Forum - la dolce pazzia

Moderatore
Freya75 09/04/2018 ore 13:02 Quota

(nessuno) poesie alla luna

Freya75
Moderatore
Freya75 09/04/2018 ore 13:03 Quota

(nessuno) poesie alla luna



Quand'io non ci sarò, come in passato
la luna spunterà. Messaggio tenero
d'agosto. Il mare non vedrò che culla
ritmicamente il suo paesaggio eterno.
Che tristezza, romantica mia baia
di Santander! Sommersa in un ricamo
di sabbie. Nella sua cristalleria,
ermetica al mio viaggio dal presente.
Quando non ci sarò, quando una tinta
non rimarrà di questa luce mia,
e ruoterà la luna dissanguata
qui sull'avversa notte dell'estate,
verde freddo e notturno le sue croste.
Monti come profili di bisonti
con le stelle campate sulle teste.
Si vedranno volumi di montagne,
notte di navi, fredda notte d'onde,
ala d'infanzia morta che dispiumo,
solo un ricordo: tremolo di viole
grigio e sereno, un angelo di fumo.

-J.Hierro-
Freya75
Moderatore
Freya75 09/04/2018 ore 13:03 Quota

(nessuno) poesie alla luna



I tessitori di nuvole
hanno
i piedi ben piantati in terra,
rivolgono
lo sguardo verso il cielo,
istoriano
nuvole di sogni,
intessono
trame di speranze,
spalancano
le porte del cuore,
aprono
la mente alle differenze,
ricuciono
ferite col sorriso,
dipingono
il coraggio di luce solare,
schivano
della notte la paura,
cavalcano
le scie della luna.
Freya75
Moderatore
Freya75 09/04/2018 ore 13:04 Quota

(nessuno) poesie alla luna



La luna geme sui fondali del mare,
o Dio quanta morta paura
di queste siepi terrene,
o quanti sguardi attoniti
che salgono dal buio
a ghermirti nell'anima ferita.
La luna grava su tutto il nostro io
e anche quando sei prossima alla fine
senti odore di luna
sempre sui cespugli martoriati
dai mantici
dalle parodie del destino.
Io sono nata zingara, non ho posto fisso nel mondo,
ma forse al chiaro di luna
mi fermerò il tuo momento,
quanto basti per darti
un unico bacio d'amore

.-Alda Merini-
Freya75
Moderatore
Freya75 09/04/2018 ore 13:05 Quota

(nessuno) poesie alla luna



Alla luna

E, come una signora morente emaciata e pallida,
che innanzi barcolla, nascosta da un trasparente velo,
fuori dalla sua camera, guidata dai folli
e flebili deliri del suo cervello snervato,
l'animo si levò nel tenebroso est,
una bianca e informe massa.

Sei pallida perché
sei stanca di scalare il cielo
e fissare la terra
tu che ti aggiri senza compagnia
tra le stelle che hanno una differente
nascita, tu che cambi
sempre come un occhio senza gioia
che non trova un oggetto degno della
sua costanza?

-Percy Bysshe Shelley-
carla.1962
Proprietario
carla.1962 09/04/2018 ore 14:03 Quota

(nessuno) poesie alla luna

@Freya75 :

Alla luna
O graziosa luna, io mi rammento
Che, or volge l'anno, sovra questo colle
Io venia pien d'angoscia a rimirarti:
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparia, che travagliosa
Era mia vita: ed è, né cangia stile,
0 mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l'etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso,
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l'affanno duri!


Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione