Forum - IL PASTO NUDO

Non controllatevi ... scrivete di tutto.

Amministratore
SheRocky 21/09/2019 ore 18:18 Quota

(nessuno) Napoli: Ethnos Festival...

La ventiquattresima edizione di "Ethnos", festival internazionale di musica etnica, ideato e diretto da Gigi Di Luca, è entrato nel vivo con una serie di concerti itineranti in vari comuni della provincia di Napoli, in un abbraccio ideale che dal Vesuvio si estende al golfo partenopeo.

Ieri il gruppo "Rione Junno" si è esibito a Volla nell'ex Masseria De Carolis. Rione Junno è una realtà viva della musica etnica italiana e negli ultimi anni ha avuto centinaia di concerti in tutt' Italia e nel mondo: Canada, Tunisia, Francia, Spagna, Germania, Svizzera, Belgio, Albania, compresi i festival italiani più importanti del settore.

Oggi alle 20.30 "Surealistas" a Cercola, piazza Libertà.
La band ha lanciato il primo disco di inediti nel 2016.
A fine 2018, i SuRealistas pubblicano il loro secondo disco, con l'idea di far rivivere in studio la stessa energia dei concerti: il risultato è "Canta", un album di undici tracce, frutto di un ensemble che ha saputo unire ed evidenziare svariate personalità artistiche, collaborando sinergicamente con ospiti di classe e tecnici del suono eccezionali.
Il 2019 per i SuRealistas sarà un altro anno d'oro tra concerti in giro per l'Europa (Ungheria, Slovenia, Slovacchia, Germania e Belgio). Nella formazione: Jeremías Cornejo: voce, chitarra, ukulele, percussioni; Agustín Cornejo: voce, chitarra; Mauro La Mancusa: tromba, percussioni; Joaquín Cornejo: voce, pianoforte, percussioni
Gianni Valenti: sax tenore; Matteo Bonti: contrabbasso; Pietro Borsò: percussioni, batteria

Domani 22 settembre "Cesare Dell'Anna & Opa cupa", alle 20.30, a Bacoli, parco di Villa Ferretti.
Trascorsi quasi venti anni da quando nel '98 si formò la prima cellula degli Opa Cupa, la band rappresenta il primo progetto balkan nato in Salento. Opa Cupa è una storia di immigrazione, il racconto di viaggi e partenze in cui la condivisione e l'esplorazione generano un'alchimia potente in grado di far crollare le barriere sociali dinanzi al confronto tra etnie e culture apparentemente lontane e diverse. Il percorso artistico della band è caratterizzato dalla ricerca delle melodie dei Balcani che si incrociano con le sonorità tipiche del Sud Italia. Arricchite da sfumature progressive jazz e impreziosite dai tempi dispari e irregolari, creano un connubio perfetto fra tradizione ed avanguardia. Nlela formazione: Cesare Dell'Anna: tromba,
Irene Lungo: voce; Ekland Hasa: tastiera; Stefano Valenzano: basso; Antonio De Marianis: batteria; Gino Semeraro: chitarra elettrica; Andrea Doremi: tuba.

Ethnos si propone di creare un ponte tra la memoria del passato e la visione del futuro, tra la tradizione e la contemporaneità dell'arte con uno sguardo attento alle problematiche delle migrazioni, delle integrazioni e del Mediterraneo. Nato nel 1995 con l'intento di recuperare le arcaiche tradizioni dell'area vesuviana, nel corso degli anni ha allargato il suo raggio di azione diventando uno dei maggiori osservatori di musica etnica e world music d'Italia. Con la sua formula itinerante da sempre ha coinvolto diversi siti dell'area vesuviana - dalle Ville del Miglio d'Oro ai beni culturali della costa del Vesuvio - valorizzandoli ed aprendoli al grande pubblico con spettacoli, produzioni inedite e concerti in esclusiva.

Il festival Ethnos è ideato da La Bazzarra, organizzato dal Comune di San Giorgio a Cremano, finanziato dalla Regione Campania, con la collaborazione dei comuni presenti nel progetto e delle associazioni locali.
Tutti gli eventi in programma sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.
2633117
La ventiquattresima edizione di "Ethnos", festival internazionale di musica etnica, ideato e diretto da Gigi Di Luca, è entrato...
Discussione
21/09/2019 18:18:52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione