Forum - Il Canto del Mare.

Il canto del Mare termina sulla riva o nei cuori di chi l'ascolta? ( Gibran khalil Gibran)

Proprietario
st.elladelmattino 03/06/2018 ore 15:30 Quota

(nessuno) David Bowie: filosofia di un trasformista

Come è ben noto, David Bowie ha vestito i panni di numerosi personaggi: Major Tom, Ziggy Stardust, il Duca bianco, Halloween Jack, ecc… Questa sua mania di “nascondersi” dietro una maschera nacque dall’incontro con Lindsay Kamp – il celebre mimo inglese – che lo formò in senso teatrale quando David Bowie era ancora semplicemente David Jones. Kemp insegnò a Bowie proprio a liberarsi dalla paura e dalle costrizioni, accettando la frammentazione del suo personaggio come un inevitabile passaggio al fine di crearsi un’identità.


Questa sua indole trasformista gli consentì, quindi, di “lasciare liberi l’angelo e il demone che portava dentro di sé“, con l’obiettivo di esprimere più liberamente il suo spirito artistico.


Bowie fu un avido lettore, capace di catturare l’essenza dell’arte altrui e sfruttarla a suo piacimento, sia nelle sue opere che nella cura del suo (dei suoi) personaggio.






La sua immagine venne affiancata più volte a quella di Oscar Wilde – scrittore esteta dell’Inghilterra del secondo Ottocento -, “la prima popstar“, “un’icona culturale che mise tutto il suo genio nella vita e solo il suo talento nelle opere, nel disperato tentativo di tradurre la sua vita in un’opera d’arte“. Proprio come Wilde, infatti, David Bowie si dedicò completamente alla scrittura della sua vita come opera d’arte.

Ecco, dunque, qual è con tutta probabilità la filosofia di Bowie: far della propria vita uno spettacolo teatrale introspettivo e al tempo stesso estrospettivo, capace di comunicare e catturare, capace di coinvolgere le persone fino a farle diventare parte integrante dello show.
2502928
Come è ben noto, David Bowie ha vestito i panni di numerosi personaggi: Major Tom, Ziggy Stardust, il Duca bianco, Halloween...
Discussione
03/06/2018 15:30:24
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    5
ladysorris.o
Amministratore
ladysorris.o 03/06/2018 ore 15:44 Quota

(nessuno) David Bowie: filosofia di un trasformista

@st.elladelmattino :


Rockstar trasformista, decadente, scintillante. Eleganza e glitter, aplomb britannico e ambiguità, scandalo e istituzione. Un alieno caduto dallo spazio, con il dono dell’immortalità, capace di attraversare il tempo senza esserne scalfito.




Un musicista sopraffino. Una voce di velluto. Un provocatore con il gusto dello spettacolo. Mick Jagger, Brian Eno, i Queen, Iggy Pop, Bono. La Storia del Novecento è passata attraverso Bowie, e Bowie ha scritto la Storia del Novecento, come pochi altri artisti.



Sempre capace di anticipare e dettare le mode, innanzitutto con una manciata di hit indimenticabili – di più, generazionali -; e poi con un’immagine sempre diversa, e sempre, inevitabilmente, iconica. La polvere e le stelle.



Stardust, come Ziggy, il suo stage character più significativo e storico. Ma la polvere era per gli altri, perchè Bowie era una stella. Luminosissima, abbagliante
st.elladelmattino
Proprietario
st.elladelmattino 03/06/2018 ore 15:55 Quota

(nessuno) David Bowie: filosofia di un trasformista

@ladysorris.o scrive:
Sempre capace di anticipare e dettare le mode, innanzitutto con una manciata di hit indimenticabili – di più, generazionali -; e poi con un’immagine sempre diversa, e sempre, inevitabilmente, iconica. La polvere e le stelle.

grande artista davvero una perdita enorme

Vuoi partecipare anche tu a questa discussione?

Rispondi per lasciare il tuo messaggio in questa discussione