Forum - Napoli, la città 'd'o sole e d'o mare'

Amministratore
serena1O 13/03/2018 ore 19:50 Quota

(nessuno) UN MONITO POMPEIANO






ALLA CORNUCOPIA: UN MONITO POMPEIANO
La cornucopia, corno ritorto dell’abbondanza (dal latini cornu, corno + copia,abbondanza) è da sempre simbolo di ricchezza e fertilità e le sue origini mitologiche la fanno risalire alla contesa tra il fiume Acheloo ed Ercole per la conquista di Deianira. Legata alla fertilità del terreno, la cornucopia era piena di frutta, spighe, fiori. Ma la fertilità della terra era strettamente connessa alle acque dei fiumi, che quindi venivano raccolte in vasche: pubbliche, in un primo momento solo pozzi (puteal) o fontane dove si raccoglievano le acque sorgentizie, più tardi tramite acquedotti; private nei giardini delle case, dove si raccoglievano le acqua pluviali (impluvium). A Pompei molte fontane abbandonate e incrostate di materiale calcareo, muschi e licheni sono state restaurate ad opera del Mibact dall’Opificio Pietre Dure di Firenze. Tra queste, la fontana con vasca in pietra lavica della Dea della Concordia bianca: rappresenta il volto di una donna con grandi occhi, ornata di orecchini che ha in mano una cornucopia. Per questo motivo fu ritenuta la dea dell’Abbondanza e la strada in cui si trova fu detta Via dell’Abbondanza. Ma il significato è molto più profondo: la Cornucopia e la Dea della Concordia ci ammoniscono che solo l’accordo del popolo può produrre benessere per tutti! (Da Pompei. Parco Archeologico di Pompei,




2483769
« immagine » ALLA CORNUCOPIA: UN MONITO POMPEIANO La cornucopia, corno ritorto dell’abbondanza (dal latini cornu, corno + copia,a...
Discussione
13/03/2018 19:50:22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 13/03/2018 ore 20:01 Quota

(nessuno) UN MONITO POMPEIANO

Secondo la mitologia greca è il corno perduto dal fiume Acheloo nella lotta con Ercole per Deianira e riempito dalle Naiadi di fiori e di frutta, come simbolo dell'abbondanza, alludendo con ciò alla fertilità della valle dove scorreva l'Acheloo e all'imbrigliamento del fiume stesso per opera di qualche principe velato sotto il nome del semidio.

Secondo un'altra versione del mito, il corno apparterrebbe ad Amaltea, la capra che accolse e nutrì Giove nella sua infanzia a Creta. Come ringraziamento il padre degli Dei benedisse le sue corna conferendo loro poteri magici.
In forma di corno traboccante frutta e fiori è spesso presente nei dipinti in braccio alla figura simbolica dell'abbondanza.

IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 13/03/2018 ore 20:23 Quota

(nessuno) UN MONITO POMPEIANO



Il problema dell'approvvigionamento idrico nella città di Pompei fu risolto con diversi mezzi.


Inizialmente l'acqua piovana era raccolta nei bacini posti nei giardini o attraverso l'impluvium delle domus private. Nei periodi di siccità si utilizzava anche l'acqua dei pozzi pubblici scavati nel banco di lava e tufo, che raggiungevano la falda freatica sottostante alla profondità di oltre 30m. In totale sono stati rinvenuti 5 pozzi per il cui funzionamento preciso è possibile solo fare supposizioni. Probabilmente una ruota idraulica, azionata a mano o con l'aiuto di animali, rappresentava il sistema di raccolta.


Il sistema di approvvigionamento idrico venne potenziato con la costruzione dell'acquedotto ad opera dell'Imperatore Augusto. Questa grandiosa opera di ingegneria idraulica era alimentata dalle sorgenti di Serino, in Irpinia, e portava acqua abbondante ai principali centri della Campania, attraversando con condotti sotterranei, ponti e canali, tutta la pianura che comprendeva Sarno, Palma Campania, Napoli, e Pozzuoli, fino alla famosa Piscina Mirabilis di Capo Miseno.


Da Palma Campania un ramo dell'acquedotto giungeva fino a Pompei nei pressi della Porta Vesuvio dove fu edificato il Castellum Acquae, un collettore che ripartiva l'acqua in tre direzioni per alimentare vari punti della città. Era un edificio di forma quadrangolare in opera laterizia con l'entrata sul lato orientale. All'interno, illuminato da due feritoie, si trovano un bacino circolare ed un canale al di sopra dei quali è ancora visibile un affresco con una divinità fluviale e tre ninfe, a ricordare la natura sacra dei corsi d'acqua. Un sistema di saracinesche limitava la pressione dell'acqua prima di convogliarla nelle diverse direzioni attraverso i tubi della conduttura.


Non è chiaro se l'acquedotto fosse in funzione all'epoca dell'eruzione. Forse era stato messo fuori uso per i danni subiti dal terremoto del 62 d. C., come documentato da un bassorilievo del larario della casa di L. Caecilius Secundus in cui compare il Castellum Acquae lesionato. Mentre, l'assenza di tubazione potrebbe addursi ad uno spoglio successivo.


Nella città erano dislocati anche altri castella, in genere ai quadrivi, di dimensioni minori. Essi erano costituiti, in genere, da alti pilastri in muratura con all'interno una fistula che portava l'acqua in cima e la distribuiva, attraverso fistule più piccole, alle terme, alle abitazioni più ricche e alle fontane pubbliche. Le fontane erano composte da un bacino quadrangolare formato da quattro grandi ortostati di pietra su i cui bordi si trovano, spesso, le tracce lasciate dalla corrosione prodotta dalle anfore, e un cippo ornato con sculture o bassorilievi raffiguranti, in genere, delle divinità.


Le tubature erano in piombo, correvano sotto i marciapiedi e sono ancora oggi visibili in vari punti delle antiche città vesuviane. L'utilizzo del piombo era diffusissimo in epoca romana, ma si ignorava quanto fosse nocivo per la salute. I più esposti all’intossicazione erano i più ricchi, che si calcola assorbissero circa 250 mg di piombo al giorno. Infatti, lo si usava anche per addolcire il vino, nella composizione dei cosmetici e per costruire vasellame e pentole.


Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione