Forum - per gli amanti di renato zero

Amministratore
ILJACKDICUORI 07/10/2018 ore 18:44 Quota

(nessuno) La musicassetta compie mezzo secolo

@unbidonelcuore



Wikipedia la definisce la musicassetta come “un supporto fonografico a nastro magnetico molto diffuso e popolare fino all’inizio degli anni 2000 per la sua economicità e la semplicità d’uso”. Chi l’ha vissuta non potrà fare a meno di ricordare i mix per gli amici.

“Quanti ricordi… una compilation di auguri!”
Grazie Walkman - In principio fu Philips. Era il 1962 quando l’azienda olandese la inventò per poi metterne in commercio i primi esemplari l’anno successivo. Si trattava di un contenitore in plastica con due bobine che avvolgevano un nastro magnetico prodotto da BASF e che “tentava” di imporsi in un mercato affollato da supporti analoghi, sempre basati su un sistema di cartuccia a nastro. La popolarità vera arrivò, però, solo nel 1979 grazie a Sony e al suo Walkman. Ambito come un iPod, permetteva per la prima volta di ascoltare musica ovunque. Fino a esaurimento pile.

Mi ami? Fammi una cassetta! - Grazie alla semplicità con la quale si potevano riversare su nastro canzoni di ogni tipo, presto si affermò la moda delle compilation. Una vera e propria arte che aiutava a fare breccia nel cuore della ragazzina più carina, magari personalizzando la copertina con scritte e disegni rigorosamente vergati a mano. Le canzoni scelte diventavano la colonna sonora di amori adolescenziali - e le cassette, spesso, duravano altrettanto: il nastro si rompeva facilmente e, quando resisteva, potevamo sempre registrarci sopra qualcosa di nuovo, magari con l’aiuto di un paio di pezzi di scotch.

Un simbolo - La musicassetta, per chi ha vissuto gli anni Ottanta e Novanta, non è un semplice oggetto di modernariato. Nonostante l’avvento dei Cd ha goduto di buona salute, grazie al prezzo più abbordabile, fino alla graduale scomparsa dovuta agli Mp3. Basta una rapida ricerca in Google Immagini per rendersi conto di come sia diventata un simbolo intramontabile. Tanto da farsi ricordare in occasione del suo cinquantesimo compleanno. Chissà se ci ricorderemo allo stesso modo anche di quello dei nostri iPod?
ILJACKDICUORI
Amministratore
ILJACKDICUORI 07/10/2018 ore 18:47 Quota

(nessuno) La musicassetta compie mezzo secolo

@UNADEADELLAGOBELLA



La musicassetta, conosciuta anche come audiocassetta o semplicemente cassetta, è un supporto fonografico a nastro magnetico molto diffuso e popolare dalla metà degli anni sessanta fino all’inizio degli anni 2000 per la sua economicità e la semplicità d’uso; consiste in due bobine che raccolgono il nastro su cui può essere registrato materiale sonoro, racchiuse in un contenitore di materiale plastico.


La musicassetta fu immessa sul mercato nel 1963 dalla Philips. In origine era costituita da una certa quantità di nastro magnetico della BASF racchiusa in un guscio protettivo in materiale plastico. Il numero di tracce registrabili sul nastro dipendeva dalle testine del registratore adoperato.

Con i primi modelli monofonici era possibile registrare una traccia per ogni senso di scorrimento: una registrabile e riproducibile come lato “A”, l’altra come lato “B” capovolgendo la cassetta nel lettore, in modo analogo a quanto avviene con i dischi in vinile. In seguito si passò alla stereofonia con due tracce per lato e si ebbero anche modelli semiprofessionali a quattro tracce per un solo lato, con cui operare registrazioni multitraccia. Esistevano altri sistemi a cartuccia di nastro (come lo Stereo8) ma la musicassetta si affermò col supporto della Philips denominato Compact Cassette e lanciato sul mercato nello stesso anno (1963).

La produzione di massa cominciò nel 1965 ad Hannover in Germania e contestualmente iniziò la vendita di nastri preregistrati. L’avvento di supporti digitali (CD audio in primis) ha portato circa quarant’anni dopo alla cessazione pressoché totale di tale massiccia produzione e distribuzione.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione