Forum - Il mio piccolo mondo

Proprietario
gatta.snob 13/06/2018 ore 18:29 Quota

(nessuno) Tokyo installa le strade solari

Tokyo installa le strade solari
che producono energia per le Olimpiadi 2020


gatta.snob
Proprietario
gatta.snob 13/06/2018 ore 18:29 Quota

(nessuno) Tokyo installa le strade solari

In vista delle Olimpiadi del 2020, Tokyo si prepara a costruire strade solari, in grado di produrre energia pulita. Il governo metropolitano di Tokyo prevede di introdurre queste “solar roads” che catturano l'energia dal sole attraverso i pannelli fotovoltaici installati sotto la superficie.

Le strade saranno costituite da un sistema di pannelli verniciati con una resina speciale per migliorarne la durata.

A maggio ne è già stata installata una nel parcheggio di un negozio Seven-Eleven a Sagamihara, nella prefettura di Kanagawa, ma le nuove strade dovrebbero essere introdotte a titolo sperimentale presso strutture di proprietà del governo di Tokyo già dal prossimo anno. Probabilmente si comincerà dai parcheggi, dove la quantità di elettricità generata giustificherebbe il costo per l'installazione.

Lo sforzo è volto a far sì che Tokyo possa essere sempre più eco-compatibile, sia a livello nazionale che anche in ottica internazionale, in vista delle Olimpiadi e delle Paraolimpiadi che avranno luogo nel 2020.

Le strade solari sono già state introdotte sulle autostrade in Francia e sulle piste ciclabili nei Paesi Bassi ma in Giappone sono quasi una novità. Un manager del negozio Seven-Eleven che sta testando le prime solar roads giapponesi, a conferma dell'utilità di questa soluzione, ha detto:

“Il sistema stradale solare può generare 16.145 kilowattora di elettricità all'anno, coprendo circa il 9% dell'intera elettricità consumata dal negozio”.
gatta.snob
Proprietario
gatta.snob 13/06/2018 ore 18:30 Quota

(nessuno) Tokyo installa le strade solari

Il governo di Tokyo si è concentrato sulle nuove tecnologie come potenziali fonti di energia rinnovabile e ha fissato un obiettivo ben preciso: le energie rinnovabili dovranno soddisfare circa il 30% del consumo energetico di Tokyo entro il 2030, rispetto al 12% del 2016.

Secondo le autorità, non ci saranno restrizioni relative ai luoghi in cui potranno essere installate. L'unico limite potrebbe essere legato al costo elevato. Poiché la tecnologia non è ampiamente utilizzata, i suoi componenti non sono prodotti in serie. In Francia, ad esempio, il costo per ogni chilometro installato è stato di circa 5 milioni di euro.

La speranza è che seguendo l'esempio della città giapponese, anche altri paesi del mondo possano farlo aiutando così a ridurre i costi di produzione e favorendo la generazione di energia pulita.
stellapersole
Partecipante
stellapersole 13/06/2018 ore 18:32 Quota

(nessuno) Tokyo installa le strade solari

La prima strada solare del mondo inaugurata in Francia



Strade fotovoltaiche, in Francia sono realtà. Ieri in Normandia il Ministro dell'ecologia francese Ségolène Royal ha inaugurato il progetto WattWay di Colas. Un solo km ricoperto di pannelli solari soddisferà il fabbisogno energetico di 3400 persone, nel centro di Tourouvre-au-Perche.

Il cemento ha lasciato il posto a 2800 mq di pannelli fotovoltaici che saranno “calpestati”sulla RD5 ogni giorno da circa 2000 automobilisti. Si tratta della prima strada al mondo dotata di celle solari.

Nei mesi scorsi, i pannelli sono stati testati all'interno di quattro parcheggi in tutta la Francia. Il costruttore è Colas e il progetto è costato circa 5 milioni di euro. Altrove, ad esempio negli Stati Uniti, tali soluzioni sono in fase di test come a Sandpoint dove è in corso la sperimentazione di SolarRoadways, resa possibile anche grazie al crowdfunding.
stellapersole
Partecipante
stellapersole 13/06/2018 ore 18:34 Quota

(nessuno) Tokyo installa le strade solari

Ma in Francia sarà il piccolo paese di Tourouvre-au-Perche a beneficiare dell'energia pulita prodotta.

A tagliare il nastro ieri è stata Ségolène Royal. Il ministro si è augurato di vedere tante strade francesi ricoperte dai pannelli.

Ricoperto da 2.880 pannelli fotovoltaici, il tratto stradale interessato è quello tra l'uscita sud di Tourouvre e l'incrocio con la N12, nella località di Le Gué-à-Pont.

Il progetto rientra nella legge sulla transizione energetica che coinvolge iniziative innovative e ambiziose. L'energia elettrica pulita prodotta da questo tratto di strada solare sarà immessa in rete. È prevista una produzione annua pari a 280 MWh. La produzione giornaliera sarà variabile, in base alle condizioni del tempo e alle stagioni.

In media, potrebbe raggiungere i 767 kWh al giorno, con punte fino a 1.500 kWh in estate. Un pannello informativo installato vicino alla strada (anch'esso alimentato dall'energia pulita) indicherà sia l'immediata produzione sia quella totale.




“Siamo ancora in una fase sperimentale. Costruire un sito di prova di questa scala è una grande opportunità per la nostra innovazione perché ci ha permesso di migliorare il nostro processo di installazione di pannelli fotovoltaici, nonché la loro produzione, al fine di continuare a ottimizzare la nostra innovazione”.

Un primo passo in avanti. La Francia ci sta provando sul serio. E l'Italia?
auroraboreal.e1966
Partecipante
auroraboreal.e1966 13/06/2018 ore 18:38 Quota

(nessuno) Tokyo installa le strade solari

Route 66: un tratto della storica strada americana
diventerà fotovoltaico




La storica Route 66, negli States, diventerà fotovoltaica in un tratto del Missouri. La strada che attraversa gli Stati Uniti da Chicago a Los Angeles, cantata da Nat King Cole, dai Rolling Stones, raccontata da Jack Kerouac nel libro "On the Road" e della mitica Beat Generation, già qualche anno fa rientrò nel progetto "Green Roadway".

Ora, in base alla ormai navigata idea che sta attraversando mezza Europa e qualche parte degli Stati Uniti di sfruttare l’enorme superficie delle autostrade per produrre energia solare, anche il dipartimento dei trasporti dello stato del Missouri sta accarezzando l'idea di realizzare il primo tratto di un'autostrada fotovoltaica entro la fine del 2016. La tratta della Historic Route 66 scelta per diventare green dovrebbe essere quella del Welcome Center di Conway e lo scopo dello stato del Missouri è quello poi di ripagare i costi di adeguamento delle tratte più vecchie del proprio sistema autostradale.

Il progetto della Route 66 dovrebbe essere realizzato in collaborazione con Solar Roadways, nato in Idaho dall’idea di un americano, Scott Brusaw, ingegnere specializzato nell'elettronica e nell'elettrotecnica, che con la moglie Julie lavoroò per anni allo studio e alla realizzazione dei Solar Panel RoadTM, pannelli solari stradali, che sono alla base del progetto stesso.

È proprio nell’Idaho, nel nord ovest degli Usa, che furono sviluppati all’inizio dei particolari pannelli solari ricoperti con un vetro ruvido, antiabrasivo, autopulente e altamente resistente, su cui si è riuscito a far transitare anche auto e camion e che incorpora al suo interno cellule fotovoltaiche e diodi, proteggendoli anche dagli agenti atmosferici.
palom.bella
Partecipante
palom.bella 13/06/2018 ore 18:43 Quota

(nessuno) Tokyo installa le strade solari

Solar Roadways: sulle strade
pannelli solari fotovoltaici al posto dell'asfalto




Un nome un programma, anzi, un progetto: si chiama Solar RoadwaysTM e alla lettera significa “carreggiate solari”, ovvero strade fotovoltaiche. L'idea è di un americano, Scott Brusaw, ingegnere specializzato nell'elettronica e nell'elettrotecnica, che insieme alla moglie Julie ha lavorato per anni allo studio e alla realizzazione dei Solar Panel RoadTM, pannelli solari stradali - base, in tutti i sensi, del progetto - che potrebbero rivoluzionare la mobilità in tutto il mondo.

Vediamo nello specifico come si articola l'idea, tutt'altro che fantascientifica: ciascun pannello (2m x 2) è suddiviso in tre livelli, disposti uno sopra l'altro.

-il livello superiore, una lega di vetro speciale, è traslucido e resistente, sopporta grandi pesi, pessime condizioni ambientali e permette all'irraggiamento solare di attraversarlo e “colpire” le celle sottostanti.

-il livello centrale è invece costituito da una fitta rete di celle solari dotate di led, pensate per illuminare la superficie stradale con qualsiasi tipo di segnale: pericolo, traffico, rallentamenti, lavori in corso e, nel caso si rivesta un cortile, anche giochi per bambini.

-il livello inferiore è infine quello che ospita i cavi per la distribuzione dell'energia prodotta ma anche dei segnali telefonici, televisivi, eccetera. Sarà inoltre impermeabile, come il livello superiore, in modo da assicurare il passaggio della corrente.
palom.bella
Partecipante
palom.bella 13/06/2018 ore 18:44 Quota

(nessuno) Tokyo installa le strade solari



Ogni miglio sarà in grado di generare l'energia equivalente a soddisfare il fabbisogno di 500 famiglie. Ma non finisce qui. Il sistema potrà infatti immagazzinare energia tramite piccole batterie poste al livello centrale, così da rimetterla in circolo nei momenti di bisogno. Sarà poi in grado di autoriscaldarsi per sciogliere eventuali strati di ghiaccio in qualsiasi momento, evitando emergenze e spese per i mezzi spargisale. Il tutto gestito da microprocessori disposti ogni quattro metri, che coordinano le diverse funzioni e rendono le Solar Roadways un sistema cosiddetto intelligente.



Molti i riconoscimenti già arrivati. Agli EE Time ACE Awards tenutisi lo scorso mese a San Jose è stato giudicato uno dei quattro progetti più promettenti dell'ingegneria verde. E l'anno scorso l'ideatore Scott Brusow aveva ricevuto un finanziamento di 100.000 dollari dal Dipartimento dei Trasporti Americano per il prototipo, terminato nel febbraio del 2010.



La Solar Roadways è ora al lavoro per “pannellare” i 70 chilometri di autostrada tra Coeur D’Alene e Sandpoint, nell’Idaho. Ma l'obiettivo di Scott è sostituire l'asfalto di ogni strada o parcheggio del mondo... auguri!

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione