Forum - L'Arcobaleno dell'Amore

Amministratore
d.olly 01/08/2020 ore 20:54 Quota

Importante Disney......

Walt Disney. Ecco a voi, cari lettori, il nome di un personaggio che non ha certo bisogno di presentazioni, perché è famoso in tutto il mondo. Disney, un marchio imprenditoriale di standing mondiale: un nome conosciuto da chiunque. Walt Disney (che pretendeva da ogni suo collaboratore di essere chiamato “Walt”) è stato un grandioso ed abile imprenditore, produttore cinematografico, artista, disegnatore, animatore, doppiatore e cineasta statunitense.

INFANZIA – Walter Elias Disney (questo il nome vero di battesimo) nacque a Chicago, giovedì 5 dicembre 1901. I genitori di Walt furono Elias Disney e Flora Call. La famiglia Disney era formata da cinque figli, di cui Walt era il quarto. Gli altri figli di Elias Disney e Flora Call furono: Herbert, Raymond e Roy Oliver (fratelli maggiori di Walt) e Ruth Flora (sorella minore di Walt). Il nome Walter gli fu assegnato in onore del reverendo Walter Parr, che era un amico dei suoi genitori; invece, il nome Elias fu direttamente ereditato da quello del padre (appunto Elias Disney).

Nel 1906, all’età di 5 anni, la famiglia Disney si trasferì a Marceline (Missouri), per lavorare in una fattoria di 200 ettari (che Elias Disney acquistò alla cifra di 3.000 dollari). La fattoria di Walt si trovava nelle vicinanze dell’abitazione dello Zio Robert Disney. A Marceline, il piccolo Walt visse felice e spensierato immerso nelle meraviglie della natura e del paesaggio rurale. Niente di meglio (diremmo oggi, “col senno del poi”), per la fervida immaginazione di un bambino.

Inoltre, nei pressi della sua fattoria era solito passare un treno, che Walter amava vedere correre lungo le rotaie (più avanti parleremo della passione di Walt per le locomotive).

SCUOLA E LAVORO – Walt Disney iniziò a frequentare la scuola elementare soltanto a otto anni, in quanto i suoi genitori decisero che avrebbe cominciato gli studi assieme alla sorellina Ruth. Nel 1909 il padre di Walt si ammalò e fu costretto a vendere la fattoria, perché non poteva più svolgere un’attività lavorativa così impegnativa e faticosa.

Nel 1910, la famiglia Disney traslocò a Kansas City ove Elias – padre di Walt – vinse l’appalto per la distribuzione di giornali (“Morning Times” ed “Evening and Sunday Star”). E così Walt e Roy cominciarono, in piena notte e spesso sotto il freddo e/o la neve, a consegnare i giornali in tutta la città. Talvolta, durante il lavoro notturno, Walt Disney si appisolava in qualche angolo di strada ovvero rifugio di fortuna, pur di dormire e riposarsi soltanto un po’. Ciò per consentirgli – al mattino – di affrontare al meglio la sua giornata scolastica.

Grazie allo Zio Michael Martin (ingegnere delle ferrovie), nel 1911 Walt lavorò come venditore sui treni della Missouri Pacific Railroad; è probabile che tale esperienza ingenerò in Disney l’amore per i treni e per i viaggi. Nel 1917 si diplomò alla Benton School e, simultaneamente, frequentò un corso presso l’Art Insitute of Chicago.

LA GRANDE GUERRA – A soli sedici anni, il richiamo per la Grande Guerra fu talmente tanto forte da convincere Walt, con l’aiuto di un suo amico, ad artefare il suo passaporto modificandone la voce “età”.

Durante gli anni del primo conflitto mondiale, Walt operò in Francia quale volontario per la Croce Rossa fino al 1919. Al termine della prima guerra mondiale (1919), Walt Disney fece ritorno a Kansas City desideroso, più che mai, di ritagliarsi un posto nell’agognato mondo della cinematografia.

GLI ESORDI NELL’ANIMAZIONE – Disney, rientrato dalla Francia, fu assunto dalla Pesman-Rubin Commercial Art Studio, al fine di occuparsi del programma settimanale del Newman Theatre. E fu proprio in quest’occasione che Walt conobbe uno dei suoi più cari amici nonché abili disegnatori: Ubbe Eert Iwwerks (meglio noto con il nome di “Ub Iwerks”). Disney, però, era ancor più determinato a diventare un protagonista assoluto del cinema. Dunque nelle sue serate, Walt iniziò a frequentare regolarmente il cinema per vedere un lungometraggio, un cinegiornale ed uno o due cartoni animati.

Con l’amico Ub, nel gennaio del 1920, Walt costituì la Iwerks-Disney Commercial Artists, che fu principalmente impegnata nella realizzazione di animazioni pubblicitarie (la società, tuttavia, non avrà una lunga esistenza). Ciononostante, la creazione di spot pubblicitari era un’attività che poco appagava gli aneliti professionali di Walt Disney.

Sulla scia delle sue aspirazioni, Walt maturò la decisione di sperimentare la produzione di cortometraggi di animazione all’interno del garage del fratello Herbert, in cui egli viveva insieme all’altro fratello Roy. In questa piccola ma ingegnosa officina d’arte, vennero alla luce dei cartoons di successo che furono ceduti alla Newman Teathre Company. Tali cartoni animati furono, pertanto, denominati “Newman Laugh-O-Grams”.

2688297
Walt Disney. Ecco a voi, cari lettori, il nome di un personaggio che non ha certo bisogno di presentazioni, perché è famoso in...
Discussione
01/08/2020 20:54:07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    7
Amministratore
d.olly 01/08/2020 ore 20:57 Quota

(nessuno) Disney......



Un uomo che ha saputo conciliare l'ideologia di business americano alla magia dei sogni. I film della Disney hanno cresciuto generazioni di bambini e il loro parcogiochi è sempre un sogno ad occhi aperti per chi può andarci e per chi sogna di andarci anche quando non si è più bambini.

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione