Forum - Il Paradiso Perduto

NB: In ogni intervento e commento, ciascuno è tenuto a rispettare gli altri, le loro opinioni, la fede o la non-fede altrui, nella consapevolezza della multiculturalità e pluralità della società attuale.

Amministratore
kairoki 06/08/2018 ore 17:57 Quota

Insicuro ...Umberto Galimberti

coccinella.snob
Partecipante
coccinella.snob 06/08/2018 ore 18:57 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

ma purtroppo noi nn ce l'avremo mai un ministro così...

cmq è vero che noi ci muoviamo per uno scopo, mai per la causa efficiente...
kairoki
Amministratore
kairoki 06/08/2018 ore 23:55 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@ElohimCat scrive:
Umberto Galimberti: LA DEGENERAZIONE DELLA SCUOLA

D'accordo con Galimberti: la scuola è il luogo dedicato all'educazione dei ragazzi, è un luogo d'iniziazione, quindi è un luogo sacro.

Da troppo tempo la scuola è vista come luogo dove gli insegnanti trovano un posto di lavoro, un'occupazione, ma il numero di insegnanti incapaci e/o menefreghisti e/o irresponsabili è esageratamente alto... D'accordo anche con il test di personalità prima di assumerne: tanto, certe caratteristiche sono innate. Serve anche la passione per questo compito, che è difficile e, quando svolto con coscienza e diligenza, è pure molto pesante, ma, diversamente, la scuola non può migliorare... Quindi, per me, tutti i prof dovrebbero tornare a casa, dopodiché si controlla chi possa svolgere un compito simile e chi no.

Convengo anche sulle osservazioni che riguardano la tecnica e la tecnologia, perché leggere qualcosa di Günther Anders sarebbe molto importante prima di disseminare nella propria vita tanti PC, smartphone, Ipad con tutto ciò che contengono.
E questa tecnologia, tra i vari effetti, ha anche quello di promuovere un "totalitarismo soft / leggero", dove il pensiero creativo / divergente viene eliminato... (il pensiero divergente ha qualche carattere comune al pensiero laterale)

Bisogna ripartire daccapo...
corallinejpg
Partecipante
corallinejpg 07/08/2018 ore 09:59 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
questa tecnologia, tra i vari effetti, ha anche quello di promuovere un "totalitarismo soft / leggero", dove il pensiero creativo / divergente viene eliminato... (il pensiero divergente ha qualche carattere comune al pensiero laterale)

Perchè la tecnologia vuole eliminare il pensiero divergente e creativo?
PasdeDeux
Partecipante
PasdeDeux 07/08/2018 ore 10:09 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki: Umberto Galimberti. L'autostima
@ElohimCat: LA DEGENERAZIONE DELLA SCUOLA- Umberto Galimberti

Nel 2° video Galimberti parla della scuola che è peggiorata, delle conseguenze di questo peggioramento mentre nel 1° parla anche di un cambiamento della società che non è più adatta per allevare i figli e non è adatta neanche più per creare la famiglia...e dell'emotività che non si forma più nei giovani, dell'identità dei ragazzi e degli individui...
PasdeDeux
Partecipante
PasdeDeux 07/08/2018 ore 10:22 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

Adesso i genitori diventano amici dei figli e gli insegnanti finiscono a pizze con gli studenti...

"Dio è famoso perchè nessuno lo ha mai visto, se mangi la pizza con gli altri diventi uno di loro, come fai dopo avere detto qualche cazzata con la pizza in bocca a presentarti in classe a insegnare ancora qualcosa?"

Mitico Galimberti...:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap:clap
Meliloto
Partecipante
Meliloto 07/08/2018 ore 12:39 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki : Minuto 2:38 del video "L'autostima".

La crisi della famiglia. I genitori diventano AMICI dei figli e allora l'EDIPO non lo fai in casa fisiologicamente ma fuori in modo abnorme.

L'Edipo, il complesso di Edipo è fondamentale e anche l'autorità è fondamentale. Quando tu ragazzo ammetti l'autorità del padre, dell'insegnante, tu costruisci dentro di te il tuo SUPER IO e formi i tuoi valori, quelli a cui decidi di ubbidire, quando le pulsioni, i vizi, il senso del piacere ti direbbero: ma segui NOI e divertiti, cosa te ne frega di quello è giusto o ingiusto? bene e male? fregatene...

windmemory
Amministratore
windmemory 07/08/2018 ore 19:43 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@PasdeDeux scrive:
nel 1° parla anche di un cambiamento della società che non è più adatta per allevare i figli e non è adatta neanche più per creare la famiglia...e dell'emotività che non si forma più nei giovani, dell'identità dei ragazzi e degli individui...

Nel primo video Galimberti parla della destrutturazione della società e di quella della psiche individuale a causa del legame che c'è tra psiche del mondo e psiche del singolo.
L'anima dell'individuo è un riflesso di quella del mondo dove ogni individuo nasce e cresce.
kairoki
Amministratore
kairoki 07/08/2018 ore 23:05 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@corallinejpg scrive:
Perchè la tecnologia vuole eliminare il pensiero divergente e creativo?

...perché il pensiero creativo non segue mai un algoritmo (non un algoritmo esistente perlomeno) così riesce ad eludere la tecnologia del web.

Se, ad esempio, io e voi iniziamo a parlare usando un nuovo codice linguistico, forse riusciremmo a depistare le mappature e i tracciamenti del Net :cosaaa :cosaaa :cosaaa
corallinejpg
Partecipante
corallinejpg 08/08/2018 ore 09:59 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
il numero di insegnanti incapaci e/o menefreghisti e/o irresponsabili è esageratamente alto... D'accordo anche con il test di personalità prima di assumerne: tanto, certe caratteristiche sono innate. Serve anche la passione per questo compito, che è difficile e, quando svolto con coscienza e diligenza, è pure molto pesante, ma, diversamente, la scuola non può migliorare... Quindi, per me, tutti i prof dovrebbero tornare a casa, dopodiché si controlla chi possa svolgere un compito simile e chi no.

Tu sei sicura che manderesti tutti i professori a casa e'?
kairoki
Amministratore
kairoki 08/08/2018 ore 11:51 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@corallinejpg scrive:
Tu sei sicura che manderesti tutti i professori a casa e'?

Dipendesse da me, dovrebbero lasciare il loro ruolo non soltanto tutti i professori, ma anche presidi e vicepresidi, che hanno rapporti di amicizia interessata con gli stessi professori.

Al triennio del liceo (ho frequentato il liceo classico) io ebbi la sfortuna di incappare in una prof d'italiano che entrava in classe, si accasciava sulla cattedra e leggeva a malavoglia dalla nostra antologia... Leggeva l'Orlando Furioso e sembrava sul punto di svenire... Leggeva il canto XXVI dell'Inferno di Dante e mai accennava ai consiglieri fraudolenti: lei leggeva e nemmeno ci guardava. Avesse detto una sua parola sul libero arbitrio: NO.
Ci leggeva: "Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" e sembrava che si stesse addormentando sul libro...

Dopo 3 lezioni così, io decisi di uscire durante le sue "lezioni".... Andavo in biblioteca a leggere qualcosa che mi attraeva... Ogni volta, appena rientrata, lei s'arrabbiava con me, perché - lei diceva - le mancavo di rispetto, quindi dovevo passare almeno un quarto d'ora in presidenza...

Ai miei tempi, parlo del 1990, il preside era presente.

Oggi è difficile trovare preside o vicepreside, sono quasi sempre fuori per un caffé e, quando miracolosamente sono presenti, non sono capaci di sostituire uno solo dei prof... Entrano in classe e si portano i loro settimanali, che leggono in classe... e senza renderne minimamente partecipi i ragazzi.

I prof, i presidi e i loro vice non devono andare a scuola per scaldare le cattedre.
E i prof che non sono interessati a ciò cui dovrebbero educare, potrebbero gentilmente accomodarsi fuori.
corallinejpg
Partecipante
corallinejpg 08/08/2018 ore 13:50 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
Dipendesse da me, dovrebbero lasciare il loro ruolo non soltanto tutti i professori, ma anche presidi e vicepresidi, che hanno rapporti di amicizia interessata con gli stessi professori.

Al triennio del liceo (ho frequentato il liceo classico) io ebbi la sfortuna di incappare in una prof d'italiano che entrava in classe, si accasciava sulla cattedra e leggeva a malavoglia dalla nostra antologia... Leggeva l'Orlando Furioso e sembrava sul punto di svenire... Leggeva il canto XXVI dell'Inferno di Dante e mai accennava ai consiglieri fraudolenti: lei leggeva e nemmeno ci guardava. Avesse detto una sua parola sul libero arbitrio: NO.
Ci leggeva: "Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" e sembrava che si stesse addormentando sul libro...

Dopo 3 lezioni così, io decisi di uscire durante le sue "lezioni".... Andavo in biblioteca a leggere qualcosa che mi attraeva... Ogni volta, appena rientrata, lei s'arrabbiava con me, perché - lei diceva - le mancavo di rispetto, quindi dovevo passare almeno un quarto d'ora in presidenza...

Ai miei tempi, parlo del 1990, il preside era presente.

Oggi è difficile trovare preside o vicepreside, sono quasi sempre fuori per un caffé e, quando miracolosamente sono presenti, non sono capaci di sostituire uno solo dei prof... Entrano in classe e si portano i loro settimanali, che leggono in classe... e senza renderne minimamente partecipi i ragazzi.

I prof, i presidi e i loro vice non devono andare a scuola per scaldare le cattedre.
E i prof che non sono interessati a ciò cui dovrebbero educare, potrebbero gentilmente accomodarsi fuori.

Hai un brutto carattere,allora ti sarai presa delle note...:many:many
IdraDiLernia
Partecipante
IdraDiLernia 08/08/2018 ore 16:04 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:

Dopo 3 lezioni così, io decisi di uscire durante le sue "lezioni"....

brava kairy.......ci sono troppi prof di emme :vomitino
Calliope.dreaming
Partecipante
Calliope.dreaming 08/08/2018 ore 16:48 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
una prof d'italiano che entrava in classe, si accasciava sulla cattedra e leggeva a malavoglia dalla nostra antologia... Leggeva l'Orlando Furioso e sembrava sul punto di svenire... Leggeva il canto XXVI dell'Inferno di Dante e mai accennava ai consiglieri fraudolenti: lei leggeva e nemmeno ci guardava. Avesse detto una sua parola sul libero arbitrio: NO.
Ci leggeva: "Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" e sembrava che si stesse addormentando sul libro...

Un esempio bellissimo da emulare :D

Ma che schifezza di prof ;-(
coccinella.snob
Partecipante
coccinella.snob 08/08/2018 ore 17:27 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
Dipendesse da me, dovrebbero lasciare il loro ruolo non soltanto tutti i professori, ma anche presidi e vicepresidi, che hanno rapporti di amicizia interessata con gli stessi professori.

Al triennio del liceo (ho frequentato il liceo classico) io ebbi la sfortuna di incappare in una prof d'italiano che entrava in classe, si accasciava sulla cattedra e leggeva a malavoglia dalla nostra antologia... Leggeva l'Orlando Furioso e sembrava sul punto di svenire... Leggeva il canto XXVI dell'Inferno di Dante e mai accennava ai consiglieri fraudolenti: lei leggeva e nemmeno ci guardava. Avesse detto una sua parola sul libero arbitrio: NO.
Ci leggeva: "Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" e sembrava che si stesse addormentando sul libro...

Dopo 3 lezioni così, io decisi di uscire durante le sue "lezioni".... Andavo in biblioteca a leggere qualcosa che mi attraeva... Ogni volta, appena rientrata, lei s'arrabbiava con me, perché - lei diceva - le mancavo di rispetto, quindi dovevo passare almeno un quarto d'ora in presidenza...

Ai miei tempi, parlo del 1990, il preside era presente.

Oggi è difficile trovare preside o vicepreside, sono quasi sempre fuori per un caffé e, quando miracolosamente sono presenti, non sono capaci di sostituire uno solo dei prof... Entrano in classe e si portano i loro settimanali, che leggono in classe... e senza renderne minimamente partecipi i ragazzi.

I prof, i presidi e i loro vice non devono andare a scuola per scaldare le cattedre.
E i prof che non sono interessati a ciò cui dovrebbero educare, potrebbero gentilmente accomodarsi fuori.

io condivido pienamente.
futuro.infinito
Amministratore
futuro.infinito 08/08/2018 ore 19:24 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
Ci leggeva: "Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza" e sembrava che si stesse addormentando sul libro...

Quindi era una professoressa che non sapeva rendere interessante la sua materia, anche Umberto Galimberti l'avrebbe bocciata...
kairoki
Amministratore
kairoki 08/08/2018 ore 20:15 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@curcumilla scrive:
Prof che neanche ti guardano in faccia :devil

...proprio così.
Un'educatrice, almeno passata per tale, che non ci ha mai guardato.
E, a fronte di tanti studenti suicidi, viene da domandarsi dove sia l'umanità...

Di quello che è successo a me, in fondo poco importa.
Non ho mai avuto un carattere acquiescente: se avverto qualche scompenso, qualche illecito, non riesco a star zitta...

Se per voi è un brutto carattere, 0K.

Non è per me che vado scrivendo qui.
kairoki
Amministratore
kairoki 08/08/2018 ore 20:26 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

https://it.blastingnews.com/opinioni/2017/04/suicidi-in-italia-il-bel-paese-sconvolto-da-350-morti-al-mese-001603275.html

Non devono essere sottovalutati gli studenti suicidi:

L'ISTAT ha modificato i parametri per introdurre e pubblicare i loro dati. Per questo motivo, di tanti suicidi o tentati suicidi, non vedremo quasi nulla in rete.

I quotidiani locali tendono a riportarli, sebbene con remore e discrezioni (comprensibili) ma i quotidiani nazionali NON ne parlano affatto....
Come mai?

Eh...!!
curcumilla
Partecipante
curcumilla 08/08/2018 ore 22:34 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
Per questo motivo, di tanti suicidi o tentati suicidi, non vedremo quasi nulla in rete.

E noi ringraziamo come sempre per le informazioni, specialmente google e i suoi amici...:hihi
fiumesilente
Moderatore
fiumesilente 09/08/2018 ore 10:00 Quota
kairoki
Amministratore
kairoki 09/08/2018 ore 17:43 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@corallinejpg scrive:
Hai un brutto carattere,allora ti sarai presa delle note...:many:many

Nessuno m'ha mai fatto una nota: io facevo ciò che dovevo e mi piaceva moltissimo ciò che studiavo; al contrario, era la prof d'italiano che che si sarebbe meritata una nota disciplinare. Lei mi mandava sempre in presidenza, dove però era interessante trascorrere 15 minuti col preside...
Poi, per ripicca, m'interrogava e, di certo, non per farmi leggere qualche pagina, bensì domandandomi la parafrasi, l'analisi e i retroscena storici, sociali, etc... dei versi ch'erano da studiare.
PasdeDeux
Partecipante
PasdeDeux 10/08/2018 ore 14:09 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
Nessuno m'ha mai fatto una nota: io facevo ciò che dovevo e mi piaceva moltissimo ciò che studiavo; al contrario, era la prof d'italiano che che si sarebbe meritata una nota disciplinare. Lei mi mandava sempre in presidenza, dove però era interessante trascorrere 15 minuti col preside...
Poi, per ripicca, m'interrogava e, di certo, non per farmi leggere qualche pagina, bensì domandandomi la parafrasi, l'analisi e i retroscena storici, sociali, etc... dei versi ch'erano da studiare.

Condivido.
I ragazzi sono i soli testimoni del comportamento degli insegnanti, quindi... chi dovrebbe o potrebbe ribellarsi se non loro??
kairoki
Amministratore
kairoki 12/08/2018 ore 18:15 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@night.watcher scrive:
Non c'è più risonanza emotiva.

Da qui tutto il resto.
..non penso sia l'unica causa di tutto il resto, ma certamente senza risonanza emotiva ci manca come minimo un'intera generazione di artisti...

Chi crea, chiamiamo costui "artista", riesce a venire a patti con le ristrettezze economiche, ma la mancanza di un "risonanza emotiva" attenua fino ad azzerare la sua particolare sensibilità d'ascoltare l'anima del mondo e di parlarne...
mayarama
Partecipante
mayarama 13/08/2018 ore 09:23 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@kairoki scrive:
...Umberto Galimberti

Umberto Galimberti nel primo video sulla società.

Se tutti e due i genitori sono sempre fuori per lavoro... non c'è più la divisione dei ruoli, nessuno dei due rimane vicino ai bambini e vi sembra bello??

Le mappe emotive e cognitive si formano in che modo?
Con i videogames? :nono1
Meliloto
Partecipante
Meliloto 13/08/2018 ore 10:31 Quota

(nessuno) ...Umberto Galimberti

@mayarama scrive:

Se tutti e due i genitori sono sempre fuori per lavoro... non c'è più la divisione dei ruoli, nessuno dei due rimane vicino ai bambini e vi sembra bello??

Le mappe emotive e cognitive si formano in che modo?
Con i videogames? smile

Non bisogna mai generalizzare perchè ci sono genitori, anche divorziati, molto attenti ai figli...

Comunque Galimberti sta parlando della maggioranza dei casi e la suddivisione dei ruoli, che era alla base del matrimonio tradizionale, non esiste quasi più...

Cosa succede a un bimbo lasciato da solo? :mmm

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione