Forum - Storia

Partecipante
SimpatiaBruna 23/11/2017 ore 13:26 Quota

Triste Terremoto dell’Irpinia e lo scandalo dei soccorsi ritardati

23 novembre 1980 terremoto dell’Irpina, disastro ambientale che colpì la Campania centrale e la Basilicata centro-settentrionale e costò la vita a ben 3 mila persone.
Un evento tristemente ricordato non solo per i danni causati ma anche e soprattutto per i mancati soccorsi, arrivati in notevole ritardo.

In una tranquilla domenica pomeriggio del 23 novembre 1980, alle 19.34, una violenta scossa di magnitudo 6.9, della durata di circa 90 secondi e con ipocentro di 30 km di profondità colpì duramente le province di Avellino, Salerno e Potenza ed in parte anche Napoli.
Ben 679 Comuni furono coinvolti. Le scosse rasero al suolo case, scuole, ospedali ed interi borghi.

Purtroppo i soccorsi non furono tempestivi: all’epoca la Protezione Civile non era molto organizzata ed efficiente e fu molto difficile raggiungere le zone dell’entroterra con i mezzi di soccorso.
Le linee telefoniche ed elettriche furono bruscamente interrotte e la rete ferroviaria smise di funzionare nell’immediato.

La popolazione, in preda alla paura ed al panico, in mancanza di una guida, scappò provocando il blocco di tutte le strade principali. Resti di copri umani continuarono ad emergere dalle macerie anche parecchi giorni dopo.
La situazione d’emergenza fu gestita molto male, tra caos e disordine.
Le autorità locali sembravano del tutto impotenti ed incapaci di prendere provvedimenti per salvare la vita di milioni di persone.
I sopravvissuti continuarono a chiedere aiuto e viveri, che fortunatamente arrivarono da Firenze, Roma, Bologna , le prime città che si mobilitarono in tempo.

Il presidente della Repubblica Italiana, Sandro Pertini, fu il primo a denunciare tale situazione, recandosi sul posto in elicottero, affermando che i soccorsi arrivarono con ben cinque giorni di ritardo.
Il 26 novembre lanciò un messaggio in televisione “Qui non c’entra la politica, qui c’entra la solidarietà umana, tutti gli italiani e le italiane devono sentirsi mobilitati per andare in aiuto di questi fratelli colpiti da questa sciagura.
Perché credetemi il modo migliore per ricordare i morti è quello di pensare ai vivi”.

Tre giorni dopo, Il Mattino di Napoli, in un suo articolo, pose l’attenzione su questa questione.
I telegiornali non erano stati in grado di fornire subito notizie certe e chiare sull’entità del disastro.
Dopo i sopralluoghi in elicottero, si ebbero i primi resoconti.

A tanti anni dal disastro, non sufficienti a dimenticare il dolore, la paura, lo sgomento di quegli attimi di terrore, da cui è scaturito un vero e proprio scandalo politico.
2437546
23 novembre 1980 terremoto dell’Irpina, disastro ambientale che colpì la Campania centrale e la Basilicata centro-settentrionale...
Discussione
23/11/2017 13:26:44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    11
SimpatiaBruna
Partecipante
SimpatiaBruna 23/11/2017 ore 13:28 Quota

(nessuno) Terremoto dell’Irpinia e lo scandalo dei soccorsi ritardati

Quel giorno la natura lasciò il segno in molte famiglie e in molti paesi del sannio. :-( :-( :-(
cheyenne.51
Partecipante
cheyenne.51 23/11/2017 ore 15:37

(nessuno) Terremoto dell’Irpinia e lo scandalo dei soccorsi ritardati

@SimpatiaBruna : lo ricordo come fosse ieri..lo sentimmo sotto i piedi e ci riversammo tutti sul lungomare a distanza di 37 anni stanno ancora cosi' in tanti :ok
1965.bellavita
Partecipante
1965.bellavita 23/11/2017 ore 16:05

(nessuno) Terremoto dell’Irpinia e lo scandalo dei soccorsi ritardati

mi spiace pensare che ci sia gente come noi che ha nella vita la missione di rendere le cose piu' difficili.arrivarono fiumi di soldi per la ricostruzione ma si perdettero nei rivoli del malaffare come spesso succede camorra imprenditori che lucrarono sulla ricostruzione e tanto altro.poi tanta solidarieta.ma il tempo fa dimenticare quello che di brutto e' capitato agli altri se volete una sorta di autodifesa.purtroppo quel terremoto e le sue conseguenze sono ancora uno specchio attuale di un'italia che va a rotoli.peccato che noi cittadini spesso non ce ne accorgiamo o spesso non ci interessa affatto.la classe politica pensa solo a litigare per accaparrarsi piu' voti e facciamo ben poco per farci sentire.
oDiabolik
Proprietario
oDiabolik 23/11/2017 ore 17:03 Quota

(nessuno) Terremoto dell’Irpinia e lo scandalo dei soccorsi ritardati

@SimpatiaBruna scrive:
Quel giorno la natura lasciò il segno in molte famiglie e in molti paesi del sannio.


In molti paesi quel segno è ancora molto evidente...

La discussione è stata chiusa

Non è possibile aggiungere ulteriori interventi alla discussione corrente.