Forum - Film

Ogni tipo di film che in qualche modo ci ha colpito

Partecipante
palom.bella 17/05/2018 ore 14:01 Quota

(nessuno) Orange is the new black e la realtà delle donne



Nei media audiovisivi è sempre più comune parlare di femminismo e includere gruppi sociali che fino a non molto tempo fa erano emarginati. Orange is the new black è una di quelle serie che, nonostante i possibili errori, è piuttosto vicina a questo cambiamento che stiamo vivendo.

Smantella molto bene il mito delle prigioni, l’idea che abbiamo dei carcerati o, in questo caso, delle carcerate. A volte sembra che dimentichiamo che in prigione non ci sono solo assassine e assassini, ma anche persone che, a causa di circostanze della vita, hanno commesso un reato e sono finite in prigione. Certo non tutto è perfetto e non dobbiamo dimenticare che abbiamo a che fare con una serie tv, ma ci avvicina un po’ a un mondo che sembrava dimenticato.

Orange is the new black mostra il processo di adattamento alla prigione, i diversi gruppi che si formano in essa, la sopravvivenza delle donne, l’autorità delle guardie, ecc. La serie ha debuttato nel 2013 su Netflix ed è ispirata al libro omonimo di Piper Kerman, a sua volta basato sulla sua esperienza di un anno in una prigione femminile.

Come curiosità per chiudere questa introduzione, aggiungiamo che le immagini che vediamo in apertura della serie sono di vere detenute.
2499034
« immagine » Nei media audiovisivi è sempre più comune parlare di femminismo e includere gruppi sociali che fino a non molto temp...
Discussione
17/05/2018 14:01:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
palom.bella
Partecipante
palom.bella 17/05/2018 ore 14:03 Quota

(nessuno) Orange is the new black e la realtà delle donne

Orange is the new black, addentrandoci in prigione
La serie inizia presentandoci Piper Chapman, una ragazza completamente normale, studentessa universitaria, con una buona posizione sociale, un fidanzato con cui ha intenzione di sposarsi, ha avviato un’attività con il suo migliore amico…

Sembra che la vita sorrida a Piper, ma un giorno riceve la notifica di un crimine commesso circa 10 anni prima. Il crimine in questione è avere trasportato denaro ottenuto dal traffico di droga quando era ancora molto giovane e aver mantenuto una relazione omosessuale con la trafficante di droga Alex Vause, con la quale si troverà in prigione.

Piper dovrà affrontare la dura vita della prigione, mettere da parte le sue comodità e cercare il suo posto. All’inizio sarà molto difficile e sentirà che non ha nulla in comune con il resto delle carcerate, ma nel corso del tempo noterà che alcune non sono poi così diverse da lei. Per trovare il suo posto, dovrà unirsi al suo gruppo, quello delle bianche. Tra le detenute si sono stabilite tribù con gerarchie al loro interno:

-Le nere.

-Le bianche.

-Le latinoamericane.

-Quelle di terza età.

-Il resto delle donne che non appartengono a uno di questi gruppi, come la minoranza asiatica, deve creare il proprio o trovare il proprio posto in una qualsiasi di quelle precedenti.

Le scene della mensa sono tra le più chiare sotto questo aspetto e ricordano una mensa scolastica, dove ognuno deve scegliere il proprio posto. Le distinzioni tra i gruppi si riflettono in tutti gli ambiti, ma soprattutto nei modi di parlare: vediamo che le donne di colore non parlano allo stesso modo delle donne bianche, le donne latinoamericane parlano spagnolo o mescolano inglese e spagnolo, ecc. È molto interessante vedere la serie nella sua versione originale, perché con il doppiaggio l’essenza di alcuni personaggi in parte si perde.

Orange is the new black ci mostra il razzismo e la segregazione all’interno delle prigioni femminili.
palom.bella
Partecipante
palom.bella 17/05/2018 ore 14:04 Quota

(nessuno) Orange is the new black e la realtà delle donne



La varietà di personaggi in Orange is the new black
La serie esplora anche un’infinità di realtà delle donne attuali, inoltre si occupa di problemi come abuso di potere e maschilismo da parte di alcuni agenti penitenziari. Abbiamo personaggi molto diversi in tutti gli ambiti.

Vediamo dirigenti penitenziari che sprecano fondi e tagliano i bilanci a proprio vantaggio, guardie che trafficano sostanze e abusano del loro potere sulle donne detenute. Vediamo anche abuso sessuale, lavoratori che hanno perso la fede e la vocazione per aiutare e capire le detenute, ma anche altri che mostrano umanità e vocazione.

Una degli aspetti più interessanti della serie è che in ogni episodio, oltre all’argomento principale, viene raccontata la storia di una delle detenute; anche il personaggio più secondario, quello che passa inosservato, ha il suo spazio in Orange is the new black.

In questo modo la serie esplora in profondità il passato di questi personaggi e ci mostra perché sono stati arrestati e, in molti casi, lo fa mostrandoci personaggi vicini, che hanno sofferto, che possono aver avuto sfortuna o aver fatto una scelta sbagliata in un certo momento della loro vita.
palom.bella
Partecipante
palom.bella 17/05/2018 ore 14:05 Quota

(nessuno) Orange is the new black e la realtà delle donne



Demistifica l’idea che tutti i cattivi vadano in prigione, ovviamente ci sono personaggi che non hanno rimorso, che hanno davvero ferito o ucciso, ma c’è una grande maggioranza di persone reali con le quali potremmo identificarci ed empatizzare perfettamente.

Orange is the new black salva questi gruppi socialmente emarginati. Suzanne, chiamata “crazy eyes”, presenta alcuni problemi sociali, sintomi di autolesionismo, agisce come una bambina e possiamo riconoscere in lei alcune caratteristiche del disturbo borderline di personalità. Ma anche lei ha il suo spazio e il suo episodio che ci mostrano come è stata la sua vita, vediamo che è stata adottata da bambina e che ha dovuto affrontare molti ostacoli.
palom.bella
Partecipante
palom.bella 17/05/2018 ore 14:06 Quota

(nessuno) Orange is the new black e la realtà delle donne



Anche l’omosessualità è un tema chiave. Fino a non molto tempo fa le lesbiche erano minoritarie o secondarie nel mondo dell’audiovisivo, raramente hanno avuto così tanta rilevanza. In Orange is the new black la maggior parte delle recluse sono omosessuali e altre hanno avuto una relazione omosessuale o hanno ceduto a causa della loro detenzione.

Vi è anche Sophia, una reclusa transessuale interpretata dall’attrice e attivista transgender afro-americana Laverne Cox. Anche questo personaggio ha un passato, prima di diventare il suo vero sé era un uomo sposato e padre di un figlio. Come curiosità, l’attore che interpreta Sophia prima della sua transizione è il fratello gemello dell’attrice.

La serie esplora il problemi relativi all’abuso di sostanze e lo fa in modo molto duro attraverso il personaggio di Tricia, una giovane donna, dipendente dalla droga, che viveva per strada e derubava per sopravvivere.

Anche le detenute della terza età hanno il loro gruppo, c’è anche una suora tra di loro, i personaggi asiatici sono una minoranza, ma anche loro hanno una presenza. In Orange is the new black ci sono tutte e tutte hanno un’importanza.

È una serie che proietta un’altra visione delle carceri femminili, è una serie il cui cast è per lo più femminile, molti sceneggiatori sono donne (anche Jodie Foster ha diretto uno degli episodi) e ci mostra le storie di queste detenute.

Barriere linguistiche, razzismo, omofobia, maschilismo, violenza, tutto appare all’incrocio di cui siamo testimoni in tutti gli episodi. Non le vediamo più come persone lontane, che hanno poco o nulla a che fare con noi, ma come persone normali, come chiunque di noi. E tutto questo in una società sempre più eterogenea e aperta, di cui come cittadini abbiamo la responsabilità continua di lottare per l’uguaglianza.

“Mi azzarderei a pensare che l’Anonimo che ha scritto così tante poesie senza firmarle fosse spesso una donna”
-Virginia Woolf-

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione