Forum - Leggende, Misteri e Miti

x.AMARANTHA
Partecipante
x.AMARANTHA 24/01/2017 ore 16:08

Emozionato LA MAJELLA : la leggenda di Maja

LA MAiELLA
La leggenda narra che Maja, la più bella delle Pleiadi, fuggì dalla Frigia, per portare in salvo l’unico figlio, un gigante stupendo, ferito gravemente in una battaglia e inseguito dal nemico. Con una zattera sdrucita attraversò il mare e riuscì ad approdare nei pressi del porto dell’antica città di Ortona - “Orton”- dopo un tragico naufragio. Qui, temendo di essere raggiunta dagli inseguitori, prese in braccio il gigante ferito e continuò la sua fuga scalando il Gran Sasso, dove una caverna, nell’aspra roccia, offrì un rifugio ai due fuggitivi.

x.AMARANTHA
Partecipante
x.AMARANTHA 24/01/2017 ore 16:11

(nessuno) LA MAJELLA : la leggenda di Maja

Lì la diva Maia cercò, e sperò, di mantenere in vita l’adorato figliolo con il suo amore materno, ma dopo qualche tempo il giovane morì lasciando la ninfa in un’angoscia infinita.
Per vari giorni pianse disperatamente accanto al corpo del figlio e, successivamente, lo seppellì su una vetta del monte, dove ancora oggi, chiunque osservi da levante, può riconoscere nel profilo della catena montuosa il "Gigante che dorme".

Dopo la morte del gigante, Maia non ebbe più pace. Sconvolta, in preda alla disperazione, cominciò a vagare sui monti e neanche i suoi congiunti più cari riuscirono a frenarne il pianto disperato. Il cordoglio e l’angoscia furono talmente grandi, da stringere il cuore della povera madre, fino a farla morire. I parenti della dea, con cortei imponenti, raggiunsero Maia portando vesti ricche di ori e di gemme, ghirlande di fiori e di erbe aromatiche, vasi d’oro e d’argento, e, dopo averla adornata con i loro preziosissimi doni, la seppellirono sulla maestosa montagna di fronte al Gran Sasso, che, da quel giorno, in sua memoria, fu chiamata Maiella.

x.AMARANTHA
Partecipante
x.AMARANTHA 24/01/2017 ore 16:14

(nessuno) LA MAJELLA : la leggenda di Maja

La montagna, prese così la forma di una donna impietrita dal dolore riversa su se stessa con lo sguardo fisso al mare. Ancor oggi i pastori odono i suoi lamenti nelle giornate di vento quando i boschi e i valloni riproducono il lamento di una Madre in lacrime.
Per le genti d'Abruzzo la Majella è la Madre, il simbolo della terra d'Abruzzo, della fertilità della terra è … la Terra stessa.

x.AMARANTHA
Partecipante
x.AMARANTHA 24/01/2017 ore 18:28

(nessuno) LA MAJELLA : la leggenda di Maja

@oDiabolik : :rosa :bacio
Alessia7890
Moderatore
Alessia7890 25/01/2017 ore 12:10 Quota

(nessuno) LA MAJELLA : la leggenda di Maja

La Majella, con i 2.795 m. del Monte Amaro, è la seconda montagna più alta dell'intera catena appenninica, sopravanzata solo dal maestoso Gran Sasso (2.912 m.)

La discussione è stata chiusa

Non è possibile aggiungere ulteriori interventi alla discussione corrente.