Forum - Leggende, Misteri e Miti

Moderatore
Beyonceee 16/01/2018 ore 09:32 Quota

Impressionato L’ANELLO MALEDETTO DI SENICIANO



In una residenza cinquecentesca dell’Inghilterra meridionale è esposto un anello romano che collega una maledizione del IV secolo a una famosissima opera letteraria del XX.
L’anello d’oro fu scoperto, nel 1785, in un campo nell’Hampshire, vicino all’antica città romana di Silchester, e colpì subito l’attenzione degli studiosi, perché coniugava alcuni elementi pagani ad altri cristiani.
L’anello ha dieci facce, con un castone su cui è inciso il profilo di una divinità femminile, che un’iscrizione in caratteri curati disposti ai lati del castone identifica con VE·NVS, la dea Venere; i caratteri sono incisi in riflesso, in modo che quando l’anello veniva utilizzato come sigillo per firmare documenti il nome della dea fosse leggibile in maniera corretta.
Ma in epoca successiva alla sua creazione, una seconda mano incise sulle facce dell’anello, con caratteri meno curati, un’iscrizione chiaramente cristiana: «SENICIANE VIVAS IIN DE», che avrebbe dovuto significare «Seniciano, che tu possa vivere in (grazia di) Dio», se non fosse che l’inesperto incisore ripeté per due volte la lettera `I’, non lasciando spazio per la `O’ finale di `DEO’.



La commistione di caratteri pagani e cristiani in un anello britannico del IV secolo rimase solo una curiosità per qualche tempo, ovvero fino a quando nel 1929 l’archeologo Mortimer Wheeler collegò l’anello di Seneciano a una «defixio», una maledizione romana incisa su di una placca di piombo, trovata nel tempio del dio Nodens a Lydney, a più di cento kilometri da Silchester.
Le «defixiones» erano pratiche magiche romane, una sorta di maledizione che veniva incisa su di un foglio di piombo, chiedendo alla divinità di colpire un avversario della persona che malediceva; il foglio di piombo veniva poi ripiegato e inserito all’interno di un tempio, di una fonte, e talvolta anche nelle tombe.
Nella «defixio» di Lydney, un certo Silviano invoca il dio celtico Nodens, affermando di aver perduto un anello, e di aver donato metà del valore di questo anello al dio; in cambio, Silviano chiede a Nodens di negare la buona salute a coloro che si chiamano Seniciano finché l’anello non sarà restituito!

L’anello di Silchester e la «defixio» di Lydney ricostruiscono un antico furto con maledizione del ladro: il pagano Silviano possedeva un anello-sigillo di pregevole fattura, dedicato alla dea Venere; il cristiano Seniciano sottrasse questo anello d’oro a Silviano, e vi fece incidere sopra il proprio nome, e una formula augurale cristiana; Silviano si rivolse alle potenze divine, invocando l’intervento del dio Nodens affinché colpisse Seniciano fintanto che non avesse restituito l’anello; Seniciano perse, probabilmente, l’anello, che fu poi ritrovato secoli dopo.
Ma cosa c’entra il romanzo del XX secolo?

Quando Wheeler mise in collegamento l’anello di Seniciano con la «defixio» di Silviano, si rivolse al Professore di Anglo-Sassone di Oxford per investigare l’origine del nome celtico del dio Nodens: non fu probabilmente un caso se qualche anno dopo quel professore, che rispondeva al nome di John Ronald Reuel Tolkien, compose una saga la cui trama vede come elemento d’unione un anello perduto, desiderato, trovato e poi perduto ancora.
2459910
« immagine » In una residenza cinquecentesca dell’Inghilterra meridionale è esposto un anello romano che collega una maledizione ...
Discussione
16/01/2018 09:32:58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
SimpatiaBruna
Partecipante
SimpatiaBruna 16/01/2018 ore 14:26 Quota

(nessuno) L’ANELLO MALEDETTO DI SENICIANO

@Beyonceee :

Rinvenuto nel 1785 da un contadino intento ad arare il suo campo nei dintorni di Silchester, il gioiello ha alle proprie spalle una maledizione vecchia di circa duemila anni. Trent’anni dopo il ritrovamento dell’anello, nella zona conosciuta come “Collina del Nano”, sito romano con antiche miniere e un tempio celtico dedicato al dio guaritore Nodens, venne alla luce una tavoletta con un’oscura iscrizione:

Deuo Nodenti Silvianus anilum perdedit demediam partem donauit Nodenti inter quibus nomen Seniciani nollis petmittas sanita tem donec perfera(t) usque templum dentis.

Che, tradotto, vuol dire:

Al Dio Nodens: Silviano ha perso il suo anello e ha donato metà del suo valore a Nodens. Tra coloro che portano il nome di Seniziano, a nessuno di essi venga concessa la salute finché non avranno riportato l’anello al tempio di Nodens.
1965.bellavita
Partecipante
1965.bellavita 16/01/2018 ore 17:07

(nessuno) L’ANELLO MALEDETTO DI SENICIANO

@antioco1 scrive:
ciao e grazie

:ok
Alessia7890
Moderatore
Alessia7890 17/01/2018 ore 10:09 Quota

(nessuno) L’ANELLO MALEDETTO DI SENICIANO

@Beyonceee :

Monile di origine romana, raffigura una testa con indosso un diadema – forse una raffigurazione di Venere – e reca una scritta (incisa a posteriori rispetto alla fusione originaria) lungo i suoi dieci lati: “SE | NI | CIA | NE | VI | VA | S | II | NDE”. Diverse fonti interpretano la scritta come una dichiarazione di fede monoteistica accorciata, visto come “Senicianus vivas in Deo”. Una fonte ottocentesca, tuttavia, suggerisce che sia più probabile “Senicia ne vivas iinde”, essendo iinde una forma troncata di una qualsiasi delle molte parole che iniziano con “INDEC” – la maggior parte delle quali indicano il disonore. Ciò si tradurrebbe in “Senicia non vive indecentemente”, il che spiegherebbe la presenza della testa di Venere come simbolo di castità e di onore. In entrambi i casi di traduzione sarebbe un bel contrappunto alla maledizione che grava su questo piccolo oggetto.

La discussione è stata chiusa

Non è possibile aggiungere ulteriori interventi alla discussione corrente.