Forum - Diabolik and friends

Proprietario
oDiabolik 13/03/2017 ore 17:44 Quota

Emozionato Diabolik - L’assassino fantasma

L’assassino fantasma è il sesto albo della prima serie di Diabolik, uscito nelle edicole il 10 giugno del 1963.
Diabolik sta cercando di arruolare i migliori falsari della città.
Chi rifiuta la sua offerta muore.
La polizia arranca sulle sue tracce: quale sarà il vero piano del re del terrore?




L’assassino fantasma fumetto
Lingua orig. italiano
Paese Italia
Testi Angela e Luciana Giussani
Disegni Erminio Ardigò
Editore Astorina
Collana 1ª ed. Diabolik n. 1 – prima serie
Periodicità mensile
2334723
L’assassino fantasma è il sesto albo della prima serie di Diabolik, uscito nelle edicole il 10 giugno del 1963. Diabolik sta...
Discussione
13/03/2017 17:44:56
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
oDiabolik
Proprietario
oDiabolik 13/03/2017 ore 17:47 Quota

(nessuno) Diabolik - L’assassino fantasma

Copertina

Nella copertina originale si vede Diabolik sul tetto con un pugnale zuppo di sangue ed il suo sguardo assassino, in primo piano una donna terrorizzata e come sfondo i palazzi bui
il cielo blu e una luna piena che rischiara il nostro criminale preferito...
In quarta di copertina è ritratta Nanà, la donna di Pinon.


oDiabolik
Proprietario
oDiabolik 13/03/2017 ore 17:52 Quota

(nessuno) Diabolik - L’assassino fantasma

Trama

Pinon, un falsario, esce di prigione dopo aver scontato una condanna, e l'unica cosa a cui pensa è rivedere Nanà, la sua donna.
Non riesce a trovarla, ed è pieno di inquietudine e gelosia quando rientra nella sua baracca.
Qui gli capita una cosa sconvolgente: percepisce la presenza di qualcuno non fa neppure in tempo ad articolare un pensiero, che vede un pugnale saettare davanti ai suoi occhi, sente il gelo della lama che si appoggia sulla sua gola.
Una voce dal buio della notte gli dice che Diabolik ha bisogno di lui.


oDiabolik
Proprietario
oDiabolik 13/03/2017 ore 17:58 Quota

(nessuno) Diabolik - L’assassino fantasma

Curiosità

Diabolik appare sempre con la tuta e il cappuccio, anche quando sta con Eva.
Inoltre c’è un senso di analogia, nel momento in cui Eva è sulla porta della villa e aspetta il suo uomo,
chiamandolo Diabolik, e la sua comparsa improvvisa, con l'attesa di Elisabeth nella villa di Diabolik nel terzo episodio.




Diabolik trasforma un "semplice" furto in banca (semplice per un criminale della sua caratura) in un piano beffardo fa capire in pieno il senso del personaggio che non ruba per avarizia o ingordigia ma per il gusto della sfida il re del terrore non si vede quasi mai, ma la sua presenza terrificante si avverte nella concezione che i personaggi vari hanno di lui nelle stesse parole di Eva (personaggio ancora non ben definito) si avverte la paura alcune soluzioni (come il trucco del braccio di gomma) oggi fanno sorridere, però se ci si approccia a questi grandi classici con la mentalità giusta, si può godere a pieno della genialità delle sorelle Giussani.

Tra le curiosità c'è da aggiungere che è il primo episodio in cui gli occhi di Diabolik si fanno più umani o meglio vicini ai nostri tempi nei numeri prima invece i suoi occhi appaiono ancora fuori dal comune.
oDiabolik
Proprietario
oDiabolik 13/03/2017 ore 18:01 Quota

(nessuno) Diabolik - L’assassino fantasma

Note

Che bel modo di cominciare l'estate del 63,con una storia che ci mostra un Diabolik beffardo e crudelissimo come solo agli esordi sapeva essere.

Una Lady Kant nel ruolo di spalla e non certo comprimaria,che a stento conosce i piani del suo amato,
amato che come nei primi Diabolik succedeva spesso viene creduto una potenza (uno dei falsari esclama "ma lui è Diabolik e la sua potenza non ha limiti"), non come adesso dove anche le casalinghe di quartiere studiano un piano per rapire o lui o Eva e chiedergli un riscatto, riscatto che puntualmente non verrà pagato e sancirà la morte degli ingenui rapitori convinti di essere più furbi, almeno nei primi Diabolik chi si metteva contro di lui erano potentissime organizzazioni criminali!!

Viene citato un grande contrabbandiere amico di Diabolik che alla sua morte gli avrebbe regalato la villa e con essa il segreto che contiene.

Altre differenze delle prime serie con le storie che si sono succedute sono la continua paura di Eva dello stare con il re del terrore (lo chiama Diabolik e non Lui), le minacce più o meno velate che Diabolik rivolge alla sua complice "Basta Eva io ti amo, ma se ti metterai contro di me...",
la servitù nella villa (ve li immaginate oggi Diabolik ed Eva con una cameriera?) e l'uccidere spietatamente anche il povero falsario Kalamur "reo" di aver visto qual' era l'entrata segreta del rifugio di Diabolik.

Meraviglioso infine il braccio di gomma con pugnale che uccide chiunque si opponga a lui.

Da notare anche che la moneta viene nominata (lire, franchi).

Un numero con la N maiuscola, anche se alcune soluzioni sembrano un po’ forzate, ma rispecchiano la caratteristica principale del personaggio in quegli anni, la beffa!

La discussione è stata chiusa

Non è possibile aggiungere ulteriori interventi alla discussione corrente.