Forum - Storia

cheyenne.51
Partecipante
cheyenne.51 24/10/2017 ore 15:58

(nessuno) Nascita dei tacchi a spillo


Era il 1953 e a Vigevano, terra di scarpe per eccellenza, nascono le prime scarpe con il tacco a spillo, cioè scarpe con tacchi alti 8/10 centimetri. All’epoca si facevano solo in legno, ma essendo quello a spillo piuttosto fine, la geniale soluzione degli abili artigiani di Vigevano fu di fare la base in alluminio, materiale più resistente, che non si sarebbe spezzato come il legno.
L’idea funzionò e da lì in poi il tacco alto, fino al mitico tacco 12, diventò un’icona di femminilità, eleganza e sensualità. Dior lo diffuse in tutta Europa, spesso destando scandalo


Il tacco a spillo ebbe poi un periodo di decadenza tra la fine degli anni ’60 e gli anni ’70, prima perché il movimento hippy e femminista lo rifiutava e ci vedeva un simbolo dell’oppressione maschilista. Poi perché, con la cultura dance in particolare, si diffusero altri tipi di scarpe, come quelle platform.

Ma dagli anni ’80 in poi il tacco a spillo è ritornato di moda e ormai possiamo dire che probabilmente non passerà mai più. Tra brand come Louboutin o Manolo Blahnik (le cui scarpe vengono fatte proprio a Vigevano, il tacco a spillo è diventato un’icona intramontabile. Una lunga storia, al 100% Made in Italy.

E se la mitica Marilyn Monroe in una sua famosa frase diceva “Io non so chi abbia inventato i tacchi alti, ma tutte le donne devono loro molto”, oggi potremmo risponderle: sono stati gli artigiani italiani, a cui tutti dobbiamo molto!


Non tutte riescono a indossarli ma con dei piccoli accorgimenti fanno la gioia di tante donne :-))

Fanno molto "femme fatale" e sono terribilmente affascinanti, per questo prima o poi, si dovrà scendere a patti con un paio di tacchi alti.
Però, com'è noto, camminare con disinvoltura sui tacchi è un po' un'arte.
Ci sono donne che sembrano nate per portare le scarpe con i tacchi ed altre che invece non si sentiranno mai a loro agio con questo tipo di calzature.


:-))
Alessia7890
Moderatore
Alessia7890 25/10/2017 ore 10:55 Quota

(nessuno) Nascita dei tacchi a spillo

@cheyenne.51 :

Come nacquero i tacchi. L’invenzione dei tacchi alti come moda è storicamente attribuibile a Caterina de’ Medici. Siccome era molto bassa e sarebbe stata la sposa del duca di Orleans, un uomo vigoroso e possente, mise all’opera tutti i sarti e stilisti della sua corte per cercare di risolvere l’imbarazzante situazione: è evidente che non volesse sfigurare al fianco di quello che presto sarebbe diventato il re della Francia intera. E fu così che un giorno, durante una festa di ricevimento, si presentò con indosso un paio di scarpe dai tacchi alti sette centimetri. Grazie a questo stratagemma, il suo fisico pareva più slanciato e imponente. La brillante intuizione riscosse un enorme successo e, da quel momento, vennero associati per sempre all’abbigliamento femminile. Se fosse andata davvero così, allora, a breve, potremmo festeggiare il cinquecentenario della loro creazione. Ma la storia è sempre piena di contraddizioni e cercar la verità può diventar impresa davvero ardua.

La discussione è stata chiusa

Non è possibile aggiungere ulteriori interventi alla discussione corrente.