Forum - Napoli, la città 'd'o sole e d'o mare'

Amministratore
enzo346 05/12/2017 ore 00:26 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

enzo346
Amministratore
enzo346 05/12/2017 ore 00:29 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

Quando sui social network ha cominciato a girare il video del robot umanoide Atlas di Boston Dynamics, quello che saltava sui blocchi azzurri e terminava l’esibizione con una capriola all’indietro, le reazioni di chi lo guardava sono state soprattutto di due tipi: di meraviglia e di paura per le applicazioni che un robot tanto evoluto potrebbe avere nel lavoro e in campo militare. Quest’ultima non è una preoccupazione del tutto infondata, per un motivo semplice: molti dei prototipi sviluppati dalla società sono finanziati dal Dipartimento della Difesa Usa, l’equivalente del nostro ministero della Difesa. È questa una delle grandi differenze che segnano la distanza nella ricerca sulla robotica nelle due sponde dell’Atlantico: negli Usa il grosso dei finanziamenti viene dal settore militare, in Europa gli scopi della ricerca devono essere esplicitamente non bellici. Per parafrasare un celebre saggio di Robert Kagan, si potrebbe dire che i robot europei vengono da Venere e quelli americani da Marte. Una distinzione che si ricalca nell’impostazione data dalle altre due superpotenze della robotica: il Giappone, dove l’impostazione anti-militarista è ancora più accentuata, e la Cina, i cui enormi investimenti si stanno concentrando, oltre che sull’industria - in ossequio al piano Made in China 2025 - sulla difesa. Anche se, è doveroso dirlo, sono infiniti gli esempi di applicazioni militari che in seguito trovano diffusione nel mondo civile, dal Gps ai sistemi di teleconferenza.

A spiegarlo è uno dei massimi esperti internazionali di robotica, il professor Bruno Siciliano, coordinatore del corso di Ingegneria dell’Automazione all’Università Federico II di Napoli. Il docente ha allestito una mostra presso la Maker Faire di Roma e oggi, sabato 2 dicembre, interverrà a un incontro sui risvolti etici e sociali della robotica, dal titolo “Robots: What’s next?”. «Il grosso della ricerca in America, e Boston Dynamics non fa eccezione, è finanziata dalla Darpa, l’agenzia del Department of Defense, per applicazioni di difesa - sottolinea -. Atlas e il progetto precedente, il robot BigDog (a quattro zampe, ndr), sono progetti di questo tipo».

Negli Stati Uniti, aggiunge, ci sono due eccezioni. La prima è quella dei gruppi di ricerca che lavorano sulla “robotic for heath”, ossia tutte le applicazioni di chirugia e riabilitazione, finanziate dal National Institute of Health. La seconda è quella della parte imprenditoriale, che è baricentratata sulla Silicon Valley e ha come protagonista principale Google, che acquisì Boston Dynamics prima di venderla alla giapponese SoftBank. «Conosco molto bene il fondatore di Boston Dynamics, Marc Raibert. Il robot Atlas è spettacolare, ha dietro un grosso sforzo tecnologico, soprattutto relativo a meccanismi di attuazione non convenzionali, che permettono quei salti strabilianti. Va però detto che la società non ha mai divulgato come arriva a ottenere quei risultati. Dai video non si capisce, per esempio, se i robot siano autonomi o pilotati. Il motivo è che le informazioni sono secretate», perché le applicazioni sono di difesa.
Mati68
Amministratore
Mati68 05/12/2017 ore 05:01 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

Tutto dipende dall'uso che vogliono farne. I robot non saranno mai completamente autonomi ci vorrà sempre il controllo umano
serena1O
Amministratore
serena1O 05/12/2017 ore 06:30 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

@enzo346 scrive:
Robot e nuovi materiali...





Scienziati e ricercatori uniti hanno celebrato gli ultimi progressi nella robotica, pur ammettendo i limiti degli attuali prototipi,ecco cosa mi piacerebbe , :many e come me Un sacco di persone vorrebbero un C-3PO — il droide intelligente e affidabile di Star Wars :many
serena1O
Amministratore
serena1O 05/12/2017 ore 06:31 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

@Mati68 scrive:
Robot e nuovi materiali...
Tutto dipende dall'uso che vogliono farne. I robot non saranno mai completamente autonomi ci vorrà sempre il controllo umano



:mmm L’evoluzione dei robot

Ma allora perché i maggiori esponenti della ricerca tecnologica sono così sicuri che arriveremo ad avere un C-3PO?
:mmm
serena1O
Amministratore
serena1O 05/12/2017 ore 06:37 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

@enzo346 :


Da un lato, questa nuova rivoluzione tecnologica potrà portare vantaggi, faranno compagnia ad anziani e persone sole,tecnologia del futuro.C’è la tendenza a credere che la robo-apocalisse sia qualcosa che avverrà nel futuro. Che la grande transizione causata dall’avvento dell’automazione, che gli sconvolgimenti provocati dallo sviluppo dell’intelligenza artificiale, che tutto questo gran preoccuparsi intorno ai robot (ci ruberanno il lavoro? :mmm



serena1O
Amministratore
serena1O 05/12/2017 ore 06:38 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

@enzo346 :

Siamo già dentro alla transizione, che come tutti i momenti di sconvolgimento fa vittime e vincitori. Prima ancora di accodarsi alla fila dei pessimisti, che snocciolano numeri in decine di milioni sul numero dei posti di lavoro persi da qui a dieci anni (ma lo facevano anche dieci anni fa), e prima ancora di asserire giulivi che tutto andrà bene, è bene iniziare a prendere coscienza del fatto che i robot sono già qui – questo dovrebbe consolarci, no?
Mati68
Amministratore
Mati68 05/12/2017 ore 07:28 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

@serena1O scrive:
transizione causata dall’avvento dell’automazione, che gli sconvolgimenti provocati dallo sviluppo dell’intelligenza artificiale, che tutto questo gran preoccuparsi intorno ai robot (ci ruberanno il lavoro?

Sta già succedendo. Molte aziende creano prodotti con pochi componenti per risparmiare sulla manodopera e avere utili più alti
enzo346
Amministratore
enzo346 05/12/2017 ore 09:42 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

Ci siamo già dentro da tempo, le automazioni di ogni genere, si stanno evolvendo a passi da gigante, la robotizazione alla fiat, è iniziata molti anni fa, oggi siamo circondati da oggetti tecnologici, che ci migliorano la vita, o la peggiorano, a chi ne abusa, come detto altre volte, senza tecnologia, non potremmo stare qui, a chiacchierare tranquillamente...
enzo346
Amministratore
enzo346 05/12/2017 ore 09:55 Quota

(nessuno) Robot e nuovi materiali...

@Mati68 scrive:
Tutto dipende dall'uso che vogliono farne. I robot non saranno mai completamente autonomi ci vorrà sempre il controllo umano

Oggi il controllo umano, è essenziale, ma ci sono già macchine che si autoriparano, o macchine che riparano altre macchine, l'uomo controlla che tutto vada bene, in caso di anomalie interviene, un po come il pc, che ogni tanto dobbiamo intervenire, con aggiornamenti o correzioni, se si bloccasse tutto, sarebbe un casino, poco tempo fa, qui a Bologna, andò in tilt un robot della telecom, lasciando senza telefono, migliaia di utenti, quando capita, può succedere di tutto...

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione