che lo protegge da eventuali germi e batteri , e se viene anche solo toccato con le mani , questa "mucosa" si toglie dal corpo del nostro animale.
Alimentazione: Va alimentato con Lombrichi e Limacce (Le Limacce sono le lumache senza il guscio) va alimentato un giorno si , e due no. Lo si può alimentare con qualche camola del miele , camola della farina , qualche pezzo di pollo o comunque carne bianca , o con una blatta , una volta ogni 2 pasti. Blatte e Camole vengono date raramente perchè , essendo ricche di chitina , rendono difficile la digestione.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione