Forum - Napoli, la città 'd'o sole e d'o mare'

Amministratore
serena1O 12/10/2017 ore 06:37 Quota

(nessuno) O SPAVO ‘NCERATO






COMM'A CCHI S’È PIGLIATO ‘O SPAVO ‘NCERATO


Chi subisce il danno provocato da un’azione compiuta forzosamente, impegnativa, lunga, monotona e priva di grandi soddisfazioni, a Napoli si dice che “se piglia ‘o spavo ‘ncerato”. Ma perché? Perché una volta lo spago cerato, che oggi viene prodotto in fabbrica, si faceva a mano, coprendo con un sottile strato di pece un comune spago, e il lavoro era svolto dagli umili ciabattini. Che non erano gli “scarpari”, cioè i fabbricanti di scarpe (dal longobardo skarpa, tasca di pelle), ricchi fabbricanti di scarpe, ma i “solachianielli”, cioè quelli che le scarpe le riparavano (da chianella, pianella, dal latino planum). Questi ultimi risuolavano o riparavano le suole scollate. Le cucivano o le ricucivano (oggi cuciono sempre più raramente, è un mestiere che va a finire, che peccato!) con lo spago già preparato e reso impermeabile, più resistente e scorrevole ’ncerandolo con la pece, ridotta al minimo necessario attraverso un lungo strofinio sullo spago con indice e pollice anneriti per sempre e resi ruvidi dal lungo e faticoso lavoro.
Spavo, spago, dal latino spacum; ‘ncerato, da un tardo latino incerare(in+ cira, cera)
2427463
« immagine » COMM'A CCHI S’È PIGLIATO ‘O SPAVO ‘NCERATO Chi subisce il danno provocato da un’azione compiuta forzosamente, impegn...
Discussione
12/10/2017 06:37:15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 12/10/2017 ore 20:42 Quota

(nessuno) O SPAVO ‘NCERATO

chi da 'o spavo 'ncerato, rende vita difficile a chi, per metafora, tira dall'altro capo. La suddetta similitudine ha un senso logico in quanto lo spago con il trattamento della ceratura (spago cerato) acquistando notevole resistenza, difficilmente si spezza mediante trazione

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione