Forum - Arte e Cultura

Amministratore
GustavoG 05/09/2018 ore 11:33 Quota

Emozionato Street art: la vie dei murales a fumetti attraversano Bruxelles.



Bruxelles non è solo la capitale belga, è anche la città del fumetto.

Musei, bar e persino strade sono dedicate ai fumetti ed ai loro divertenti e popolari personaggi.

Sui muri e sulle facciate degli edifici del centro cittadino, si contano oltre 30 opere di street art.

Si tratta di un vero e proprio percorso artistico in cui “si incontrano”

Asterix e Lucky Luke, Tintin, Nerone e tanti altri.



Le autorità locali hanno voluto rendere Bruxelles una vera e propria città del fumetto con il progetto iniziato nel 1991, nato in collaborazione con il museo Belgian Comic Strip Center.

Il Comic Book Route è il percorso dedicato al mondo dei fumetti che si snoda nel cuore di Bruxelles.

2550399
« immagine » Bruxelles non è solo la capitale belga, è anche la città del fumetto. Musei, bar e persino strade sono dedicate ai f...
Discussione
05/09/2018 11:33:30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    10
tex.965
Partecipante
tex.965 05/09/2018 ore 12:19 Quota

(nessuno) Street art: la vie dei murales a fumetti attraversano Bruxelles.

@GustavoG scrive:
Street art: la vie dei murales a fumetti attraversano Bruxelles.




Bagi2017
Partecipante
Bagi2017 06/09/2018 ore 10:58 Quota

(nessuno) Street art: la vie dei murales a fumetti attraversano Bruxelles.

@GustavoG :

BRUXELLES CAPITALE DEL FUMETTO

Bruxelles è considerata la capitale europea del fumetto o, in francese, de la bande dessinée, letteralmente “la striscia disegnata”. I Puffi, Tintin e Lucky Luke, solo per citarne alcuni, sono usciti dalle matite di disegnatori belgi e nel tempo hanno raggiunto le pagine di riviste e giornali di tutta Europa e del mondo intero.

Questa forma d’arte è così importante per la capitale che le è stato dedicato un intero museo, il Centro Belga del Fumetto o Centre Belge de la Bande Desinée, aperto nel 1989.

Insieme a lui sono nati anche il MOOF, un museo interamente dedicato alle figurine (action figures, bambole, pupazzi, ambientazioni ricostruite in miniatura nei minimi dettagli…), negozi interamente dedicati alla vendita e allo scambio di materiale da collezione e studi dove gli appassionati possono partecipare a workshop e corsi.

Il progetto che però ha davvero consacrato Bruxelles a capitale del fumetto è quello che ha colorato le pareti dei suoi edifici. Dagli anni Novanta a oggi, infatti, oltre cinquanta palazzi della città si sono trasformati in gigantesche tele sulle quali i disegnatori hanno ridato vita ai personaggi più famosi delle bandes dessinées belghe e francesi.

E così Asterix è comparso su un muro affacciato su un campo da calcio, Marsupilami su una parete del quartiere di Marolles e Tintin sta inseguendo chi sa chi o chi sa cosa su quello di una casa a due passi dalla Grand Place.

I murales sono davvero tanti e non tutti nel centro città, quindi, se avete pochi giorni a disposizione, non vi sarà possibile scoprirli tutti, a meno che non vi dedichiate solo a loro. Potete passeggiare per la capitale e sperare di incontrarne qualcuno per caso (non sarà difficile) oppure potete visitare il sito Visit.Brussels e segnarli su una mappa uno per uno.

La discussione è stata chiusa

Non è possibile aggiungere ulteriori interventi alla discussione corrente.