Forum - Natura animali ambiente

Amministratore
serena1O 11/03/2018 ore 18:59 Quota

(nessuno) O cardillo










I più famosi sono i cardellini, di cui Napoli è considerata la patria mondiale: piccoli uccellini con il capo nero e una mascherina rossa, che hanno il loro habitat dominante nel Parco del Veswuvio. ‘O cardillo ha un canto melodioso che si interrompe solo nel periodo della muta; un tempo sui balconi di moltissime case campane c’era la gabbietta ('a caiola) con questo uccellino che era -per così dire- la metafora dell’abitare a Napoli, tanto che Eduardo quando scrisse Questi fantasmi, introdusse un particolare molto significativo: il protagonista, Pasquale Lo Jacono, per prima cosa, entrando nel suo nuovo alloggio, per prima cosa appende al balcone 'na caiola cu 'o cardillo. ‘O cardillo ha dato il nome alla cittadina di Cardito e al sito reale di Carditello; diffusi sono i cognomi Cardillo, Cardella e simili (l’autore di Core ‘ngrato si chiamava, appunto, Salvatore Cardillo). Una diffusa leggenda sull’origine della specie ornitologica narra dô cardillo che tentò di togliere le spine della corona di Gesù, si macchiò del Suo sangue e a ricordo del suo bel gesto ‘o cardillo da allora ha la mascherina rossa sul capo….





Poi c‘è ‘o cardillo, erba spontanea con foglie lanceolate disposte a rosa, edibile, ricca di proprietà rimineralizzanti, depurative e diuretiche, consigliata a chi ha problemi al fegato. Se ne mangiano le foglie interne più tenere in zuppe insieme ad altre verdure (menesta d’ammisco), nel cosiddetto pan cotto (toscano, ma anche delle nostre regioni interne), con legumi e patate, soffritto con aglio e peperoncino da solo, oppure usato come condimento di reginette o fusilli fatti in casa





2483236
« immagine » I più famosi sono i cardellini, di cui Napoli è considerata la patria mondiale: piccoli uccellini con il capo nero e...
Discussione
11/03/2018 18:59:00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 11/03/2018 ore 19:57 Quota

(nessuno) O cardillo

@serena1O scrive:
I più famosi sono i cardellini, di cui Napoli è considerata la patria mondiale: piccoli uccellini con il capo nero e una mascherina rossa, che hanno il loro habitat dominante nel Parco del Veswuvio. ‘O cardillo ha un canto melodioso che si interrompe solo nel periodo della muta; un tempo sui balconi di moltissime case campane c’era la gabbietta ('a caiola) con questo uccellino che era -per così dire- la metafora dell’abitare a Napoli, tanto che Eduardo quando scrisse Questi fantasmi, introdusse un particolare molto significativo: il protagonista, Pasquale Lo Jacono, per prima cosa, entrando nel suo nuovo alloggio, per prima cosa appende al balcone 'na caiola cu 'o cardillo. ‘O cardillo ha dato il nome alla cittadina di Cardito e al sito reale di Carditello; diffusi sono i cognomi Cardillo, Cardella e simili (l’autore di Core ‘ngrato si chiamava, appunto, Salvatore Cardillo). Una diffusa leggenda sull’origine della specie ornitologica narra dô cardillo che tentò di togliere le spine della corona di Gesù, si macchiò del Suo sangue e a ricordo del suo bel gesto ‘o cardillo da allora ha la mascherina rossa sul capo….

:cuore

IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 11/03/2018 ore 20:03 Quota

(nessuno) O cardillo

@serena1O scrive:
Poi c‘è ‘o cardillo, erba spontanea con foglie lanceolate disposte a rosa, edibile, ricca di proprietà rimineralizzanti, depurative e diuretiche, consigliata a chi ha problemi al fegato. Se ne mangiano le foglie interne più tenere in zuppe insieme ad altre verdure (menesta d’ammisco), nel cosiddetto pan cotto (toscano, ma anche delle nostre regioni interne), con legumi e patate, soffritto con aglio e peperoncino da solo, oppure usato come condimento di reginette o fusilli fatti in casa



Ce facimmo ‘na ‘nzalatella :many
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 11/03/2018 ore 20:06 Quota

(nessuno) O cardillo

@serena1O scrive:
Poi c‘è ‘o cardillo, erba spontanea



E' un tipo di verdura piuttosto amara, che appartiene alla famiglia delle cicorie.
Quella a foglie verdi e frastagliate, va cotta; quella a costa larga e bianca o a puntarelle, i cui germogli che vanno formandosi nella parte interna del cespo si mangiano crudi, accompagnati dalla salsa tipica con cui si gustano le puntarelle.
La catalogna ha un discreto quantitativo di fosforo, calcio e vitamina A; non ha molte calorie ed è invece ricca di sali minerali. Grazie al suo sapore amaro stimola le secrezioni digestive ed ha proprietà diuretiche e lassative.
E' preferibile, per chi soffre di calcolosi ossalatica, evitarne il consumo.

IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 11/03/2018 ore 20:57 Quota

(nessuno) O cardillo

Nu piezzo e pane

spugnato dint ‘o llatte a matina,

dette a forza ‘a n’ommo

e campà pe na vita.

Se n’asceva ambress pe gghì a faticà,

quanno ‘o sole ancora durmeva,

e a sera turnava.

Né mugliera e né figli teneva.

Ma maje sulo se sentette,

pecché ‘a matina

nu piezzo e pane

spugnato dint ‘o llatte

‘o ccuntentava.

Fore ‘o barcone ‘o cardillo chiammava,

ch ‘e mullechelle vuleva.

E na mana ogni juorno cchiù arrappata

na scorz ‘e pane dint ‘a cajuola metteva.

Na matina ‘o piezzo e pane

dint ‘o llatte rimmanette.

‘O cardillo chiammava,

ma ‘a scorza e pane nun l’avette.

E chillu juorno,

p ‘o dulore ne murette.
serena1O
Amministratore
serena1O 11/03/2018 ore 21:05 Quota

(nessuno) O cardillo

@IOXSONGXLEGGEND scrive:
Ce facimmo ‘na ‘nzalatella

LU CARDILLO
Per comunicare con l‘amata, l’innamorato ricorre ad un cardellino, l’uccellino simbolico della cultura napoletana, che lo considera il messaggero d’amore Le notizie sulla canzone sono scarse e spesso contrastanti. Si pensa sia stata composta tra la fine del Sericento e gli inizi del Settecento, ma è stata trascritta molto più tardi, la musica da Pietro Labriola (1820-1900) e il testo da Ernesto Preite (o Del Preite) nel 1848 o 1878.





L'interpretazione di Sergio Bruni è da grande maestro
IOXSONGXLEGGEND
Proprietario
IOXSONGXLEGGEND 11/03/2018 ore 21:09 Quota

(nessuno) O cardillo

@serena1O scrive:
Per comunicare con l‘amata, l’innamorato ricorre ad un cardellino, l’uccellino simbolico della cultura napoletana, che lo considera il messaggero d’amore

:cuore
serena1O
Amministratore
serena1O 11/03/2018 ore 21:17 Quota

(nessuno) O cardillo




O Cardillo (Carduelis carduelis, Linnaeus 1758 ) è n'auciello facenne pparte â famiglia d''e frungillide.
'O Murolo nderezzaje ll'urdema pparte 'e Reginella a nu cardillo-
Oje cardillo, a chi aspiette stasera?
nun 'o vvide? aggio aperta 'a cajóla!
Reginella è vulata? e tu vola!
vola e canta...nun chiagnere ccá:
T'hê 'a truvá na padrona sincera
ch'è cchiù degna 'e sentirte 'e cantá... E' una poesia

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione