Forum - Napoli, la città 'd'o sole e d'o mare'

Amministratore
serena1O 13/03/2018 ore 20:17 Quota

(nessuno) il fai da te.






Ero disperata, non sapevo cosa avesse il mio bambino


Avevo partorito mio figlio da soli 3 mesi, ero una neo mamma, mi chiamo Sthefanie Smith. Decidemmo di chiamarlo Isaia che voleva dire “Dio è la mia salvezza,” “Dio è il mio aiuto.” Credevo che sarebbe stato facile i primi mesi del piccolo a parte la notte. Infatti ero felice di mio figlio ed i primi mesi stava bene, fino al compimento del terzo mese che iniziarono a sorgere i problemi, gli nacque un macchia rossa sulla guancia e non sapevo di cosa si trattasse, credevo che avesse sbattuto, però con il passare dei giorni la macchia cresceva sempre di più. Anzi si iniziò a spargere per tutto il corpo.





Con il passare dei giorni, tra varie creme e oli, non la smetteva di crescere anzi divenne una ferita. Andai dal pediatra e mi disse che era un eczema e di mettere la crema al cortisone, provai per due settimane, ma nulla. Non diminuiva. Non mi fidavo più del mio medico, così andai in ospedale ma anche lì , eczema e sempre crema al cortisone. Mi consigliarono anche di metterlo spesso in acqua, per lui era un sollievo al dolore.





Non ce la facevo più, mio figlio non dormiva, non mangiava e non rideva e scherzava come gli altri neonati. Lui piangeva per il dolore ed io piangevo con lui. Non sapevo come aiutarlo, in casa non si viveva più. La mia e la famiglia di mio marito non potevano crederci a quello che ci stava succedendo, cercavano di aiutarci in tutti modi, ma non ce la facevo a lasciarlo senza di me, anche solo per andare a fare la spesa.





Dopo aver visitato trentacinque medici e tutti con la stessa diagnosi, ero disperata. Volevo morire insieme a lui, è brutto da dire, ma non sapevo cosa fare. La sua pelle non si poteva toccare che cadeva, non potevamo nemmeno abbracciarlo. Finché insieme a mio marito decidemmo di smettere con il cortisone e creme varie, oramai non avevamo più altre scelte, e provò con il fai da te.



Decisi di preparargli un unguento a base di citronella e zinco, con il passare dei giorni sembrava che stava migliorando, io e mio marito eravamo sbalorditi. Nel giro di due mesi Isaia sembrava un altro bambino, era felice ed io ero felice insieme a lui. Finalmente, dopo la crisi del primo anno, iniziavamo a respirare e a goderci il nostro meraviglioso bambino.








Con questo non voglio dire che i metodi fatti in casa sono sempre la soluzione, perché la medicina ha fatto i suoi progressi, però ogni tanto bisogna usufruire di entrambi. Come i rimedi che usavano le nostre nonne avvolte sono un aiuto per tutti.”






2483779
« immagine » Ero disperata, non sapevo cosa avesse il mio bambino Avevo partorito mio figlio da soli 3 mesi, ero una neo mamma, m...
Discussione
13/03/2018 20:17:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
serena1O
Amministratore
serena1O 13/03/2018 ore 20:34 Quota

(nessuno) il fai da te.

@dance.1991 scrive:
il fai da te.
Sia lodato Gesù Cristo! Il piccolino è guarito, lode!

per fortuna :cuore
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 13/03/2018 ore 20:46 Quota

(nessuno) il fai da te.

@serena1O scrive:
Con questo non voglio dire che i metodi fatti in casa sono sempre la soluzione, perché la medicina ha fatto i suoi progressi, però ogni tanto bisogna usufruire di entrambi. Come i rimedi che usavano le nostre nonne avvolte sono un aiuto per tutti.”

purtroppo capita spesso che dottori medici ecc ecce, prendano le cose alla leggera,rifilando medicinali a go go senza manco aver diagnosticato la " malattia"



per fortuna questo bambino grazie ai genitori che nn si sono arresi,è potuto guarire cn metodi fai da te :cuore
Giunone1960
Moderatore
Giunone1960 13/03/2018 ore 21:39 Quota

(nessuno) il fai da te.

@IOXSONGXLEGGEND


capita spesso che dottori medici ecc ecce, prendano le cose alla leggera,rifilando medicinali a go go senza manco aver diagnosticato la " malattia"


Il guaio è che andare dal dottore è un azzardo proprio per questi motivi.Sono spesso frettolosi nelle loro diagnosi,nemmeno ti guardano o ti visitano e spesso ti riepmpiono di medicine inutili.La storia di questo bimbo mi ricorda molto quella della famiglia Odone che con i loro mezzi trovarono la cura per il figlio,gravemente malato e che i medici davano per spacciato.Ed è ancora vivo appunto grazie ai genitori.
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 14/03/2018 ore 13:02 Quota

(nessuno) il fai da te.

@Giunone1960 scrive:
Sono spesso frettolosi nelle loro diagnosi,nemmeno ti guardano o ti visitano

infatti molto spesso è cosi
Giunone1960
Moderatore
Giunone1960 14/03/2018 ore 13:52 Quota

(nessuno) il fai da te.

Mi scuso con tutti per un mio errore : avevo scritto che il giovane Lorenzo Odone era ancora vivo.E invece non è così,purtroppo.E' morto esattamente dieci anni fa.Resta che grazie ai suoi genitori ha potuto vivere qualche in più,un miracolo per una malattia che non dava speranze.
serena1O
Amministratore
serena1O 17/03/2018 ore 20:33 Quota

(nessuno) il fai da te.

@Mati68 scrive:
Azz. Mi era passato di mente

spiritoso , ecco mi mancavano le tue battutine, sento tanta nostalgia ,insomma che stai a fa! :many :many
Mati68
Amministratore
Mati68 17/03/2018 ore 22:14 Quota

(nessuno) il fai da te.

@serena1O : sono a letto con una costola incrinata. Un paio di girni fa al lavoro ho sbattuto con una trave e mon posso neanche dare infortunio

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione